Definizione monarchia

Nel corso della storia, gli esseri umani hanno sviluppato diversi modi di esercitare un governo, con strutture e regole molto diverse. Uno di questi è la monarchia, dove la posizione più importante dello Stato è per la vita (è occupata fino alla morte) ed è designata, generalmente, per eredità (il potere è ricevuto dal padre o da un altro parente).

monarchia

Il termine monarchia deriva dalla fusione dei termini greci monos (uno) e arkein (potere) che significa "potere concentrato in uno". Si distingue dalla tirannia e dal dispotismo perché implica un potere legittimo, a differenza di questi altri governi che sono caratterizzati da illegalità e arbitrarietà nell'esercizio del potere. D'altra parte, si differenzia dalla repubblica perché esiste una stretta relazione tra il potere del re e l'esercizio dello stesso nell'ambiente pubblico. Nella repubblica non c'è potere intrinseco nelle persone, ma chiunque lo eserciti svolge un ruolo pubblico.

Chi ha il potere in una monarchia è il monarca, anche se secondo la struttura legale del governo o della regione, può ricevere vari nomi: re, imperatore, zar, kaiser, ecc. Lo stato governato da un monarca può anche ricevere il nome di regno, oltre alla monarchia .

Esistono diversi tipi di monarchi. Questi sono i più noti, all'interno dei quali ci sono alcune varianti:

Una monarchia autoritaria è chiamata un governo che ha poteri su un territorio, che sono basati principalmente sulla burocrazia (tasse, esercito singolo e sistema economico gestito centralmente dal monarca). Era un sistema molto comune nell'antichità, dove il sovrano era il re che proveniva dal settore nobile della società e il cui ufficio gli era stato ceduto da un vincolo ereditario. Questo monarca governava su tutto il popolo, usando il servizio di vassalli e contadini e imponendo una quantità obbligatoria di tasse.
Ci sono stati monarchi che erano solo marionette dei più potenti nobili o della Chiesa, a cui spesso dovevano favori economici che permettessero loro di essere manipolati da questi settori.
La prima monarchia autoritaria che esisteva era quella stabilita nel 1385 da Juan I in Portogallo, della dinastia Avis. Dopo di lui sono arrivati ​​molti anni di monarchie in tutto il continente europeo.
Le caratteristiche di una monarchia assoluta sono, un governo in cui il re ha i tre poteri: giudiziario, esecutivo e legislativo. Detto rappresentante si basa sulla legge divina e il potere è concesso a lui in modo ereditario (figlio di re). Tra le monarchie europee il modello di monarchia più conosciuto era l'assolutista imposto dai francesi.

La monarchia parlamentare o costituzionale è un modo di governo in cui il monarca ha poteri limitati da parte di un'istituzione che riceve il nome del Parlamento ed è governata da un insieme di leggi (Costituzione). Un gruppo che rappresenta i tre Stati. In questo tipo di governo i poteri sono divisi in tre: giudiziario, esecutivo e legislativo e il Parlamento regola il normale funzionamento del Regno, lavorando con il re e imponendo certe strutture e limiti al suo mandato, specialmente nel ramo legislativo. Questo modo di governo fu quello che rese possibile per la prima volta nella storia i diritti alla libertà individuale e di avere una difesa in un processo ed è originariamente dall'Inghilterra e dai Paesi Bassi (XVII secolo).

Le monarchie ibride esistono quando il sistema di governo si trova in un punto intermedio tra una monarchia individualista e assoluta e una monarchia governata da una Costituzione. Ciò significa che il re non ha tutto il potere su un territorio, sebbene mantenga una notevole forza politica.

Questi ultimi due regimi, quindi, differiscono dalla monarchia assoluta, dove il monarca concentra il potere totale (non c'è divisione dei poteri e prende le decisioni da solo, senza dare spiegazioni a nessuna camera legislativa o potere giudiziario).

Da sempre, molti monarchi sono stati consacrati sotto la divinizzazione della loro persona. In questi casi, si considera che il re è un Dio o che è stato scelto da un essere superiore. Un classico esempio di questa situazione si trova in Egitto migliaia di anni fa, quando il faraone era sopra i mortali.

Al momento ci sono diversi paesi nel mondo in cui esiste una monarchia costituzionale che coesiste con altre forme di governo, per lo più democratiche. Nei casi di paesi in Africa e in Asia, il ruolo del sovrano è fondamentale, in altri paesi, semplicemente simbolico. In questi ultimi casi, per continuare con la tradizione del paese, le società hanno preferito mantenere la monarchia per non rompere con certi costumi, anche se in questi casi l'essenza di questi governi ha dovuto cambiare e i monarchi hanno perso il potere . Per esemplificare questo possiamo citare tra gli altri le attuali monarchie del Regno Unito, Spagna, Danimarca e Canada. Sono monarchie costituzionali o parlamentari, sotto un sistema democratico e una sovranità che è nelle mani del popolo e dove il monarca mantiene un ruolo particolarmente simbolico e rappresentativo, sebbene possa anche fungere da arbitro o consulente.

Raccomandato
  • definizione: sala

    sala

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della navata di parole, che è un passo diminutivo. In particolare, deriva dalla parola "pasus". Un corridoio è un ambiente o uno spazio di una costruzione che viene utilizzato come connettore per collegare stanze diverse. È un luogo allungato e stretto , che viene usato di passaggio (cioè non rimane in esso, ma viene usato quando si va in un altro posto all'interno dell'edificio in questione). Ad
  • definizione: PVC

    PVC

    Il PVC è il nome con cui è nota la polivinilcloruro , una plastica che deriva dalla polimerizzazione del cloroetilene monomero (noto anche come cloruro di vinile ). I componenti in PVC derivano dal cloruro di sodio e dal gas naturale o dal petrolio e includono cloro, idrogeno e carbonio. Nel suo stato originale, il PVC è una polvere amorfa e biancastra. L
  • definizione: cristiano

    cristiano

    Gentile , dal latino gentilis , è un aggettivo che si riferisce a qualcuno che mostra cortesia e gentilezza . Ad esempio: "Ho già incontrato il nuovo vicino: è un uomo molto gentile e rispettoso" , "Se vuoi sedurre una donna, devi essere gentile" , "Mi sono stancato di essere gentile e di persone che approfittano della mia buona volontà " , " Il mondo sarebbe un posto migliore se ci fossero più uomini gentili " . La
  • definizione: ammorbidire

    ammorbidire

    Il verbo ammorbidito si riferisce all'azione di fare qualcosa di morbido (flaccido, flaccido, morbido o morbido). Ad esempio: "Per ammorbidire la carne, è meglio colpirla con un impasto o bollirla per un'ora" , "Il nuovo materasso è un po 'duro, ma so che si ammorbidirà con il passare dei giorni" , "La ricetta Indica che la cosa migliore è ammorbidire i ceci in acqua tiepida . &q
  • definizione: impassibile

    impassibile

    La nozione di impassibile , che deriva dalla parola latina impassibélis , si riferisce a chi rimane inalterabile, immutabile o inflessibile . Questo aggettivo è usato per descrivere il soggetto che sembra non avere emozioni o sentimenti . Ad esempio: "Il governo non può rimanere impassibile davanti all'aggravamento della crisi economica e sociale che attraversa il paese" , "La povertà che ho osservato attraversando il territorio nazionale non mi ha lasciato impassibile, così ho deciso di creare un'associazione civile per aiutare il più bisognoso " , " Il deputat
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu