Definizione vittima

Una vittima è una persona o un animale che subisce danni o lesioni a causa della colpa di altri o per cause fortuite . Quando il danno è causato da una persona, è chiamato il carneiolo . Ad esempio: "L'assalto alla banca ha provocato una vittima mortale e due feriti ", "Questo bambino è vittima di un sistema che non offre le stesse opportunità a tutte le persone ", "La vittima è stata interrogata dal pubblico ministero che tratta per chiarire il caso " .

vittima

Il primo significato del termine (che ha la sua origine in una parola latina di scrittura simile) si riferisce all'essere vivente (persona o animale) destinato al sacrificio . Tuttavia, vale la pena ricordare che questo uso è il meno comune al momento, dal momento che la nozione di vittima di solito si riferisce alla persona danneggiata da un altro essere umano o da forza maggiore.

Omettere la possibilità che un animale possa essere considerato una vittima è coerente con la posizione in cui gli esseri umani localizzano il resto della natura : non è altro che una semplice risorsa che qualcuno o qualcosa mette a nostra disposizione, in modo da sfruttarlo Nessuna pietà per soddisfare i nostri bisogni. Certamente, quanto sono lontane le società correnti dal prendere dall'ambiente solo ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere?

vittima Gli animali nati e uccisi in un macello sono vere vittime, anche se non ci denunciano, anche se non pianificano una rappresaglia contro i loro torturatori. Sono le vittime perfette, perché nessuno le riconosce come tali, perché non si lamentano e accettano l'abuso che gli esseri umani impongono loro. Gli animali, le vittime silenziose, vedono morire i loro bambini senza poterli impedire, crescono in piccoli spazi che nessuna persona sopporterebbe senza impazzire, mangiando e ingrassando, tenendo conto delle zampe, essendo soggetti di crudeli esperimenti . Tutto ciò è accaduto per decenni, senza interruzione, e il linguaggio vuole smettere di riconoscerli come vittime.

Tutte le persone che subiscono un crimine sono vittime di questo fatto, anche se hanno subito diversi tipi di danni. La vittima potrebbe essere stata aggredita senza alcuna conseguenza fisica (solo denaro o altre proprietà sono state rubate), picchiata o ferita nel mezzo della rapina (colpi di pugni, coltellate, proiettili, ecc.) O potrebbe essere morta come conseguenza diretta di l'aggressione. In quest'ultimo caso, si parla di una vittima mortale.

In un senso più astratto, una persona può essere vittima delle proprie azioni, che si verifica soprattutto in individui che soffrono di certi disturbi di personalità. Per ragioni diverse, alcune persone si portano al lavoro o al fallimento emotivo, o si verifica un qualche tipo di danno fisico; Sebbene in tutti i casi vi siano ragioni sottostanti, solitamente correlate a esperienze traumatiche durante l'infanzia causate da anziani che dovevano prendersene cura, le conseguenze di tali infortuni passati sono date con o senza la presenza degli aggressori originali.

Di solito, le vittime di abusi sessuali o psicologici cercano di riprodurre la sensazione di sottomissione e di umiliazione che hanno sofferto una volta senza scelta; Ciò non significa che siano soggetti a maltrattamenti simili a quelli ricevuti durante le aggressioni che hanno generato il trauma, ma cercano di sentire ancora quella frustrazione, quell'impotenza che ha generato l'abuso. Allo stesso modo, le vittime possono diventare vittime di terze parti, continuando un ciclo perverso che si nutre della sofferenza di un innocente per cercare di soddisfare qualcuno che a un certo punto della sua vita era anche, e che non potrà mai più essere di nuovo.

I disastri naturali generano anche vittime. Questi sono casi di forza maggiore, in cui, in linea di principio, nulla può essere fatto per prevenire il danno. Tuttavia, ci sono sempre modi concreti per minimizzare le conseguenze di un eventuale disastro naturale ( inondazioni, siccità, eruzione di un vulcano, terremoto ), anche se richiedono mezzi economici e volontà politica.

Raccomandato
  • definizione popolare: concorrenza

    concorrenza

    Il significato della parola competenza (dal latino competenceia ) ha due aspetti principali: da un lato, si riferisce al confronto o alla contesa svolta da due o più soggetti rispetto a qualcosa. Nello stesso senso, si riferisce alla rivalità tra coloro che affermano di avere accesso allo stesso, alla realtà che le aziende che lottano in un certo settore del mercato vivono quando vendono o chiedono lo stesso bene o servizio, e alla concorrenza che viene effettuata. f
  • definizione popolare: fosso

    fosso

    Venendo dalla cunetta italiana, il termine " fossato" è usato per riferirsi al fosso che viene creato ai lati di una strada o di una strada per ricevere acqua dalla pioggia. Raccogliendo l'acqua e indirizzandola verso un luogo dove non provoca alcun inconveniente, questi canali impediscono il percorso di circolazione da allagamenti.
  • definizione popolare: colloide

    colloide

    Il concetto di colloide è usato per nominare quella sostanza che, quando si trova in un liquido, si disperde a poco a poco. Un colloide è composto da due fasi: una fase disperdente o disperdente e una fase dispersa . La fase di dispersione è un fluido : una sostanza continua. La fase dispersa, d'altra parte, consiste delle particelle colloidali . I
  • definizione popolare: sito web

    sito web

    Il sito è un luogo che serve qualcosa o uno spazio occupato (o che può diventare uno). La nozione di Web , nel frattempo, fa riferimento a Internet , una rete di reti che consente l'interconnessione dei computer attraverso un insieme di protocolli chiamati TCP / IP . Un sito Web , quindi, è uno spazio virtuale su Internet . È
  • definizione popolare: stalkear

    stalkear

    Il concetto di stalkear deriva da un gambo , una nozione della lingua inglese che si riferisce a "stalking" . Stalkear è un neologismo emerso nel campo dei social network per nominare l'azione che una persona compie quando esamina i contenuti pubblicati da un altro utente. Chi stalkea, quindi, entra nei profili o nelle pagine che qualcuno ha sui social network come Facebook , Twitter o Instagram , per sapere cosa sta pubblicando.
  • definizione popolare: lezione

    lezione

    Il concetto di lezione (dal latino lectĭo ) ha molti usi e significati. Uno dei significati più comuni si riferisce all'istruzione della conoscenza teorica e / o pratica che un insegnante fa ai suoi discepoli o studenti. Ad esempio: "La lezione di storia greca mi è sembrata molto divertente" , "L'insegnante ha detto che la settimana prossima avremo una lezione di chimica in laboratorio" , "Dei venti bambini, solo tre erano soddisfatti delle lezioni del nuovo insegnante ". U