Definizione schiavitù

Nello slavo è dove si trova l'origine etimologica del termine che ora ci occupa. Ed è che emana dalla parola "slavo", a cui è aggiunto il suffisso "-tud", che può essere tradotto come "qualità".

schiavitù

La schiavitù è lo stato schiavo (la persona che è sotto il dominio di un altro soggetto e che, quindi, manca di libertà ). Il concetto consente di fare riferimento a un istituto giuridico che definisce la situazione personale degli schiavi.

Il cinema è stato ispirato in molte occasioni in schiavitù. Un buon esempio di questo sarebbe il film "12 anni di schiavitù", che ha vinto tre Oscar nel 2014: miglior film, miglior sceneggiatura e miglior attrice non protagonista.

Steve McQueen è il regista di questo film che si ispira alla vita di un personaggio in carne e ossa: Solomon Northup, un afroamericano nato libero ma rapito nel 1841. Così, fu venduto come schiavo a lavorare nelle piantagioni di Cotone dalla zona della Louisiana. Una situazione che ha sofferto per un totale di dodici anni.

Gli storici affermano che la schiavitù è sorto con lo sfruttamento del lavoro di quei prigionieri dopo una guerra . In tempi più remoti, queste persone furono fucilate, sebbene in seguito preferirono usarle come schiave per ottenere un beneficio economico o un servizio.

La schiavitù fu accettata e difesa nell'antichità. In realtà, filosofi come Aristotele la consideravano naturale. Durante la conquista europea dell'America, la schiavitù raggiunse il suo apice ed era vitale per il successo della compagnia .

Gli europei avevano bisogno di manodopera a basso costo per realizzare i loro piani di espansione. Questo è il motivo per cui hanno ridotto in schiavitù i nativi aborigeni dell'America e portato schiavi dall'Africa . Emerse così il commercio degli schiavi, dove i neri venivano comprati e venduti nei mercati come se fossero oggetti.

Nel corso del tempo si è sviluppato un forte movimento anti-schiavitù emerso nel XVIII secolo . Gli abolizionisti si basavano sulle idee dell'Illuminismo e affermavano che tutti gli uomini dovrebbero avere gli stessi diritti. C'era anche un motivo economico che aiutò ad abolire la schiavitù: la rivoluzione industriale, che si basava sul lavoro retribuito e non sulla schiavitù.

Importante a livello storico è la ben nota Guerra di Secessione che ebbe luogo negli Stati Uniti tra il 1861 e il 1865. Il Nord e il Sud del paese affrontarono in questa lotta in cui la prima zona menzionata sosteneva una politica abolitionista, mentre che il secondo difendeva a tutti gli effetti la schiavitù, poiché in lui sosteneva la sua economia che era fondamentalmente l'agricoltura.

Fortunatamente, il Nord ha vinto e questo ha permesso di abolire la schiavitù nella nazione, che è stata l'azione che ha permesso di stabilire le basi per quello che sarebbe il movimento per i diritti civili dei cittadini degli Stati Uniti.

Attualmente, la schiavitù è formalmente proibita nella maggior parte dei paesi, sebbene esistano ancora regimi di sfruttamento del lavoro che ricordano le pratiche precedenti al diciottesimo secolo .

Raccomandato
  • definizione popolare: ricettivo

    ricettivo

    Ricettivo è un aggettivo legato all'idea di ricevere (prendere qualcosa, assumerlo). Con origine nella parola latina receptum , quella o quella ricettiva è in grado di ricevere qualcosa . Ad esempio: "Sono un uomo molto ricettivo, sono sempre aperto ad ascoltare idee e suggerimenti" , "Il presidente ha sorpreso di essere ricettivo nei confronti dei politici dell'opposizione" , "Consiglio di non parlare con il capo: non è affatto ricettivo" . L
  • definizione popolare: clip

    clip

    Pinza è un termine che deriva dalla lingua francese ( pince ) ed è usato per nominare lo strumento che, grazie al suo design, permette di tenere o tenere una cosa tra le sue estremità . Il funzionamento del morsetto obbedisce alla logica delle leve semplici : quando si esercita la forza sulle impugnature dello strumento, le sue punte si chiudono, riuscendo a catturare qualcosa e, di questa forma, a spostarlo, a ruotarlo, ecc. L
  • definizione popolare: corte

    corte

    Il taglio è l' azione e l'effetto del taglio . Questo verbo si riferisce alla divisione di qualcosa con uno strumento da taglio o dando una certa forma con forbici o strumenti. Ad esempio: "Procederò a tagliare la pizza: per favore prepara i tuoi piatti" , "Il taglio dell'albero non era molto preciso e ha finito per danneggiare rami che erano sani" , "Ti piace il mio nuovo taglio di capelli?&
  • definizione popolare: limite di una funzione

    limite di una funzione

    La parola che ci occupa in primo luogo, limite, possiamo dire che è una parola che viene, dal punto di vista etimologico, dal latino. In particolare, emana dal sostantivo "limes", che può essere tradotto come "bordo o bordo". La nozione di limite ha molteplici significati. Può essere una linea che separa due territori, da una fine a cui arriva un certo tempo o da una restrizione o limitazione. P
  • definizione popolare: selfie

    selfie

    Selfie è un termine inglese che viene usato come sinonimo di autoritratto o autoritratto . È una pratica che ha più di un secolo, ma che ha guadagnato una grande popolarità nel XXI secolo grazie alle nuove tecnologie e ai social network. Un selfie consiste nel fare una foto di se stessi . La persona, in questo modo, allunga il braccio e spara verso il suo viso o il suo corpo. Un
  • definizione popolare: oppressione

    oppressione

    Oppressione è un termine che deriva dalla parola latina oppressĭo . Riguarda le azioni e le conseguenze dell'oppressione . Questo verbo, d'altra parte, si riferisce alla pressione o alla sottomissione di un essere umano o di una comunità . Ad esempio: "Dobbiamo venire insieme per combattere l'oppressione e recuperare la libertà" , "Sono stato vittima dell'oppressione dei miei genitori per vent'anni" , "Il nostro paese non tollererà che un'altra nazione intenda sottoporlo all'oppressione" . L&#