Definizione reazione

È noto come reazione alla conseguenza o al risultato di una determinata azione. Secondo la teoria, questa parola è concepita come una resistenza, una forza opposta o opposta a qualcosa. Riguarda anche il modo in cui un oggetto o un individuo si comporta prima di uno stimolo concreto .

reazione

Poi, vediamo alcuni esempi del suo uso: "Prima degli insulti, la reazione dell'uomo non faceva aspettare e iniziava a fare gesti osceni", "mi aspettavo una reazione più energica, ma Juan è rimasto calmo", "Quando ho aggiunto l'alcol a la dissoluzione, una strana reazione si è verificata e un odore molto forte ha cominciato ad emergere . "

L'arte spesso si aspetta una reazione dal potenziale pubblico. Ad esempio, quando un lavoro comico viene eseguito in un teatro, ci si aspetta che le persone ridano in determinati punti della performance; Se ciò non accade, la spiegazione non è necessariamente che la linea non sia stata abbastanza divertente, dal momento che potrebbe anche essere una cattiva esecuzione o le caratteristiche del pubblico presente in quel particolare giorno. Tuttavia, gli artisti cercano che le loro creazioni abbiano un carattere universale, il più ampio possibile, per garantire la loro efficacia in una vasta gamma di circostanze .

La vita quotidiana di una persona che mantiene un certo grado di contatto con la società rappresenta una sfida costante, che consiste nel decodificare le reazioni degli altri prima di una grande varietà di eventi e situazioni. Il grande problema è che ogni cervello comprende il mondo a modo suo, basandosi sulle proprie esperienze, le proprie paure, le proprie ansie e il loro sviluppo intellettuale, tra molti altri fattori. In generale, un essere calmo e tranquillo è solitamente associato a una buona istruzione; È normale pensare che qualcuno con tali caratteristiche sarebbe "incapace di uccidere una mosca". Al contrario, gli scoppi spontanei di rabbia di quelli che sono facilmente disturbati sono legati alla violenza.

In realtà, le persone sono molto più complesse di quanto sembri e non è accurato giudicare qualcuno dal modo in cui interagiscono con gli altri. Continuando con i due casi descritti nel paragrafo precedente, se li analizzassimo prendendo una posizione opposta, potremmo dire che la tranquillità e la timidezza possono nascondere una serie di frustrazioni accumulate che non possono uscire, e che, quando finalmente lo fanno, la gentilezza diventerà un'aggressione eccessiva; per quanto impulsivo, sarebbe anche giusto pensare che, scaricando costantemente le sue tensioni, non mantenga la rabbia dentro, motivo per cui gode di una salute migliore e, perché no, della pace della mente rispetto alla prima.

Una reazione di natura meccanica, per citare un caso particolare, identifica la forza di serraggio che un elemento può esercitare sul terreno o su un'altra superficie che funge da supporto. Le cosiddette reazioni chimiche, d'altro canto, sono processi attraverso i quali due sostanze vengono convertite in altre da un fattore energetico (come l'ossido di ferro che origina dalla reazione dell'ossigeno con il ferro). Un altro tipo di reazione è la reazione nucleare, basata sulla trasformazione di particelle o nuclei atomici da un processo endotermico o esotermico.

Per la biologia, una reazione è quella risposta di organismi che si trovano di fronte all'aspetto di un virus, di un corpo estraneo o di agenti patogeni. Il concetto permette anche di nominare il periodo di calore e frequenza del polso che si verifica dopo il freddo e l'effetto collaterale di una terapia o un farmaco: "Sto prendendo un antibiotico che ha generato una reazione nella pelle", "Il trattamento è il indicato, anche se ha molte reazioni avverse . "

La reazione o il reazionismo, infine, è una tendenza tradizionalista a livello politico e sociale che si oppone alle innovazioni.

Raccomandato
  • definizione popolare: raggio di luce

    raggio di luce

    La parola latina radius divenne fulmineo , il termine del nostro linguaggio che è usato per nominare la linea che ha origine nel luogo in cui viene prodotto un tipo di energia e che si estende significativamente alla direzione in cui si propaga. La luce , d'altra parte, è un concetto che deriva dal lux .
  • definizione popolare: chiuso

    chiuso

    Closed è un aggettivo che può essere utilizzato in vari contesti. Può essere usato sia per oggetti che per ideologie, come persone, per esprimere che sono ermetici, rigidi, rigidi o rigidi . Ad esempio: "Il pensiero del mio capo è così vicino che non lascia mai spazio all'innovazione" , "L'argomento del furto è un caso chiuso: non intendo continuare a parlarne" . Quan
  • definizione popolare: Sahumerio

    Sahumerio

    Il primo significato del termine disumano nel dizionario dell'Accademia Reale Spagnola ( RAE ) si riferisce al processo e al risultato di disumani . Questo verbo fa menzione per generare un fumo con aroma per ottenere che qualcosa abbia un profumo gradevole o per procedere alla sua purificazione
  • definizione popolare: risignificazione

    risignificazione

    Il significato è il processo e il risultato del significato (ciò che agisce come un segno o una rappresentazione di qualcosa di diverso, o che consente di esprimere un pensiero). Sebbene il concetto di rassegnazione non compaia nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), l'inclusione del prefisso indica che il termine si riferisce alla risignificazione .
  • definizione popolare: soddisfazione del cliente

    soddisfazione del cliente

    L' azione di soddisfacimento o soddisfazione è nota come soddisfazione . Il termine può riferirsi a saziare un appetito, compensare un requisito, pagare ciò che è dovuto, annullare un reato o premiare un merito. Il cliente , d'altra parte, è la persona che effettua un determinato pagamento e accede a un prodotto o servizio . Il
  • definizione popolare: irrequietezza

    irrequietezza

    Per comprendere perfettamente il significato del termine irrequietezza, la prima cosa da fare è stabilire la sua origine etimologica. Quindi, bisogna sottolineare che esso proviene dal latino, in particolare dalla parola "inquietudo", che è composta da tre parti differenti: • Il prefisso "in-", che equivale a "senza". •