Definizione sistema sanitario

Il modulo ordinato di elementi che interagiscono e sono correlati è chiamato sistema . Questi elementi che fanno parte del sistema possono essere materiali o astratti.

Come accennato in precedenza, l'idea di salute non si esaurisce nella mera assenza di malattie, ma descrive piuttosto una serie complessa di situazioni, tra cui un buon sistema sanitario, che offre a tutti i cittadini le stesse possibilità e che concentrarsi sulla salute fisica e mentale delle persone.

Uno dei problemi più comuni in relazione al sistema sanitario si verifica quando un paese non ha benefici pubblici adeguati e, in un certo modo, costringe i suoi dipendenti a contrarre piani privati. Se una persona non si sente al sicuro a meno che non paghi ogni mese una tariffa per ricevere assistenza medica, le pressioni sul lavoro aumentano, poiché senza lavoro non c'è salute.

Come deplorevole e difficile da credere che sembra per le persone provenienti da paesi avanzati, gli ospedali pubblici in molte parti del mondo sono luoghi in cui prevalgono l' ostilità, la mancanza di compassione e la preparazione . È comune che questi centri mostrino immagini simili a quelle viste in scene di guerra, con dozzine di persone che muoiono mentre aspettano di essere (male) servite da professionisti di dubbia etica e in uffici la cui igiene lascia molto a desiderare.

È importante sottolineare che il sistema sanitario spesso diventa un labirinto dal quale costa andarsene . In alcuni paesi, i diversi livelli di assistenza sanitaria che i pazienti con disturbi come l'alcolismo o la tossicodipendenza devono attraversare sembrano andare sempre più in profondità in un ciclo di dipendenza, piuttosto che aiutarli a riprendere il controllo della propria vita.

Raccomandato
  • definizione: androgino

    androgino

    L'etimologia dell'androgino ci porta prima alla lingua latina e poi alla lingua greca, dove proviene da una parola composta che combina le nozioni di "maschio" e "femmina" . Il primo significato del termine menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, in questo contesto, allude all'aggettivo ermafrodita : ha entrambi i sessi
  • definizione: incessante

    incessante

    L' aggettivo incessante è usato per descrivere ciò che non si ferma : cioè, non si ferma, si ferma o si interrompe . Il termine è anche usato per riferirsi a ciò che viene ripetuto o ripetuto frequentemente . Ad esempio: "La violenza politica nel paese centroamericano è incessante e causa grande preoccupazione a livello internazionale" , "Il club inglese continua la sua incessante ricerca di rinforzi per affrontare la prossima stagione" , "Un rumore incessante proveniente dalla casa la porta accanto mi ha impedito di dormire . &quo
  • definizione: delegato

    delegato

    Delegato è un termine che ha la sua origine nella parola latina delegāre . Questa parola latina, che può essere tradotta come "inviare qualcuno in modo legale", è il risultato della somma di diverse parti chiaramente delimitate: il prefisso "de" -, che significa "dall'alto verso il basso"; il verbo "lex", che è sinonimo di "legge", e il suffisso - "ar". Il
  • definizione: protocollo

    protocollo

    Una revisione dell'etimologia del termine protocollo ci porta immediatamente al protocollum , una parola latina. Questo, a sua volta, deriva da un concetto di lingua greca. In particolare, emana dalla parola greca "protokollon", che è il risultato della somma di due elementi diversi: "protos", che può essere tradotto come "primo" e "kollea", che è sinonimo di "colla" o "cola" ". L
  • definizione: dizione

    dizione

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della parola dizione che ora ci occupa. Più esattamente emana da "dictio", che è il risultato della somma dei seguenti componenti: • Il verbo "dicare", che può essere tradotto come "say". • Il suffisso "-ción", che viene utilizzato per esprimere "azione ed effetto". Il modo
  • definizione: programma sorgente

    programma sorgente

    Il programma sorgente è una nozione utilizzata come sinonimo di codice sorgente . Sono le istruzioni che un programma per computer trasmette a un computer in modo che possa essere eseguito. Queste istruzioni sono linee di testo scritte in un linguaggio di programmazione (una struttura in grado di impartire istruzioni informatiche da una specifica base semantica e sintattica).