Definizione scacco matto

L'espressione scacco matto appartiene al campo degli scacchi . Questo è ciò che viene chiamato il gioco che conclude il gioco e che significa ottenere la vittoria per colui che è riuscito a eseguirlo.

scacco matto

Quando un giocatore mette il re avversario sotto minaccia diretta, lo lascia sotto controllo . In questa situazione, l'avversario deve fare una mossa che permetta al re di essere protetto. Se non c'è un set possibile che salva il re, è uno scacco matto e il gioco finisce.

L'origine della frase scacco matto deriva dalla lingua persiana e allude al fatto che il re è intrappolato o non ha scampo . Questo, negli scacchi, comporta la perdita del gioco .

Per uscire dall'assegno, il re può essere spostato in una fuga che lo porta fuori dalla portata dei pezzi rivali; interporre un pezzo entra nel pezzo aggressore e il re; o catturare il pezzo aggressore. Se nessuna di queste opzioni può essere realizzata, è uno scacco matto. Altrimenti, il gioco continua, non si verifica più finché uno dei giocatori non ritorna per generare una situazione di quel tipo.

Nel linguaggio colloquiale, l' idea di scacco matto viene utilizzata per porre fine ad un argomento o ad un problema . Ad esempio: "Scacco matto al progetto filogovernativo: la Corte Suprema lo ha dichiarato incostituzionale", "Se le autorità non prendono misure, la contaminazione metterà a scacco matto la biodiversità della regione", "Il quarto obiettivo della squadra ospite è stato il controllo amico . "

"Jaque mate", infine, è stato un telenovela trasmesso dalla National Television of Chile nel 1993 . I protagonisti erano Francisco Reyes e Paulina Urrutia .

Raccomandato
  • definizione: ovocita

    ovocita

    Conoscere l'origine etimologica del termine ovocita ci porta ad analizzare che esso proviene dal greco. In particolare, è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: "oo", che può essere tradotto come "uovo" e "kytos", che è equivalente a "cella". G
  • definizione: padiglione

    padiglione

    Padiglione è un termine che ha la sua origine etimologica nel vecchio paveillon francese. Può essere una tenda o una tenda che ha un aspetto conico grazie all'utilizzo di vari pali e corde. Ad esempio: "Quando ha iniziato a piovere, ci siamo rifugiati nel padiglione del cibo" , "La fiera è formata da diversi padiglioni dove gli artigiani offrono i loro prodotti" , "Vorrei installare un padiglione nel giardino per dormire fuori in le notti più calde . &q
  • definizione: drenaggio

    drenaggio

    Il drenaggio è un termine che deriva dal drenaggio francese e che si riferisce all'azione e all'effetto del drenaggio . Questo verbo, a sua volta, significa assicurare l'uscita di liquidi o l'eccessiva umidità attraverso condutture, tubi o fossati. Per l' ingegneria e la pianificazione urbana, il drenaggio è il sistema di tubazioni interconnesse che consente l'evacuazione dell'acqua piovana o di altri tipi di liquidi . I
  • definizione: adattamento

    adattamento

    Come per molte delle parole in spagnolo, il termine adattamento deriva dal latino. All'interno della lingua di cui sopra, la sua origine risiede nella parola adaptare, che è un verbo composto da due parti. Quindi, in primo luogo c'è l' annuncio prefisso, che significa "verso", e in secondo luogo troviamo il verbo aptare che verrebbe tradotto come "aggiusta" o "equip".
  • definizione: pigiama

    pigiama

    L'origine del termine pigiama è piuttosto complicata, dal momento che una serie di lingue entrano in gioco. Così, il castigliano lo prese dal "pigmeo" inglese e questa lingua fece lo stesso del "paegama" indostano, che divenne pantaloni larghi e larghi indossati dai maomettani.
  • definizione: sulle persone

    sulle persone

    La tratta di esseri umani è un crimine che consiste nel rapimento, trasferimento o ricezione di esseri umani mediante minacce, violenza o altri meccanismi coercitivi (frode, abuso di posizione dominante, ecc.). Considerata schiavitù moderna , la tratta di esseri umani comporta l' acquisto e la vendita di persone , in cui la vittima è soggetta all'autorità di un altro soggetto. Ti