Definizione campo

Dal campus latino ( "plain", "battle space" ), il campo word si riferisce a una vasta area che è lontana da una città o da una città o da una terra che può essere scolpita . Il concetto è anche usato in riferimento a un raccolto o semina .

campo

Ad esempio: "Il fine settimana andremo in campo per rilassarci un po 'e allontanarci dai rumori della città", "Mio nonno vive in campagna: ha mucche, maiali e pollame", "È una provincia molto piccola: in cinque minuti attraversi la città e arrivi al campo " .

D'altra parte, un campo è uno spazio destinato alla realizzazione di un'attività fisica o di diversi sport : "I giocatori erano situati nel campo del gioco per dare inizio all'incontro", "Questi giocatori di calcio devono imparare a trovarsi nel field ", " Il concerto della scorsa notte ha lasciato il campo in condizioni terribili . "

Il campo è anche il contesto, l'ambiente o lo scopo tipico di un settore professionale o di un'attività: "Truman Capote si è distinto nel campo del giornalismo", "È un'azienda di grande successo nel campo dell'elettronica" .

Infine, va notato che per la scienza della sociologia, il campo è un concetto sviluppato dal francese Pierre Bourdieu . I campi appaiono come sistemi che nucleate le relazioni sociali e che sono definiti dal fatto di avere una certa forma di capitale. La struttura sociale, in questo modo, dipende dall'insieme di campi, con i loro collegamenti e le loro influenze tra di loro.

Un campo elettrico è il luogo in cui vengono prodotte le cariche elettriche, cioè dove determinate particelle di materiale convergono ed eliminano energia: cariche positive e negative . La presenza di un campo elettrico può essere rilevata dalla presenza di forze materiali che si manifestano in modo definito, dando origine al flusso di energia elettrica . Anche se non c'è modo di conoscere veramente la loro natura, il modo in cui i campi elettrici sono studiati è in confronto con altri di grandezza uguale o opposta.

Nell'informatica il concetto di campo viene utilizzato quando si creano database e costituisce l'unità di input fondamentale per la registrazione dei dati. Possono esserci tanti nomi di campi quanti sono necessari, tra i più usati sono i campi di testo, numerico, data, riepilogo, tempo e calcolo .

Campi semantici

Nella linguistica ci sono campi semantici, e sono chiamati così i gruppi di parole che sono collegati l'uno all'altro in base al loro significato. Ad esempio, nel campo semantico dei vertebrati sono raggruppati tutti quegli animali che hanno uno scheletro con spina e cranio e un sistema nervoso centrale costituito da un midollo osseo e un encefalo: conigli, polli, agnelli, tacchini, mucche, cavalli, ecc. .

Jost Trier è uno dei primi autori a definire questo concetto, lo fece nel 1930 e espresse che si riferiva a un insieme con una struttura sistematica, in cui alcuni lessemi erano collegati dal loro significato da un grado di parentela semantica altamente significativa. Successivamente Weisgerber ha riscritto questa teoria, presentando la definizione attualmente conosciuta come valida.

Secondo il ragionamento di Treviri, tutte le sostanze hanno un significato che sta alla base del vocabolario, vale a dire che al di là delle lingue e del modo in cui ognuno comprende la realtà dando nomi a sostanze e materiali, questi hanno un significato che li lega ad altri, con caratteristiche simili. Per questo, è necessaria una strutturazione in campi semantici, per creare somiglianze e associazioni tra i diversi organismi e le materie che formano l'esistenza, che condividono una stessa base di significato .

Gli autori successivi a Trier hanno sviluppato due chiare teorie divergenti su questo: la teoria dell'analisi componenziale, che può essere raggruppata con idee strutturaliste postsaussuriane, i cui referenti principali sono Greimas, Coseriu, Pottier e Coseriu; e quello che si inserisce nella grammatica generativa, i cui maggiori esponenti sono stati Fodor, Weinreich e Katz.

Raccomandato
  • definizione: biodiesel

    biodiesel

    Il biodiesel è un biocarburante che viene utilizzato come sostituto del gasolio , un carburante noto anche come gasolio o gasolio . È una sostanza prodotta da grassi animali o oli di origine vegetale sottoposti a diversi processi industriali. Il biodiesel viene solitamente miscelato con il gasolio proveniente dal petrolio .
  • definizione: viale

    viale

    Boulevard è un termine francese che non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ). La parola che appare è boulevard , derivata da questo concetto della lingua francese. Comunque, è normale che nella nostra lingua si usi anche la parola viale. Un viale o un viale, in breve, è una strada o un viale alberato che si distingue per essere molto ampio . In
  • definizione: totale

    totale

    Per trovare il significato del termine proferir, la prima cosa da fare è determinare la sua origine etimologica. E in questo senso possiamo stabilire che deriva dal latino, in particolare dal verbo "proferre", che può essere tradotto come "dichiarare o manifestare" e che è composto da due parti differenti: -Il prefisso "pro-", che significa "avanti". -
  • definizione: pensiero magico

    pensiero magico

    Prima di addentrarci pienamente nella spiegazione del significato del pensiero magico, è necessario procedere alla determinazione dell'origine etimologica delle due parole che compongono il termine. Nello specifico, nel fare ciò scopriamo le seguenti caratteristiche: • Il pensiero, emana dal latino. Pi
  • definizione: vivace

    vivace

    Vivace , originario della parola latina vivax , è un aggettivo che può riferirsi a quello o che ha energia , vigore o forza . Ad esempio: "La madre, esausta, si è seduta sulla panchina mentre la sua vivace figlia continuava a correre e saltare" , "Dopo un mese in ospedale, lo scrittore è stato visto sorridente e vivace per il compleanno del suo editore" , " Abbiamo una città vivace e prospera che non smette di crescere " . È m
  • definizione: poligono

    poligono

    In greco. In questa lingua è dove possiamo trovare chiaramente l'origine etimologica del termine poligono che analizzeremo in profondità di seguito. Più esattamente possiamo determinare che quell'origine è nell'unione di due parole: poly , che può essere tradotto come "molti", e gono che è sinonimo di "angolo". Quin