Definizione chi

Chiunque sia un pronome indeterminato che viene utilizzato per indicare un soggetto impreciso, senza fare riferimento a un individuo specifico. Questo pronome può essere localizzato prima o dopo il verbo .

È importante sottolineare che l'uso del termine whoquiera non è molto comune nel parlato quotidiano, ma di solito si trova nella letteratura, nella stampa e nel cinema. Invece, una conversazione informale può ricorrere a una costruzione come "chiunque sia", "Non mi importa chi è" o "chiunque altro", tra molti altri, sempre in base al contesto .

Un errore molto comune nella scrittura del pronome chiunque lo separi in due parti, "chi" e "voglio". È un fenomeno che ha luogo con molte altre parole e che può generare confusione, sebbene la più grave sia la mancanza di comprensione che denota da parte di chiunque la impegna. Scrivere questo termine in due parti mostra che non capiamo che tipo di parola è e, quindi, quale sia la sua funzione nel suo contesto.

Le conseguenze di non conoscere precisamente i significati e le funzioni di una parola sono fondamentalmente tre: non essere in grado di sfruttare tutte le possibilità che ci offre quando le utilizziamo in una frase; trasmettere messaggi confusi o errati, con conseguente incomprensione da parte degli interlocutori; interpretare male i messaggi di altre persone in cui viene utilizzata la stessa parola.

Lo sviluppo delle nostre capacità cognitive, quelle che sono legate al trattamento delle informazioni che emerge dal nostro ambiente, attraversa varie fasi durante la nostra crescita. All'inizio, la cosa normale è che consideriamo tutto ciò che possiamo vedere, odorare, toccare, ascoltare e gustare intorno a noi; In altre parole, iniziamo ad essere consapevoli di ciò che possiamo percepire attraverso i nostri sensi .

Tuttavia, prima o poi diventiamo capaci di elaborare dati ambigui, di pensare a concetti astratti, di mettere come soggetto un essere che non abbiamo mai visto, o che non sappiamo se esiste ; È lì quando l'uso del termine chiunque inizia a prendere posto, per descrivere quelli che forse non conosciamo anche se con attributi di esseri reali, supponendo che abbiano occhi, braccia, che camminano e parlano, per esempio.

Raccomandato
  • definizione: stampa

    stampa

    La stampa è un concetto che si riferisce al numero di copie stampate in una determinata edizione . La nozione, detta anche come tiratura , viene utilizzata rispetto a ciò che viene stampato. Supponiamo che un editoriale decida di stampare 20.000 copie di un romanzo. L'edizione di questa edizione, quindi, sarà di 20.00
  • definizione: politica

    politica

    La politica è un'attività orientata ideologicamente al processo decisionale di un gruppo per raggiungere determinati obiettivi. Può anche essere definito come un modo per esercitare il potere con l'intenzione di risolvere o minimizzare lo scontro tra gli interessi in conflitto che si verificano all'interno di una società. L&
  • definizione: storiografia

    storiografia

    La storiografia è la disciplina centrata sull'analisi della storia . È una serie di teorie e tecniche collegate allo studio e all'interpretazione di fatti storici. Il concetto di storiografia è anche usato per denominare il gruppo formato da opere di natura storica e lo studio critico e bibliografico di testi che ruotano attorno alla storia. È
  • definizione: cambi

    cambi

    L'uso più comune del termine valuta è legato a una valuta straniera . Il suo significato, quindi, dipende dalla posizione dell'altoparlante. In Argentina , Cile e Uruguay , per citare tre casi, il dollaro è una valuta. Negli Stati Uniti , d'altra parte, non lo è, dal momento che è la sua valuta nazionale. Ciò
  • definizione: ovulazione

    ovulazione

    L'ovulazione è la maturazione di un ovulo nell'ovaio o l' espulsione di una o più ovaie dall'ovaio , sia spontaneamente che indotta . Le donne ovulano ogni una media di quattordici giorni, dopo il primo giorno delle mestruazioni . Questo periodo, tuttavia, non è esatto poiché dipende dalla durata del ciclo mestruale di ciascuna persona. È
  • definizione: ritorno

    ritorno

    Dal latino devolutĭo , il ritorno è l' azione e l'effetto del ritorno . Questo verbo fa menzione di restituire qualcosa al suo stato precedente ; ripristinare qualcosa alla persona che lo aveva prima; corrisponde ad un favore; o rifiutare un ordine o una richiesta per non rispondere a quanto previsto Ad esempio: "Dobbiamo restituire la merce difettosa il prima possibile" , "Il venditore mi ha risposto di non accettare resi" , "Se non sei soddisfatto del prodotto, chiama e organizza il tuo reso" .