Definizione uomo

Il termine uomo può essere definito da diverse prospettive. A volte, per citare un caso, può essere usato per descrivere gli ominidi, qualsiasi maschio appartenente alla razza umana o, a livello storico e / o con significati più ampi, l' umanità in generale, senza distinzione di alcun tipo tra signore e signori (ad esempio, con frasi come "L'uomo era nomade e si è trasferito a cercare cibo" ). In ogni caso, al momento, questa forma di nominare la specie umana viene messa in discussione perché denota l'aspetto sessista della lingua, che deve essere modificato, al fine di ottenere un'equa integrazione per tutti i generi.

uomo

Nel suo uso abituale, la parola uomo identifica gli esseri che appartengono al genere maschile . Il concetto di maschio è anche usato per indicare il maschio umano da un punto di vista biologico, ma non possiamo non tener conto che la parola uomo copre un numero maggiore di nozioni.

Certo, l'uomo ha le sue qualità biologiche e psicologiche che rendono possibile disegnare differenze evidenti tra lui e la donna . Tra questi, appare il testosterone, un ormone androgeno esclusivo di gentiluomini che facilita lo sviluppo dei muscoli del corpo senza la necessità di fare grandi sacrifici. I membri del gruppo femminile producono questo ormone, ma su scala molto più piccola.

D'altra parte, il sistema riproduttivo maschile dà all'uomo il potere di fertilizzare l' ovulo femminile e trasmettere i dati genetici attraverso la cellula spermatica . Nell'uomo, i principali organi sessuali sono esterni ; D'altra parte, nel caso delle donne, sono interne.

Tra gli altri dettagli che contraddistinguono le differenze tra uomini e donne, vi è un tono di voce più profondo, un'altezza fisica più elevata, la crescita dei capelli nella zona del viso, il maggior volume del corpo, la propensione alla calvizie e una pelle più resistente .

Va notato che, al di là dello sviluppo sociale raggiunto, gli uomini in generale hanno un'aspettativa di vita più breve rispetto alle donne poiché vivono in media una media di sette anni in più.

L'uomo e la famiglia
Precedentemente si diceva che l'uomo fosse il capofamiglia, incaricato di portare del denaro per sfamare tutta la famiglia mentre la donna era incaricata di svolgere i lavori di casa e di mantenere l'ordine e l'armonia familiare. Al giorno d'oggi le cose sono cambiate, in alcuni casi i ruoli sono stati invertiti e in altri entrambi i ruoli sono condivisi (entrambi portano denaro e collaborano con le faccende domestiche e parenting).

Va notato, per quanto riguarda il ruolo che l'uomo svolge all'interno della famiglia, che il concetto di famiglia è cambiato molto. Sebbene le società siano abbastanza resistenti al cambiamento, l'idea di una famiglia intesa qualche decennio fa non è più irremovibile . Ora, come capofamiglia ci può essere un singolo individuo (single, vedovo, separato) o coppie formate da una donna e un uomo, due donne o due uomini, indistintamente. Nella società ideale, forse il concetto di famiglia potrebbe includere forme eterogenee, gruppi di persone che sono uniti da qualcosa di preciso, non necessariamente i legami di sangue, come accade in natura nelle popolazioni di esseri viventi, come mandrie nei lupi.

Infine, possiamo menzionare che il termine uomo è anche usato per riferirsi a un essere umano maschio che ha cessato di essere un bambino, che è entrato nel palcoscenico della vita adulta, che ha chiare responsabilità e libertà.

Raccomandato
  • definizione popolare: fascio

    fascio

    Il concetto di raggio deriva dal latino biga , un termine che era usato per riferirsi al trasporto di un paio di cavalli. La trave, con 'v', consente di identificare il pezzo curvo (che può essere sia in ferro che in legno), presente nelle vecchie vetture con lo scopo di permettere il collegamento tra fronte e retro.
  • definizione popolare: decoder

    decoder

    Il concetto di decodificatore , che può anche essere definito un decodificatore , allude a ciò che decodifica (o decodifica). D'altra parte, il verbo decodificare fa riferimento all'applicazione inversa delle regole di un codice a un messaggio che è codificato per ottenere la sua forma originale. L
  • definizione popolare: distorsione

    distorsione

    La distorsione della parola del tardo latino è venuta nella nostra lingua come distorsione . Il concetto ha diversi significati: il primo menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a una svolta . Una distorsione, in questo senso, può riferirsi a una distorsione , una lussazione o un altro tipo di lesione fisica legata a un tratto improvviso, violento o forzato.
  • definizione popolare: rifiutare

    rifiutare

    Rifiutare è un verbo che deriva dalla parola latina refusare . Il termine si riferisce al rifiuto di accettare, accettare o ammettere qualcosa . Per esempio: "Mi rifiuterò di testimoniare fino all'arrivo del mio avvocato" , "Bruno ha fatto una proposta a Gustavo che era impossibile rifiutare" , "Il governo sta cercando scuse per poter rifiutare le nuove affiliazioni" .
  • definizione popolare: argilla

    argilla

    Prima di procedere alla conoscenza del significato del termine argilla, dobbiamo intraprendere l'istituzione della sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo determinare che deriva dal latino, esattamente, della parola "argilla", che può essere tradotto come "argilla da vasaio".
  • definizione popolare: centromero

    centromero

    Il centromero è l' area più stretta dei cromosomi , la cui posizione è caratteristica in ciascuna delle coppie. Va ricordato che un cromosoma è una struttura cellulare che ospita l'acido desossiribonucleico ( DNA ). I cromosomi hanno due braccia , distanziati dal centromero; uno di loro è chiamato q ed è lungo, mentre quello corto è chiamato p . Secon