Definizione galoppo

La nozione di galoppo si riferisce alla marcia di un equino che raggiunge una velocità maggiore rispetto al trotto . Il cavallo, quando galoppa, si muove per salti e, in alcuni momenti della sua avanzata, rimane con tutte le sue gambe in aria (vale a dire, senza supporto nel terreno).

galoppo

Se l' animale avanza in modo ritmico e senza raggiungere una grande velocità, si parla di galoppo prolungato o galoppo . D'altra parte, quando corre più veloce che può, è un galoppo piatto .

Il galoppo, in breve, è un'aria : un modo di camminare il quadrupede che di solito è domato. Quest'aria ha tempi diversi e la sua velocità dipende dalle caratteristiche del cavallo. Gli animali da corsa, ad esempio, possono galoppare molto più velocemente di altri cavalli che non sono pronti per la competizione.

L'aria più lenta del cavallo è il passo, che può svilupparsi come passaggio libero, medio o lungo. In questo caso, ci sono sempre due elmetti sul terreno contemporaneamente. Se l'animale aumenta la velocità, inizia a fare jogging. C'è il trotto del lavoro, il trotto riunito, il trotto medio e il trotto lungo. L'aria successiva, quando la velocità aumenta di nuovo, è il galoppo. A differenza delle altre arie, nel galoppo avviene la pausa, come è noto nel momento in cui l'animale ha i quattro elmetti in aria.

Le espressioni "al galoppo", "al galoppo" o "galoppo", d'altra parte, alludono a un'azione che viene eseguita ad un ritmo accelerato. Ad esempio: "Il fronte della tempesta si avvicina alla nostra città al galoppo", "Questo sovrano si è arricchito con un galoppo di atti corrotti", "Non possiamo realizzare un affare così grande al galoppo" .

Raccomandato
  • definizione: ovocita

    ovocita

    Conoscere l'origine etimologica del termine ovocita ci porta ad analizzare che esso proviene dal greco. In particolare, è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: "oo", che può essere tradotto come "uovo" e "kytos", che è equivalente a "cella". G
  • definizione: padiglione

    padiglione

    Padiglione è un termine che ha la sua origine etimologica nel vecchio paveillon francese. Può essere una tenda o una tenda che ha un aspetto conico grazie all'utilizzo di vari pali e corde. Ad esempio: "Quando ha iniziato a piovere, ci siamo rifugiati nel padiglione del cibo" , "La fiera è formata da diversi padiglioni dove gli artigiani offrono i loro prodotti" , "Vorrei installare un padiglione nel giardino per dormire fuori in le notti più calde . &q
  • definizione: drenaggio

    drenaggio

    Il drenaggio è un termine che deriva dal drenaggio francese e che si riferisce all'azione e all'effetto del drenaggio . Questo verbo, a sua volta, significa assicurare l'uscita di liquidi o l'eccessiva umidità attraverso condutture, tubi o fossati. Per l' ingegneria e la pianificazione urbana, il drenaggio è il sistema di tubazioni interconnesse che consente l'evacuazione dell'acqua piovana o di altri tipi di liquidi . I
  • definizione: adattamento

    adattamento

    Come per molte delle parole in spagnolo, il termine adattamento deriva dal latino. All'interno della lingua di cui sopra, la sua origine risiede nella parola adaptare, che è un verbo composto da due parti. Quindi, in primo luogo c'è l' annuncio prefisso, che significa "verso", e in secondo luogo troviamo il verbo aptare che verrebbe tradotto come "aggiusta" o "equip".
  • definizione: pigiama

    pigiama

    L'origine del termine pigiama è piuttosto complicata, dal momento che una serie di lingue entrano in gioco. Così, il castigliano lo prese dal "pigmeo" inglese e questa lingua fece lo stesso del "paegama" indostano, che divenne pantaloni larghi e larghi indossati dai maomettani.
  • definizione: sulle persone

    sulle persone

    La tratta di esseri umani è un crimine che consiste nel rapimento, trasferimento o ricezione di esseri umani mediante minacce, violenza o altri meccanismi coercitivi (frode, abuso di posizione dominante, ecc.). Considerata schiavitù moderna , la tratta di esseri umani comporta l' acquisto e la vendita di persone , in cui la vittima è soggetta all'autorità di un altro soggetto. Ti