Definizione apocope

Il termine apocope deriva dalla parola latina apocŏpe, anche se le sue radici etimologiche più lontane si trovano nella lingua greca. Il concetto è usato in fonetica con riferimento all'eliminazione di certi suoni alla fine di una parola .

apocope

È importante ricordare che, secondo il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE), l'apocope è un sostantivo femminile : quindi deve essere detto "l'apocope" o "un apocope" . L'apocope, d'altra parte, fa parte della figura conosciuta come metaplasm, che implica un'alterazione della pronuncia o della scrittura dei termini senza cambiarne il significato.

Nel caso specifico di questo metaplasma, un taglio si verifica alla fine della parola. Se il cambiamento avviene all'inizio, è un'aferesi, mentre se il cambiamento appare nel mezzo, il metaplasma è chiamato sincopazione .

Possiamo trovare apopunti in diversi tipi di parole. La parola "auto", ad esempio, è un apocope "auto" . I due termini si riferiscono allo stesso: un veicolo a motore destinato al trasporto di passeggeri che può essere spostato senza l'uso di corsie o strade.

Gli apopunti compaiono anche tra gli aggettivi ( "primer" anziché "first" ), gli avverbi ( "tan" per "tanto" ) e persino i nomi propri ( "Juli" in sostituzione di "Julián" ). La scelta dell'apocope o dell'intera parola può essere una questione di stile o di contesto. In alcuni casi, il fenomeno deriva dall'uso di parole che non fanno parte del dizionario del RAE .

Apócope of the -e átona

Il castigliano ha subito numerosi cambiamenti durante il suo sviluppo ed evoluzione, un processo che è stato in movimento per molti secoli e non è ancora finito. Uno dei fenomeni più eclatanti della sua storia è l'apocope del non accentato finale, un'alterazione fonetica che cominciò ad essere notata nella nostra lingua dal VI secolo e che la identificò con altri, anche dalla Romania occidentale.

Vale la pena ricordare che, nel caso dello spagnolo, questa omissione è stata condotta soltanto in un periodo di circa due secoli, a partire dalla metà dell'XI secolo, a differenza di quanto accadde con il catalano e il francese, dove persiste.

Per le parole che terminano in le, re, se, ne, de o ze, l'apocope del non accentato finale ha avuto inizio nel sesto secolo. Questo può essere visto, ad esempio, nel termine Leonese, che fino ad allora era stato scritto Leonese . Data l'instabilità e l'irregolarità di questo movimento, l'apocope non è stato usato definitivamente da quel momento, ed è per questo che troviamo entrambe le versioni della parola in documenti e articoli dei secoli successivi.

Fino alla prima metà del secolo XI, c'era una marcata tendenza a mantenere la vocale finale in queste parole, e si ritiene che l'applicazione dell'apocope potrebbe avere una connotazione peggiorativa. Tuttavia, dal 1050 fino al 1250 circa, l'eliminazione permanente della finale -e fu messa in pratica, anche in termini che non finirono nelle summenzionate sillabe. In questo modo, sono state ottenute modifiche come la seguente: le parole mount, nine, ahead e part, rispettivamente mont, nuef, adelant e part .

Ciò fu seguito dalla restituzione della vocale finale, già nella seconda metà del XIII secolo, sebbene non per molto tempo: cinque decenni dopo, l'apocope diventa ancora una volta estrema. Nel corso del tempo, la lingua ha iniziato ad acquisire una forma meno rigida, applicando questa misura solo in alcuni casi, molti dei quali hanno raggiunto la nostra era.

Raccomandato
  • definizione popolare: nepotismo

    nepotismo

    È noto come nepotismo alla predilezione esagerata che alcuni funzionari pubblici attivi che occupano posizioni pubbliche hanno nei confronti della loro famiglia , amici intimi e amici quando fanno concessioni o assumono dipendenti statali. In questi casi, l' individuo che accede a un lavoro pubblico raggiunge l'obiettivo a causa della sua vicinanza e lealtà al governatore o al funzionario in questione, e non per i suoi meriti o abilità. N
  • definizione popolare: tessuto connettivo

    tessuto connettivo

    Tra i molteplici significati del termine tessuto , questa volta siamo interessati a rimanere con il suo significato in anatomia, zoologia e botanica: un tessuto, in questo caso, è un insieme di cellule che agiscono in modo coordinato con un fine in comune. Connettivo , d'altra parte, è un aggettivo che si riferisce a ciò che collega o collega le parti di qualcosa . L
  • definizione popolare: clinica

    clinica

    Il concetto di clinica viene utilizzato con riferimento alla pratica della medicina (la scienza dedicata a prevenire, diagnosticare e trattare i disturbi, le malattie e i disturbi dell'essere umano). Storicamente, è la diagnosi che viene fatta al paziente in base all'insieme dei sintomi da lui indicati, e secondo criteri medici e completata da un esame fisico e di laboratorio, tenendo conto che la velocità con cui viene effettuata dipende in larga misura il successo del trattamento da seguire.
  • definizione popolare: subcultura

    subcultura

    Il termine sottocultura non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy . La nozione, tuttavia, è molto comune in sociologia e antropologia . Il concetto è usato per chiamare il gruppo di persone che condividono comportamenti e credenze che sono diversi da quelli della cultura dominante nella loro comunità . S
  • definizione popolare: catechesi

    catechesi

    Prima di entrare pienamente nel significato del termine catechesi, scopriremo la sua origine etimologica. In questo caso possiamo stabilire che è una parola di origine latina "catechesi", che, a sua volta, deriva dal greco. In particolare, emana da "katéchesis", che può essere tradotto come "azione per istruire a voce alta". P
  • definizione popolare: collegamento

    collegamento

    Una connessione (dal latino connexĭo ) è un collegamento o un collegamento che unisce una cosa con un'altra. Il termine indica l' azione e l'effetto del collegamento (unire, collegare, stabilire relazioni). Le connessioni possono essere fisiche o simboliche. Il concetto è usato per nominare l'unione di idee o interessi e per designare amicizie. A