Definizione lancia

La parola latina lancea venne alla nostra lingua come una lancia . Questa è chiamata un'arma che consiste in una lunga canna con una punta da taglio all'estremità.

lancia

L'origine delle lance è molto antica. Si stima che, nel continente africano, questo tipo di arma fosse usata circa 500.000 anni fa: gli uomini preistorici la usavano per cacciare .

Le lance possono essere realizzate con metallo, legno o altri materiali. Di solito, la lancia è un bastone a cui viene aggiunto un elemento appuntito e tagliente. Di tutti, la punta può essere incisa sull'albero stesso.

Per quanto riguarda la modalità d'uso, è possibile tenere la lancia con una mano o entrambe mentre si attacca la punta contro il bersaglio, o può essere lanciata. La lancia da lancio più conosciuta è chiamata giavellotto, ora trasformato in un attrezzo per la pratica di una disciplina atletica.

Secondo il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), ci sono altri significati del termine. Inoltre è chiamato una lancia al tubo metallico che serve per finire le maniche di una pompa e dirigere il getto d'acqua; e al bastone di legno che unisce il gioco anteriore di una carrozza, usato per dirigerlo e ai cui lati sono legate le cavallette del tronco.

Una lancia termica, nel frattempo, è uno strumento che fonde l'acciaio. Questo dispositivo raggiunge una temperatura così elevata da poter penetrare praticamente in qualsiasi materiale.

Lanza, infine, era una somma pecuniaria che, nell'antichità, i nobili di Castiglia davano il re come contributo alle campagne militari, sostituendo con questo denaro l'obbligo di fornire soldati o armi.

Raccomandato
  • definizione: androgino

    androgino

    L'etimologia dell'androgino ci porta prima alla lingua latina e poi alla lingua greca, dove proviene da una parola composta che combina le nozioni di "maschio" e "femmina" . Il primo significato del termine menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, in questo contesto, allude all'aggettivo ermafrodita : ha entrambi i sessi
  • definizione: incessante

    incessante

    L' aggettivo incessante è usato per descrivere ciò che non si ferma : cioè, non si ferma, si ferma o si interrompe . Il termine è anche usato per riferirsi a ciò che viene ripetuto o ripetuto frequentemente . Ad esempio: "La violenza politica nel paese centroamericano è incessante e causa grande preoccupazione a livello internazionale" , "Il club inglese continua la sua incessante ricerca di rinforzi per affrontare la prossima stagione" , "Un rumore incessante proveniente dalla casa la porta accanto mi ha impedito di dormire . &quo
  • definizione: delegato

    delegato

    Delegato è un termine che ha la sua origine nella parola latina delegāre . Questa parola latina, che può essere tradotta come "inviare qualcuno in modo legale", è il risultato della somma di diverse parti chiaramente delimitate: il prefisso "de" -, che significa "dall'alto verso il basso"; il verbo "lex", che è sinonimo di "legge", e il suffisso - "ar". Il
  • definizione: protocollo

    protocollo

    Una revisione dell'etimologia del termine protocollo ci porta immediatamente al protocollum , una parola latina. Questo, a sua volta, deriva da un concetto di lingua greca. In particolare, emana dalla parola greca "protokollon", che è il risultato della somma di due elementi diversi: "protos", che può essere tradotto come "primo" e "kollea", che è sinonimo di "colla" o "cola" ". L
  • definizione: dizione

    dizione

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della parola dizione che ora ci occupa. Più esattamente emana da "dictio", che è il risultato della somma dei seguenti componenti: • Il verbo "dicare", che può essere tradotto come "say". • Il suffisso "-ción", che viene utilizzato per esprimere "azione ed effetto". Il modo
  • definizione: programma sorgente

    programma sorgente

    Il programma sorgente è una nozione utilizzata come sinonimo di codice sorgente . Sono le istruzioni che un programma per computer trasmette a un computer in modo che possa essere eseguito. Queste istruzioni sono linee di testo scritte in un linguaggio di programmazione (una struttura in grado di impartire istruzioni informatiche da una specifica base semantica e sintattica).