Definizione sostantivo

Un sostantivo è una classe di parole che può funzionare come soggetto di una frase e che designa o identifica un essere animato o inanimato .

sostantivo

Nelle lingue romanze, come lo spagnolo, i nomi variano a seconda del sesso e del numero . In altre lingue, come il cinese, i nomi non variano mai. Ci sono lingue in cui non ci sono nemmeno proprietà formali diverse tra nomi e verbi, come Nahuatl.

classificazione

Da un punto di vista semantico :

* nomi concreti : si riferiscono a concetti indipendenti, che possiamo percepire con i nostri sensi, o immaginare e assumere che essi esistano sul nostro stesso piano (una sedia, un computer, una persona);

* nomi astratti : contrariamente al caso precedente, questi sono concetti dipendenti, che servono a designare entità impercettibili dalle nostre capacità sensoriali, ma percepibili attraverso il pensiero (amicizia, amore, male, fede).

A loro volta, i nomi astratti possono essere classificati in:

+ abstract di qualità : hanno relazione con aggettivi e rappresentano proprietà o qualità di esseri animati o inanimati (bruttezza, altezza);

+ abstract del fenomeno : che servono a designare stati, azioni o le loro conseguenze (esercizio, studio);

+ abstract dei numeri : permettono di quantificare altri nomi, con diversi gradi di precisione (ramo, gruppo, quantità).

Secondo la qualità di unico:

* nomi comuni : considerati sostantivi generici, sono usati per riferirsi a qualsiasi membro della stessa specie o classe senza approfondire le loro caratteristiche particolari (donna, cane, auto);

* nomi propri : servono a distinguere ciascun individuo dagli altri, come accade con i nomi delle città o delle persone, e devono essere scritti con la loro lettera iniziale in maiuscolo (Tokyo, Cecilia).

Tenendo conto del tipo di riferimento:

* nomi individuali : quando presentano la loro forma singolare, si riferiscono a un singolo esemplare di una classe o di una specie (foglia, ruscello, montagna). Nelle lingue la cui grammatica include la forma plurale, come nel caso del castigliano, questi nomi possono designare un gruppo (indefinito a meno che non siano aggiunte informazioni numeriche);

* nomi collettivi : sono usati per nominare un gruppo di oggetti o esseri, anche nella loro forma singolare (città, boschetto, mandria, squadra). Nella loro forma plurale, danno l'idea di insiemi della stessa classe indipendenti l'uno dall'altro.

Dalla sua composizione:

* nomi semplici : sono parole formate da un unico termine (vetro, controllo, alloggiamento);

* nomi composti : sono formati dall'unione di due semplici parole (parabrezza, dropper, portiere, firewall).

sostantivo Secondo la complessità della sua morfologia o della sua origine :

* nomi primitivi : quelli che hanno il ruolo principale in una famiglia di parole, che rappresentano la loro radice, e sono formati da un lessema fondamentale (unità minima, senza morfemi grammaticali) e possono o non possono adottare morfemi per il loro genere e numero (fiore, mare);

* nomi derivati : sono generati a partire dai termini primitivi, grazie all'uso di prefissi o suffissi (fiorista, marinaio);

* Nomi aumentativi : sono usati per riferirsi ad esseri animati o inanimati di dimensioni considerevoli o di grande intensità (cochazo, notición, golpazo, espadota);

* sostantivi diminutivi : il caso opposto agli aumentativi (cucciolo, perita, casita, paquetín);

* nomi dispregiativi : come suggerisce il nome, servono a menzionare con disprezzo gli esseri o gli oggetti, cercando di sottrarre valore o importanza (cuartucho, baracche, plebaglia, popolo);

* Nomi genitivi : esistono dal nome di un paese, una città o qualsiasi territorio ufficialmente riconosciuto e sono usati per riferirsi al luogo di origine di una persona, un animale o una cosa (giapponese, nordamericano, italiano).

Prendendo in considerazione la tua contabilità:

* nomi numerabili : sono concetti che possono essere contati (pietra, coppa, valuta);

* nomi innumerevoli : designano concetti che non possono essere divisi in parti contabili ( acqua, felicità, ossigeno, gas, petrolio).

Raccomandato
  • definizione: varietà

    varietà

    Dalle varietà latine, la varietà è la proprietà di ciò che è vario (diseguale, dissimile, dissimile, non uniforme, eterogeneo). La varietà, quindi, è il raggruppamento di elementi diversi o la dissomiglianza in una certa unità . Ad esempio: "In questo ristorante c'è un'incredibile varietà di cibo" , "Non puoi lamentarti, figliolo: hai una vasta gamma di giochi tra cui scegliere" , "La nostra azienda cerca di offrire la più ampia varietà di opzioni sul mercato" , " Questo negozio vende bei vestiti, ma non ha varietà . " La va
  • definizione: ascendenza

    ascendenza

    La parola araba classica kunyah derivava, in arabo ispanico, da alkúnya . L'evoluzione etimologica del concetto continuò nel nostro linguaggio e così sorse il concetto di lignaggio , che si riferisce al lignaggio, alla prosapia, al lignaggio o alla discendenza di una persona . La nozione è utilizzata soprattutto rispetto ai soggetti appartenenti alla nobiltà o alle famiglie più ricche e tradizionali di una regione . In q
  • definizione: violenza di genere

    violenza di genere

    La violenza è quel comportamento che viene effettuato consapevolmente e deliberatamente per generare un qualche tipo di danno alla vittima. Originario del latino violento , la violenza può cercare di nuocere fisicamente o emotivamente. Il genere , d'altra parte, è un concetto con diversi usi. In questa occasione siamo interessati a mettere in evidenza il suo significato come il gruppo di esseri che condividono determinate caratteristiche. L
  • definizione: cittadino comune

    cittadino comune

    Il Plebeian , che deriva da plebeius (una parola latina), è un aggettivo che si applica a quello o quello che appartiene alla gente comune . La plebe, d'altra parte, è la classe sociale che occupa la zona inferiore nella piramide della società . Il termine era frequente nell'antichità, quando le classi sociali erano ben differenziate e la mobilità tra loro era impossibile. A q
  • definizione: WWW

    WWW

    WWW sono le iniziali che identificano l'espressione inglese World Wide Web , il sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro e accessibili tramite Internet . Attraverso un software noto come browser , gli utenti possono visualizzare vari siti Web (che contengono testo, immagini, video e altri contenuti multimediali) e navigare attraverso di essi attraverso collegamenti ipertestuali
  • definizione: orientamento educativo

    orientamento educativo

    L'orientamento educativo è un insieme di attività rivolte a studenti , genitori e insegnanti , allo scopo di contribuire allo sviluppo dei loro compiti nell'ambito specifico delle scuole. Secondo un'altra definizione, l'orientamento scolastico è la disciplina che studia e promuove le capacità pedagogiche, psicologiche e socioeconomiche dell'essere umano , allo scopo di collegare il loro sviluppo personale allo sviluppo sociale del paese. In