Definizione singolare

Singolare è una nozione che deriva da singulāris, un termine dalla lingua latina. Come aggettivo, può essere usato per descrivere ciò che è raro, anomalo o sorprendente .

Sebbene nel linguaggio quotidiano accettino frasi come "Devo comprare un'acqua" o "questi sono i miei unici piaceri", in realtà è un modo inaccurato e troppo conciso per comunicare certe idee ; in questi casi particolari, "un'acqua" si riferisce probabilmente a "una bottiglia d'acqua", mentre i "piaceri" sono in realtà "attività" o "situazioni" che generano piacere per l'emittente.

In spagnolo associamo l'idea del plurale con le parole che terminano in "s", per cui assumiamo che il resto dei nomi siano singolari. Avendo definito i concetti di sostantivo collettivo e non numerabile, è ovvio che questa regola non è molto affidabile.

D'altra parte, attenersi così tanto all'idea che la "s" finale indica la presenza di un plurale può essere controproducente quando si studiano altre lingue, in cui le regole sono diverse. In inglese, ad esempio, abbiamo esempi di parole in cui il singolare e il plurale sono scritti esattamente allo stesso modo, qualcosa che accade con "pesce" (pesce o pesce) e "pecora" (pecora o pecora). C'è anche il caso della parola "bambini" (bambini), che è il plurale di "bambino".

Come se questa differenza non fosse abbastanza impressionante per gli spagnoli, ci sono alcune lingue in cui il nome non può essere classificato in base al numero, poiché non include quell'idea nel suo significato; è il caso del giapponese, dove il contesto è sempre necessario per sapere di quanti oggetti o argomenti si parla, o almeno se è uno o più.

Raccomandato
  • definizione: diritto

    diritto

    La parola latina inversus derivava dagli invenuti francesi, che arrivavano alla nostra lingua come un dritto . Questo termine è usato soprattutto con riferimento a medaglie, gettoni e monete per nominare la faccia o il lato più rilevanti per il disegno che portano . Il dritto è solitamente il volto che esibisce il volto di una personalità, un monumento storico, la rappresentazione di un evento trascendentale o un'allegoria . Il
  • definizione: tatuaggio

    tatuaggio

    Il tatuaggio ha la sua origine etimologica nella parola francese tatouage . Il concetto si riferisce all'atto e al risultato del tatuaggio : lasciando inciso un disegno o un segno sulla pelle attraverso l'uso di determinati aghi o punzoni con inchiostro. Ad esempio: "Quando ero un bambino volevo tatuarmi un braccio, ma non mi sono mai sentito così" , "Juan ha un tatuaggio da Superman sul petto" , "Il criminale è stato riconosciuto dai tatuaggi sul suo volto" .
  • definizione: probabile

    probabile

    Verosimil è ciò che ha l' aspetto del vero , che è credibile per l'osservatore. Ciò non implica che sia una situazione reale, ma che sia trasmessa in un contesto specifico, rispettando una serie di regole e mantenendo un livello accettabile di coerenza tra i diversi elementi che la costituiscono. Ad
  • definizione: punto e seguito

    punto e seguito

    Tra i molteplici significati del termine punto , appare il suo uso come segno di scrittura. In questo caso, i punti sono essenziali per sviluppare il punteggio di un testo. I punti permettono di indicare la fine di una dichiarazione o di fare un'abbreviazione . In alcune nazioni, vengono anche usati per distinguere tra l'intera parte e gli elementi frazionari di un numero (nello stesso modo in cui, in altri paesi , viene utilizzata la virgola )
  • definizione: inattivo

    inattivo

    L' aggettivo inattivo è usato per descrivere quello o quello che manca di attività . L'idea di attività, a sua volta, allude al movimento o all'azione. Ad esempio: "A causa del grave infortunio che ha dovuto subire questa mattina, il giocatore argentino sarebbe inattivo per quattro mesi" , "L'ufficio governativo ha riferito che, a causa di attività di manutenzione dei suoi server, il suo sito web rimarrà inattivo fino a quando Martedì prossimo " , " La società era inattiva da diversi anni fino all'arrivo di un gruppo di investimento e la sua messa in
  • definizione: principale

    principale

    Il principale , con origine nella parola latina principālis , è quello o che gode del primo posto per importanza o stima . La cosa principale, quindi, viene prima ed è preferibile ad altre opzioni. Ad esempio: "La cosa principale in questo momento è pagare il debito per evitare l'asta" , "La mia preoccupazione principale è la salute, il resto è secondario" , "Marcelo López è il candidato principale per avere successo con l'allenatore licenziato" . A caus