Definizione opus

Opus è una parola latina che può essere tradotta come "lavoro" . Il termine è usato in spagnolo in diversi modi. Di seguito ne spieghiamo alcuni.

Opus Dei

Nel campo della musica, il concetto può essere usato per nominare un'opera con il suo numero corrispondente all'interno della cronologia produttiva del suo creatore.

Questa catalogazione cominciò ad essere usata nel diciassettesimo secolo essendo molto comune nella musica classica, sebbene non tutti la usassero. Compositori come Ludwig Van Beethoven nominarono le loro opere come opus e le numerarono, mentre altri non numerarono le loro opere o lo fecero senza seguire una logica . Il tipo di nomenclatura utilizzata era composto dall'abbreviazione del termine (op.) Seguito dal numero corrispondente alla composizione in base alle creazioni precedenti.

C'è anche un'altra nomenclatura che è "WoO" che si riferisce all'espressione Werk ohne Opuszahl (opera senza numero di opus) che, nel caso di Beethoven appare in quelle opere che non ha nominato e che sono state successivamente denominate in questo modo. D'altra parte "Op. posth. "è l'abbreviazione di opus posthumus (lavoro pubblicato postumo) che è la nomenclatura ricevuta da quelle creazioni trovate dopo la morte del suo creatore e che, anche se avevano una nomination che questa aveva messo loro, gli editori hanno posto questo chiarimento.

opus È importante notare che il plurale dell'opera è opera e la sua abbreviazione Opp. questo tipo di nomenclatura era più utilizzato da Bach, Haydn e Mozart che componevano opere che in se stesse erano formate da diversi pezzi diversi.

In generale il nome delle opere è stato messo dall'editore e non dagli stessi compositori, questo ha portato allo stesso pezzo pubblicato in diversi periodi storici che potrebbero avere una differenza nella sua nomenclatura. Nel caso di Beethoven, tuttavia, è stato lui stesso a numerare le sue opere e lo ha fatto con un ordine relativamente rigoroso, il che rende il compito di recuperare e trovare tutto ciò che compone questo musicista in modo molto più semplice.

Le opere appartenenti a autori barocchi che non erano titolati all'epoca, successivamente hanno ricevuto una nomenclatura data dai loro editori. Per fare questo, è stata stabilita una catalogazione che permettesse di identificare facilmente l'ordine dei vari compositori e di se stesso delle sue opere. L'ordine delle composizioni di ciascun autore è cronologico e risponde al momento in cui è stato pubblicato.

Seguendo la sfera dell'arte, l'espressione opus magnum (o magnum opus ) è usata per indicare l'opera più importante o più famosa di un creatore: "L'opus magnum della regina è Rapsodia bohémienne" . Questa frase era anche usata nell'alchimia con riferimento alla procedura che cercava di creare la pietra filosofale.

L'Opus Dei, d'altra parte, è un'organizzazione religiosa che appartiene alla Chiesa cattolica . Questa entità è stata creata dal sacerdote spagnolo Josemaría Escrivá de Balaguer, che è stato canonizzato da Giovanni Paolo II nel 2002 .

Con oltre 88.000 membri (per la maggior parte laici), l' Opus Dei difende la dottrina cattolica e sostiene che tutti gli esseri umani dovrebbero dirigere le loro vite quotidiane verso la santità. Alcuni gruppi di opposizione, tuttavia, denunciano l' Opus Dei per aver annullato la libertà dei suoi membri e per aver fatto ricorso a tattiche aggressive per attirare nuovi fedeli.

L'Opus Dei ha anche ricevuto critiche per le sue posizioni politiche, dal momento che l' organizzazione arrivò persino a sostenere la dittatura di Francisco Franco in Spagna .

Raccomandato
  • definizione: fatto sociale

    fatto sociale

    Un fatto è un lavoro che prende forma o un evento che accade. Il sociale , d'altra parte, è ciò che è legato alla società : la comunità composta da individui che convivono sotto regole comuni. L'idea di fatto sociale è usata nel campo dell'antropologia e della sociologia per alludere alle idee e ai comportamenti che possono essere trovati in un gruppo sociale . Per c
  • definizione: opus

    opus

    Opus è una parola latina che può essere tradotta come "lavoro" . Il termine è usato in spagnolo in diversi modi. Di seguito ne spieghiamo alcuni. Nel campo della musica , il concetto può essere usato per nominare un'opera con il suo numero corrispondente all'interno della cronologia produttiva del suo creatore. Qu
  • definizione: termoplastico

    termoplastico

    Termoplastico è un aggettivo che consente di qualificare il materiale che è malleabile nel calore . In altre parole: un termoplastico, quando si trova ad una temperatura elevata, perde il suo stato rigido e si deforma. Materie termoplastiche, quando riscaldate, si sciolgono e si sciolgono. Una volta che si sono raffreddati, recuperano la loro consistenza.
  • definizione: avanguardia

    avanguardia

    Il significato originale di avanguardia si riferisce alla parte di una forza armata che passa davanti al corpo principale . L'avanguardia è costituita dalle prime linee della formazione di combattimento . Il concetto può essere esteso per nominare l' avamposto di un movimento artistico, politico o ideologico .
  • definizione: dipendenza

    dipendenza

    Dal latino addictĭo , la dipendenza è l'abitudine che domina la volontà di una persona . Si tratta di dipendenza da una sostanza, un'attività o una relazione . Ad esempio: "L'attore è dovuto andare in una clinica specializzata per curare la sua tossicodipendenza " , "Ho perso molti anni della mia carriera a causa della mia dipendenza " , "Sono preoccupato: penso che mio figlio abbia una dipendenza da Internet" . Le
  • definizione: deposito

    deposito

    Nel determinare l'origine etimologica del termine deposito, dobbiamo chiarire che esso si trova in latino. In particolare, emana dal verbo iacere , che può essere tradotto come "sdraiato". Il deposito è il luogo in cui si trovano naturalmente rocce, minerali, gas o fossili ( depositi geologici ) o il sito in cui sono stati trovati resti archeologici ( sito archeologico ).