Definizione verme

Un verme è un animale invertebrato che è caratterizzato dal suo corpo morbido senza piedi o appendici. Il termine è usato come denominazione generica di varie specie di metazoi (hanno numerose cellule differenziate raggruppate in apparati, organi e tessuti) che possono essere parassite o avere vita libera.

verme

I vermi sono allungati e possono appartenere ai bordi dei nematodi, degli anellidi o dei vermi piatti, tra gli altri. I lombrichi e le sanguisughe, ad esempio, sono tra i vermi più conosciuti.

La larva del corpo allungato, cilindrico e morbido degli insetti è anche chiamata verme. Questi vermi possono essere cresas (le larve delle mosche) o bruchi (le larve delle farfalle).

Nel campo dell'informatica, un programma dannoso ( malware ) è conosciuto come un worm che ha la capacità di duplicarsi. Vermi noti in inglese, i worm sono spesso installati in settori del sistema operativo invisibili agli utenti, da dove si diffondono senza dover intervenire su una persona.

Ospitato in memoria, il worm non modifica i file, contrariamente a quanto accade con i virus . In generale, il suo danno principale è il consumo di larghezza di banda per causare problemi in una rete.

Nel linguaggio colloquiale, infine, un individuo malvagio è chiamato verme che è spregevole a causa del suo comportamento o dei suoi atteggiamenti: "Allontanati da Javier! Quel verme l'unica cosa che sa fare è nuocere ", " Un verme ha imbrogliato mia nonna e ha rubato tutti i suoi risparmi ", " Lavoro per un verme che mi sfrutta e mi maltratta: mi piacerebbe trovare un altro lavoro " .

Raccomandato
  • definizione popolare: cordofono

    cordofono

    Prima di entrare pienamente nel significato del termine cordófono, procederemo a conoscere la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo affermare che è una parola che deriva dal greco, esattamente da "chordae", che può essere tradotto come "cuerda". Il termine cordófono non compare nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). Il
  • definizione popolare: favola

    favola

    La parola favola deriva dal termine latino fabŭla . Come spiegato nel dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) , è una storia di finzione che manca di grande estensione, può essere sviluppata in versi o in prosa e ha come caratteristica principale la volontà didattica . In genere, la favola insegna attraverso una morale che chiude la storia in questione. Ad
  • definizione popolare: tono

    tono

    Il concetto di tono viene dal tono latino, che a sua volta deriva da una parola greca che significa "tensione" . Il termine ha diversi usi e significati, essendo il più frequente legato ai suoni . Nel campo dell'acustica, quindi, il tono è la proprietà dei suoni che possono essere ordinati da acuti a gravi in ​​base alla loro frequenza . La pe
  • definizione popolare: cubo

    cubo

    In geometria , un cubo è un corpo formato da sei facce che sono quadrate. La particolarità di questi corpi è che tutti i volti sono congruenti, sono disposti in modo parallelo e in coppia, e hanno quattro lati. Tenendo conto di queste caratteristiche, è possibile posizionare i cubi in gruppi diversi. Qu
  • definizione popolare: vertice

    vertice

    Il vertice parola deriva dalla summa latina e significa il punto più alto di qualcosa . Dall'analisi topografica, è il punto di una superficie che è più alta di altitudine rispetto a tutti i punti immediatamente adiacenti ad essa. Per la matematica , d'altra parte, la cima è il massimo locale di una funzione . Nel
  • definizione popolare: medievale

    medievale

    La nozione di medievale allude a quella legata al Medioevo , chiamata anche Medioevo e Medioevo . Questo è il periodo storico iniziato nel V secolo e durato fino alla fine del XV secolo . L'inizio del periodo medievale è di solito stabilito nel 476 , quando l' Impero Romano d'Occidente cadde.