Definizione mese

La parola mese ha la sua origine nella parola latina mensis e consente di riferirsi a ciascun periodo specifico dei 12 intervalli in cui un anno è diviso . Secondo il calendario gregoriano, l'anno è diviso in dodici mesi. Il primo è gennaio (composto da 31 giorni). È seguito da febbraio (che varia tra 28 o 29 giorni, a seconda di quale anno è), marzo (31 giorni), aprile (30 giorni), maggio (31 giorni), giugno (30 giorni), luglio (31 giorni), agosto ( 31 giorni), settembre (30 giorni), ottobre (31 giorni), novembre (30 giorni) e dicembre (31 giorni).

mese

Per citare esempi concreti di utilizzo: "Se tutto va bene, ci sposteremo nel mese di settembre", "Tre mesi per iniziare il torneo", "A ottobre saranno tre mesi dalla morte dell'artista" .

La denominazione corrispondente a ciascun mese è associata a nomi di origine latina (come giugno per Juno o luglio per Julio César ), anche se ci sono mesi battezzati in base ai numeri (ad esempio, settembre è ispirato al 7 o 7 ottobre, in l'idea di ottava, novembre, deriva dal 9 e dicembre arriva da dieci o decimi). Va notato che questo elenco si conclude in dieci perché, fino alla riforma di Julian, il calendario prevedeva solo una dozzina di mesi.

Quando si parla del mese, invece, è programmato il gruppo di giorni consecutivi che inizia con uno designato e passa ad un altro della stessa data nel mese successivo: "A partire dal 16 novembre, hai due mesi per presentare la documentazione ", " Il divieto di pesca è iniziato ieri e durerà per tre mesi " .

Per l' astronomia, tuttavia, il mese è un'unità o grandezza temporale che misura il tempo sotto una prospettiva astronomica. Poiché le osservazioni dipendono dalla latitudine, dalle condizioni atmosferiche e da altri fattori, è impossibile prevedere con precisione quanto tempo dureranno i mesi in questo tipo di misurazione.

Il calendario ebraico

L'ordine dei giorni non è lo stesso per tutti gli abitanti della terra, molti di loro sono governati da vecchie tradizioni o religioni e inquadrano la loro esistenza attorno a un calendario particolare.

Gli ebrei, per esempio, sono governati dal calendario ebraico, il cui ciclo risponde alla posizione della Terra rispetto al Sole. Quindi, il tempo che impiega un anno è lo stesso che impiega la Terra a ruotare attorno al Sole e un mese, che porta la Luna a circondare la Terra . Questo è il motivo per cui si dice che è un calendario lunisolare .

Nelle origini, la somma dei giorni corrispondenti a un mese non era esatta, ma con il passare degli anni l'almanacco era migliorato.

Attualmente, viene usato quello completato da Hillel II, un saggio che esisteva negli anni '50; Questo calendario è quello che stabilisce le festività ebraiche attraverso un complesso algoritmo, con il quale è possibile prevedere le date esatte della luna nuova e con esse le diverse stagioni dell'anno.

Sebbene questo calendario non abbia alcuna relazione con il cinese e l'arabo (calendario usato prima dell'istituzione dell'Islam in queste terre), alcuni aspetti di entrambi coincidono; tuttavia, tutti loro sono chiaramente differenziati dalla gregoriana, spiegati sopra.

L'inizio del calendario ebraico ebbe luogo, secondo la tradizione ebraica, il 7 ottobre dell'anno 3761 a. C. (domenica); questo significa che quel giorno era il giorno 1 del mese 1 dell'anno 1. Pertanto, l'anno in cui viviamo corrisponde al 2012 secondo il calendario gregoriano equivale al 5773 del calendario ebraico. Il 5773 è iniziato il 16 settembre 2012 e si concluderà il 4 settembre 2013. Il modo in cui si può sapere quale anno ebraico corrisponde a quello gregoriano è aggiungere il numero 3760 ad esso. Es: 2012 + 3760 = 5772.

Raccomandato
  • definizione: causa onoraria

    causa onoraria

    La frase latina honoris causa può essere tradotta con "onore" . L'espressione è usata per riferirsi al dottorato assegnato con l'intenzione di riconoscere un merito straordinario . Un medico onorario , quindi, è un individuo che un'università si è distinta per i suoi risultati. Que
  • definizione: prisma

    prisma

    Il prisma viene dal prisma latino e ha il suo antecedente più remoto in una parola greca. Nel campo della geometria , un corpo è conosciuto come un prisma i cui limiti sono stabiliti da una coppia di poligoni uguali e piatti, disposti in parallelo, e da vari parallelogrammi, in base al numero di lati che hanno le loro basi.
  • definizione: cifra

    cifra

    Il termine cifra deriva da digĭtus , una parola latina che può essere tradotta come "dito" . Nel campo della matematica , il numero che viene espresso attraverso una singola cifra è chiamato una cifra (le cifre sono le cifre oi segni usati per esprimere una quantità). Ciò significa che, nella numerazione decimale , i numeri delle cifre sono dieci: 0 , 1 , 2 , 3 , 4 , 5 , 6 , 7 , 8 e 9 . Con
  • definizione: australe

    australe

    Con origine etimologica nella parola latina australis , il termine austral può essere usato come aggettivo o come sostantivo . Nel primo caso, è un qualificatore utilizzato in geografia e astronomia con riferimento a ciò che appartiene al sud . Ricorda che il sud è il punto cardinale che si trova dietro la persona che, alla sua destra, ha l'est. Il
  • definizione: tubare

    tubare

    La parola che ora ci occupa, dobbiamo sottolineare che è una parola che emana da una onomatopea. In particolare, viene da ciò che viene espresso come "rrru rrruuu" e che è usato per riferirsi ai suoni fatti dai piccioni. Lullaby è un concetto che può essere utilizzato in diversi contesti e con significati diversi. Il
  • definizione: faro

    faro

    È conosciuto come un segnale di segnalazione che, sia mobile o fisso, è installato in un luogo per fare un avvertimento o con l'intenzione di guidare il traffico del veicolo . L'atto di segnalare con i beacon è chiamato beaconing , mentre il suo risultato è chiamato beaconing . I beacon, in breve, sono elementi che servono ad avvisare di un eventuale pericolo o rischio . La