Definizione rispettare

Rimanere è un verbo che allude a tollerare, rispettare o acconsentire a qualcosa . Chiunque rispetti un determinato ordine o requisito, accetta di fare ciò che indica. Ad esempio: "Il giocatore potrebbe essere licenziato per non aver seguito le istruzioni del suo allenatore", "Non accetterò nulla di ciò che quest'uomo mi dice", "Se il tuo capo ordina qualcosa, devi conformarti" .

rispettare

Per quanto riguarda l'etimologia del termine, possiamo dire che è costruito con il prefisso a-, che indica "approssimazione", e il verbo catar, che deriva dal verbo latino captare, che può essere tradotto come "catturare, afferrare".

Il verbo opposto a cui attenersi è desacatar, che può essere definito come "mancanza di rispetto o reverenza che qualcuno merita" o "non rispettare una legge, un ordine o una regola". Il suo participio, desacato, è usato come sostantivo maschile per riferirsi a una "mancanza di rispetto per una persona che detiene una posizione superiore" o "crimine che consiste nel diffamare, insultare, minacciare o insultare un'autorità mentre esercita le sue funzioni. "

La conformità (l'atto e la conseguenza del rispetto) può verificarsi in diversi contesti. Generalmente, una persona accetta di accettare qualcosa quando gli ordini o i requisiti provengono da un'autorità o da un superiore gerarchico .

Supponiamo che il conducente di una macchina finga di guidare su una strada il cui traffico è stato interrotto a causa di un incidente. Un poliziotto si avvicina all'automobilista e gli ordina: "Signore, devi tornare indietro perché, in questo momento, non è permesso circolare su questa strada" . Il conducente deve attenersi a questa indicazione o, altrimenti, rischiare di ottenere un biglietto o di perdere la patente di guida.

Un impiegato, d'altra parte, deve rispettare gli ordini del suo capo . Il proprietario di un'azienda può chiedere a un lavoratore di vestirsi in un certo modo per servire il pubblico: se l'individuo desidera conservare il suo lavoro, deve rispettare l'indicazione.

rispettare È importante ricordare che, in molti casi, la conformità non è legata ad un obbligo formale. Se un vicino implora un altro per abbassare la televisione perché non riesce a dormire, la persona può soddisfare la richiesta semplicemente rendendosi conto che le sue azioni disturbano gli altri.

In un caso come questo, i valori di ogni persona entrano in gioco, la loro volontà di vivere in armonia con i loro vicini. È una situazione in cui è possibile dimostrare che non tutto è perduto, che siamo in grado di entrare in empatia con un'altra persona anche se non abbiamo uno stretto rapporto con lei e, cosa ancora più importante, anche se non ci sono interessi coinvolti.

Quando un vicino di casa ci chiede di modificare leggermente il nostro comportamento in modo da non invadere la loro privacy, possono emergere due risposte ben definite: possiamo negare noi stessi a titolo definitivo o accettare la richiesta senza esitazione. Inutile dire che la prima opzione può portare a gravi problemi, anche legali, a seconda dei casi, mentre il secondo è ciò che ci permette di continuare a vivere in pace; tuttavia, vi è una vasta gamma di sfumature tra entrambi, che si riferiscono al tipo di relazione tra i due.

Mentre non possiamo decidere di non rispettare l'ordine di un ufficiale di polizia o del nostro capo, ad esempio, in linea di principio non abbiamo l'obbligo di abbassare il volume della nostra televisione semplicemente perché un vicino ci chiede di farlo. In primo luogo, ci sono frequenti casi di persone intolleranti che iniziano costantemente discussioni con i loro vicini, indipendentemente dalla validità delle loro motivazioni. D'altra parte, ci sono anche proprietari che disprezzano gli inquilini, e fanno del loro meglio per infastidirli per farli andare via.

Raccomandato
  • definizione popolare: applicazione

    applicazione

    Dalla sollicitudo latina, la richiesta è un'attenta diligenza o un ordine . La richiesta di verbo, d'altra parte, si riferisce a chiedere, fingere o cercare qualcosa. Ad esempio: "Questo tipo di informazioni deve essere richiesto chiamando il nostro numero di servizio clienti: ci sarà personale con personale specializzato" , "Sono stanco di compilare domande di lavoro e nessuno mi chiama" , "Il club, su richiesta delle autorità, ha consegnato una lista con i nomi dei partner che hanno partecipato al gioco . &
  • definizione popolare: premonizione

    premonizione

    In latino è dove si trova l'origine etimologica del termine premonizione. In particolare, deriva dalla parola "praemonitio", che può essere tradotto come "avvertimento". È formato da tre parti chiaramente differenziate: -Il prefisso "prae", che è sinonimo di "prima". -I
  • definizione popolare: riproduzione asessuata

    riproduzione asessuata

    L'idea della riproduzione è legata al processo e al risultato della riproduzione , un verbo con diversi significati. In questo caso, siamo interessati a concentrarci sul suo significato all'interno del gruppo di esseri viventi: riprodurre è concepire un nuovo organismo che abbia le stesse caratteristiche biologiche del suo genitore.
  • definizione popolare: regolazione

    regolazione

    La regolazione è l' azione e l'effetto della regolazione (aggiustamento o messa in ordine, regolazione del funzionamento di un sistema , determinazione degli standard). Il termine è spesso usato come sinonimo di regolamenti. La regolamentazione, quindi, consiste nell'istituzione di norme , regole o leggi entro un certo ambito.
  • definizione popolare: gamma

    gamma

    Un'evoluzione complessa è stata quella che ha avuto il termine che ora analizzeremo. La sua origine etimologica si trova in latino e nello specifico nella parola cordellum che era il diminutivo di chorda che può essere definito come "cuerda". Tuttavia, da quel momento in poi è stato modificato e adattato ad altre lingue come catalano e spagnolo. U
  • definizione popolare: colpo

    colpo

    Il tiro è l' atto e il risultato dello sparo (rovesciare, lanciare, espellere o lanciare qualcosa). Il concetto è solitamente usato per dare un nome allo sparo fatto con un'arma, solitamente un fuoco. Ad esempio: "Ieri sera ho sentito diversi spari: spero che non sia successo nulla di grave " , "Il giovane è stato colpito a una gamba e si trova nell'ospedale municipale" , "Quando il mercante ha resistito al furto, i criminali hanno minacciato Spara a tuo figlio . &