Definizione singolare

Singolare è una nozione che deriva da singulāris, un termine dalla lingua latina. Come aggettivo, può essere usato per descrivere ciò che è raro, anomalo o sorprendente .

Sebbene nel linguaggio quotidiano accettino frasi come "Devo comprare un'acqua" o "questi sono i miei unici piaceri", in realtà è un modo inaccurato e troppo conciso per comunicare certe idee ; in questi casi particolari, "un'acqua" si riferisce probabilmente a "una bottiglia d'acqua", mentre i "piaceri" sono in realtà "attività" o "situazioni" che generano piacere per l'emittente.

In spagnolo associamo l'idea del plurale con le parole che terminano in "s", per cui assumiamo che il resto dei nomi siano singolari. Avendo definito i concetti di sostantivo collettivo e non numerabile, è ovvio che questa regola non è molto affidabile.

D'altra parte, attenersi così tanto all'idea che la "s" finale indica la presenza di un plurale può essere controproducente quando si studiano altre lingue, in cui le regole sono diverse. In inglese, ad esempio, abbiamo esempi di parole in cui il singolare e il plurale sono scritti esattamente allo stesso modo, qualcosa che accade con "pesce" (pesce o pesce) e "pecora" (pecora o pecora). C'è anche il caso della parola "bambini" (bambini), che è il plurale di "bambino".

Come se questa differenza non fosse abbastanza impressionante per gli spagnoli, ci sono alcune lingue in cui il nome non può essere classificato in base al numero, poiché non include quell'idea nel suo significato; è il caso del giapponese, dove il contesto è sempre necessario per sapere di quanti oggetti o argomenti si parla, o almeno se è uno o più.

Raccomandato
  • definizione: dispositivi di input

    dispositivi di input

    Una voce è, nel campo della tecnologia dell'informazione , una serie di dati che viene ricevuta da un determinato sistema per un'ulteriore elaborazione. Questo concetto appare sempre collegato all'output , che implica la presentazione delle informazioni in modo che l'utente ne faccia uso secondo necessità.
  • definizione: diva

    diva

    L' idea della diva , derivata dal latino divus , è spesso usata per descrivere una figura dello spettacolo che è molto famosa . Queste sono grandi star che si distinguono dal resto per la loro popolarità e / o talento. Ad esempio: "La diva di Hollywood ha speso dieci milioni di dollari per ristrutturare la sua villa" , "Solo una diva come lei può riempire cinque stadi cantando vecchie canzoni" , "La diva televisiva ha sorpreso di partecipare all'evento senza trucco" . L&
  • definizione: variabile continua

    variabile continua

    Una variabile è chiamata un simbolo che agisce su proposizioni, formule, funzioni e algoritmi di statistica e matematica e ha la particolarità di poter adottare valori diversi . In base alle sue caratteristiche, è possibile parlare di diversi tipi di variabili, come variabili quantitative , variabili qualitative , variabili indipendenti , variabili dipendenti e variabili casuali . I
  • definizione: partito politico

    partito politico

    La politica comprende tutte quelle attività che sono orientate ideologicamente al processo decisionale per raggiungere gli obiettivi . Il termine è anche usato per nominare l'esercizio del potere per la risoluzione dei conflitti. L'idea di una festa , d'altra parte, ha più significati. U
  • definizione: zar

    zar

    Dallo zar russo e originario di Cesare latino (di Giulio Cesare ), lo zar è il titolo dato all'imperatore di Russia e al sovrano di Bulgaria e Serbia . La sua forma femminile è Tsarina . È importante sottolineare che questo titolo nobiliare non suppone un rango imperiale, ma che è equivalente alla voce slava krol ( "re" ). Ol
  • definizione: influenza

    influenza

    L'influenza è l' azione e l'effetto di influenzare . Questo verbo si riferisce agli effetti che una cosa produce su un'altra (ad esempio, il vento sull'acqua) o al predominio esercitato da una persona ( "Juan ha una grande influenza sulle decisioni del fratello minore" ).