Definizione magia

La magia viene dalla magia latina che, a sua volta, risale a una parola greca. Riguarda l' arte con cui si intende produrre risultati contrari alle leggi naturali . Questa arte usa parole, incantesimi e vari atti ed elementi.

magia

Il concetto di magia è usato sia per denominare la scienza nascosta con una pretesa di realtà sia per lo spettacolo che, usando trucchi, cerca di ingannare lo spettatore con situazioni incredibili e fuori dalla logica. In quest'ultimo caso, le persone sanno che ciò che stanno vedendo non è reale (come la scomparsa di un oggetto o la mutilazione di una persona ), ma non riesce a scoprire il segreto dietro l'illusione.

La magia può essere compresa in diversi modi. La religione e numerosi culti pagani o rituali hanno una componente magica o soprannaturale. Credere che qualcuno possa tornare dalla morte è un atto di fede che, per un non credente, suppone qualcosa di magico (al di fuori delle leggi naturali) e, quindi, impossibile.

Maghi, stregoni e stregoni sono quelli che amministrano la magia. Alcuni affermano di avere poteri soprannaturali e altri sostengono di essere veicoli di Dio . Occultismo, esoterismo e superstizione sono anche legati al pensiero magico.

Nel corso della storia, la magia perse il suo posto preponderante nella cultura prima della crescita del razionalismo e della sostituzione del pensiero magico con la religione.

Nel linguaggio quotidiano, la magia è associata al fascino di qualcuno o qualcosa . Ad esempio: "Quando è entrato nella stanza, ha eclissato tutti i presenti con la sua magia", "La magia del talentuoso volante è stata la chiave per la vittoria" .

Magia nera

magia È noto con il nome di magia nera per la serie di atti che propongono metodi e fini mal visti dalla società in cui vengono condotti. Questi sono incantesimi che cercano di influenzare negativamente il destino di uno o più individui, causando problemi di salute, incidenti o la perdita delle loro proprietà, tra le altre disgrazie.

Attraverso la magia nera, si cerca il dominio o il controllo di altri esseri viventi, e per questo viene usata una serie di strumenti che teoricamente danno ai loro utenti poteri eccezionali. Vale la pena ricordare che secoli fa non esisteva una chiara linea di divisione tra religione, scienza e queste pratiche malvagie. Fu solo con l'arrivo del tredicesimo secolo che le loro strade iniziarono a separarsi.

La magia nera cerca di causare danni agli individui o al mondo intero, dato che è in grado, secondo i suoi seguaci, di generare alterazioni in qualsiasi tipo di materia organica e inorganica, anche da remoto. Il grande potere di uno stregone nasce dalla sua relazione con le gerarchie delle tenebre. Per neutralizzare i suoi effetti, c'è la magia bianca.

D'altra parte, si chiama ematomancia o magia rossa a uno che usa l'uso del sangue e di altri tessuti organici per i loro incantesimi. Oggigiorno, molte civiltà occidentali considerano una sorta di magia nera, specialmente quando le componenti viventi usate per incantesimi appartengono a terzi, a qualcuno che si desidera influenzare.

La magia rossa può avere obiettivi relativamente positivi, come l'infatuazione e la realizzazione sessuale, sebbene il suo uso a fini distruttivi e manipolativi sia più comune. Quando si usano i tessuti della persona che esegue l'incantesimo può essere considerata magia bianca.

Infine, la magia che evoca gli spiriti dei defunti e controlla i demoni è nota come negromanzia . Per molto tempo fu praticato nelle corti di re e pontefici, finché la teologia scolastica riuscì a sradicarlo.

Raccomandato
  • definizione popolare: pensiero

    pensiero

    Secondo la definizione teorica, il pensiero è ciò che è portato alla realtà attraverso l'attività intellettuale . Pertanto, si può dire che i pensieri sono prodotti elaborati dalla mente , che possono apparire dai processi razionali dell'intelletto o dalle astrazioni dell'immaginazione . Il p
  • definizione popolare: qualità

    qualità

    Le qualità sono le caratteristiche che contraddistinguono e definiscono le persone , gli esseri viventi in generale e le cose. Il termine deriva dalla qualità latina e consente di riferirsi al modo di essere di qualcuno o qualcosa. Una qualità può essere una caratteristica naturale e innata o qualcosa acquisito con il passare del tempo . Qu
  • definizione popolare: logo

    logo

    Un logo è un simbolo che consente l' identificazione di un marchio, un'azienda, un'organizzazione o un prodotto . Conosciuto come logo nel linguaggio colloquiale, è una rappresentazione grafica . Ad esempio: "L'azienda farmaceutica ha presentato il suo nuovo logo in occasione di un evento tenutosi presso l'Hotel Presidente" , "Il comune ha lanciato un concorso per la creazione di un logo" , "Il produttore ha deciso di recuperare il suo vecchio logo per l'uso nel nuovissimo modello di maglia della squadra nazionale di calcio " .
  • definizione popolare: premio

    premio

    Il premio è un concetto che viene utilizzato nel campo del diritto per nominare una risoluzione emessa da un arbitro o un compoundatore amichevole che consente di risolvere una controversia tra due o più parti. La decisione dell'arbitro può essere paragonata alla sentenza dettata da un giudice , sebbene la giurisdizione del giudice sia stabilita dalla legge e la giurisdizione dell'arbitro sia nell'autonomia della volontà. Ci
  • definizione popolare: rielezione

    rielezione

    La rielezione è l' azione e il risultato della rielezione . Questo verbo si riferisce alla scelta di qualcosa di nuovo . L'uso del termine, comunque, è associato all'ambito della politica . La rielezione, in questo senso, consiste nel tornare a votare a un funzionario affinché continui a occupare la stessa posizione. I
  • definizione popolare: suffisso

    suffisso

    La parola latina suffixus deriva in suffisso , un concetto che viene usato in grammatica per denominare l' affisso che viene aggiunto alla fine di una parola . Un affisso, d'altra parte, è una sequenza linguistica che altera il significato di un termine. Suffissi, quindi, sono affissi che vengono posticipati, a differenza dei prefissi (che vengono posti prima della parola).