Definizione galleria

Il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) riconosce quasi venti significati del termine galleria . Il concetto è spesso usato per nominare il corridoio o l'ampio corridoio il cui tetto è sostenuto da pilastri o colonne e che ha molte finestre. Una galleria può anche essere un corridoio spoglio che facilita l'ingresso della luce naturale negli ambienti interni di una casa.

galleria

Ad esempio: "Durante la sua convalescenza, il ragazzo era solito sedersi nella galleria per osservare gli uccelli", "La nonna ha diverse piante con i fiori nella galleria", "Marcos, non vuoi andare a suonare alla galleria?" .

La nozione di galleria è anche usata per riferirsi allo spazio dedicato alla mostra e / o alla vendita di opere artistiche : dipinti, sculture, ecc.: "Il giovane artista ecuadoriano si esibirà il prossimo mese in una galleria a Parigi", "Quando ho visitato la Spagna, Ho colto l'occasione per visitare diverse gallerie d'arte ", " Il mio sogno è quello di mostrare i miei quadri in una galleria della capitale e che molte persone possano conoscere il mio lavoro " .

Una galleria commerciale, nel frattempo, è un'area che ha molti negozi. È una specie di mercato o centro commerciale che riunisce varie proposte.

D'altra parte, puoi chiamare una galleria una serie di immagini, specialmente fotografie. Questo uso della parola è comune su Internet, dove di solito si fa riferimento alle gallerie che raccolgono foto di notizie, eventi, luoghi o celebrità: "Campione del Real Madrid! Da non perdere la galleria fotografica della finale di Champions League ", " Galleria imperdibile con le migliori immagini della spiaggia ", " Stavo guardando una galleria di fotografie dell'hotel, sembra molto bella " .

Una galleria, infine, è una strada sotterranea che è costruita per consentire la comunicazione tra diversi spazi. Nelle miniere, per citare un caso, ci sono gallerie che i minatori percorrono.

Raccomandato
  • definizione: ovocita

    ovocita

    Conoscere l'origine etimologica del termine ovocita ci porta ad analizzare che esso proviene dal greco. In particolare, è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: "oo", che può essere tradotto come "uovo" e "kytos", che è equivalente a "cella". G
  • definizione: padiglione

    padiglione

    Padiglione è un termine che ha la sua origine etimologica nel vecchio paveillon francese. Può essere una tenda o una tenda che ha un aspetto conico grazie all'utilizzo di vari pali e corde. Ad esempio: "Quando ha iniziato a piovere, ci siamo rifugiati nel padiglione del cibo" , "La fiera è formata da diversi padiglioni dove gli artigiani offrono i loro prodotti" , "Vorrei installare un padiglione nel giardino per dormire fuori in le notti più calde . &q
  • definizione: drenaggio

    drenaggio

    Il drenaggio è un termine che deriva dal drenaggio francese e che si riferisce all'azione e all'effetto del drenaggio . Questo verbo, a sua volta, significa assicurare l'uscita di liquidi o l'eccessiva umidità attraverso condutture, tubi o fossati. Per l' ingegneria e la pianificazione urbana, il drenaggio è il sistema di tubazioni interconnesse che consente l'evacuazione dell'acqua piovana o di altri tipi di liquidi . I
  • definizione: adattamento

    adattamento

    Come per molte delle parole in spagnolo, il termine adattamento deriva dal latino. All'interno della lingua di cui sopra, la sua origine risiede nella parola adaptare, che è un verbo composto da due parti. Quindi, in primo luogo c'è l' annuncio prefisso, che significa "verso", e in secondo luogo troviamo il verbo aptare che verrebbe tradotto come "aggiusta" o "equip".
  • definizione: pigiama

    pigiama

    L'origine del termine pigiama è piuttosto complicata, dal momento che una serie di lingue entrano in gioco. Così, il castigliano lo prese dal "pigmeo" inglese e questa lingua fece lo stesso del "paegama" indostano, che divenne pantaloni larghi e larghi indossati dai maomettani.
  • definizione: sulle persone

    sulle persone

    La tratta di esseri umani è un crimine che consiste nel rapimento, trasferimento o ricezione di esseri umani mediante minacce, violenza o altri meccanismi coercitivi (frode, abuso di posizione dominante, ecc.). Considerata schiavitù moderna , la tratta di esseri umani comporta l' acquisto e la vendita di persone , in cui la vittima è soggetta all'autorità di un altro soggetto. Ti