Definizione mammiferi

I mammiferi ( Mammalia ) sono animali vertebrati a sangue caldo e sono classificati in due grandi gruppi: vivipari, ornitorinco ed echidna .
Nella maggior parte dei mammiferi, i feti si sviluppano nell'utero e, una volta accesi, si nutrono del latte che la madre produce per loro e si accumula nei loro seni ; comunque ci sono delle eccezioni, negli ultimi due gruppi i bambini menzionati vengono fecondati in un uovo e una volta nati si nutrono di piccole larve e piccoli semi che le loro madri raccolgono per loro. È importante ricordare che i mammiferi appartengono a un taxon monofiletico, vale a dire che tutte le specie condividono lo stesso antenato.

mammiferi

Ci sono più di 5.410 specie di mammiferi, che mostrano la grande diversità di questo tipo di animali. Il più grande mammifero, la balena blu, può pesare circa 160 tonnellate; Il pipistrello del maiale di Kitti, d'altra parte, è il mammifero più piccolo, con solo due grammi di peso. Gli esseri umani, d'altra parte, sono anche mammiferi.

La varietà di mammiferi significa che possono essere presenti in ambienti diversi come il deserto, la giungla, le giungle tropicali e il ghiaccio polare, per esempio.

Particolarità dei mammiferi

Tutti i mammiferi discendono da una specie conosciuta come sinapsidi primitivi, che apparteneva al gruppo degli amnioti del tetrapode che abitavano il pianeta circa 280 milioni di anni fa e che è venuto a sostituire la predominanza dei rettili e ne è rimasta la maggioranza fino all'inizio del Periodo. Triassico; in quel momento nacquero i dinosauri che, a causa delle loro qualità più forti, bandivano i sinapsidi dal trono. I pochi sopravvissuti (i multitubercolati e gli australosfénidos) divennero i primi mammiferi del Giurassico medio.

È a questo punto, probabilmente, dove è più facile stabilire la classificazione di una specie all'interno di questo gruppo; poiché, nonostante le differenze nello sviluppo evolutivo di ciascuna specie in particolare, esistono alcune novità esclusive conosciute come sinapomorfie che si riflettono solo negli animali appartenenti a questo gruppo; sono su certe caratteristiche anatomiche e fisiologiche. Sono:
* Un singolo osso dentale che differisce in ciascuna specie in base al tipo di alimentazione e che è contenuto in una mascella;

mammiferi * Una mascella articolata con il cranio che permette loro di nutrirsi usando il dente senza staccarlo dalla testa;

* Un sistema uditivo costituito da tre ossa nell'orecchio medio (martello, incudine e staffa), caratteristico di tutti i mammiferi tranne i monotremi, che hanno un orecchio di rettile;

* Capelli in tutto il corpo in tutte le fasi della vita e una catena ossea;

* Ghiandole mammarie che permettono loro di secernere latte per nutrire i loro piccoli nella prima fase della crescita.

D'altra parte, il sesso del mammifero è determinato dall'esistenza di due cromosomi nel momento in cui si forma lo zigote. Questi cromosomi sono noti come X e Y.

Inoltre, è necessario sottolineare che la maggior parte dei mammiferi ha un sistema nervoso centrale che consente loro di percepire il mondo e di rispondere agli stimoli esterni elaborando le informazioni in modo astratto. È grazie a quel sistema nervoso che percepiscono i dolori in una certa parte del corpo e che, secondo le loro esperienze, possono prevedere o anticipare determinati pericoli che sanno che li influenzeranno negativamente.

Raccomandato
  • definizione: gesto

    gesto

    Ademán è un concetto con un'origine etimologica molto interessante. Il termine deriva da una parola araba classica che si riferiva a una garanzia di tipo legale . Quando una persona ha cercato di sostituire la garanzia , ha fatto appello a promesse o giuramenti accompagnati da gesti pomposi . In questo modo, il senso del gesto stava cambiando fino a quando non era associato ai movimenti che un individuo compie per trasmettere un messaggio o dare qualcosa da capire .
  • definizione: equilibrio

    equilibrio

    Dal latino aequilibrum , il termine equilibrio si riferisce allo stato di un corpo quando le forze opposte che agiscono su di esso si compensano e si distruggono a vicenda. È noto come equilibrio, d'altra parte, la situazione in cui un corpo è quando, nonostante abbia poca base di appoggio, riesce a rimanere senza cadere .
  • definizione: eloquente

    eloquente

    Dalla parola latina elŏquens , l' aggettivo eloquente è usato per descrivere ciò che conta con l' eloquenza o ciò che si esprime con detta caratteristica. Per sapere a cosa si riferisce la nozione di eloquente, è essenziale conoscere il significato dell'eloquenza. Questa è la cosiddetta capacità di scrivere o parlare in modo tale che il destinatario sia mosso o convinto di qualcosa . Una p
  • definizione: ipotalamo

    ipotalamo

    L' ipotalamo è un'area del cervello che si trova sotto il talamo e può essere inquadrata nel diencefalo . Attraverso il rilascio di ormoni, l'ipotalamo è responsabile della regolazione della temperatura corporea, della sete, della fame, dell'umore e di altre questioni di grande importanza. Q
  • definizione: tachymetry

    tachymetry

    Per scoprire il significato del termine tachimetria, è necessario che, in primo luogo, procediamo a conoscere la sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo determinare che è una parola che deriva dal greco, poiché è il risultato della somma di due parti chiaramente differenziate come queste: -L'aggettivo "takhys", che può essere tradotto velocemente. -Il
  • definizione: carola

    carola

    Un canto è una canzone breve e popolare con un ritornello . È una composizione musicale (con la sua forma poetica associata) che è nata sotto forma di canzone profana e che ha guadagnato molta popolarità quando la gente ha iniziato ad associarla al Natale . A poco a poco, i canti iniziarono a essere cantati nei templi e nelle chiese. I