Definizione gerarchia

Nel greco è dove troviamo l'origine etimologica della parola gerarchia. Quindi possiamo vedere, in modo esatto, che emana dalla parola gerarchia, che è il risultato della somma di due termini: hieros, che può essere tradotto come "sacro" e arkhei, che è sinonimo di "ordine".

gerarchia

La gerarchia è un ordine di elementi in base al loro valore . Si tratta della gradazione di persone, animali o oggetti secondo criteri di classe, tipologia, categoria o altro argomento che consente di sviluppare un sistema di classificazione.

La gerarchia, quindi, assume un ordine discendente o ascendente. Il concetto è solitamente associato al potere, che è la capacità di fare qualcosa o il dominio da comandare. Chi occupa le posizioni più alte della scala gerarchica, ha potere sugli altri.

Le aziende sono organizzazioni gerarchiche. In una struttura semplificata, il proprietario è colui che occupa il posto più alto nella gerarchia: nessuno prende decisioni senza il suo consenso. Dietro ci sono i manager, i capi delle divisioni e infine i dipendenti senza nessuno in carica. Queste divisioni gerarchiche presuppongono che coloro che appartengono alle categorie inferiori debbano obbedire ai loro superiori.

Esistono molti tipi diversi di gerarchie. Ad esempio, c'è quella che è conosciuta come la gerarchia ecclesiastica, che è quella che viene a stabilire quale sia l'ordine rispetto alle posizioni che esistono all'interno della Chiesa. Così, nel caso del cattolico troviamo che questa gerarchia è composta dai seguenti gradi: papa, cardinale, arcivescovo, vescovo, vicario, monsignore, canonico, parroco ...

In questo senso, troveremmo anche la cosiddetta gerarchia angelica. Un termine che, in particolare, arriva a determinare l'ordine che, secondo i passaggi della Bibbia, occupano i vari cori di angeli che esistono.

Allo stesso modo, c'è anche la cosiddetta gerarchia militare, che è ciò che rende chiaro l'ordine e l'importanza dei ranghi che esistono nell'esercito. Ciò significa che possiamo parlare di capitani, generali, luogotenenti, colonnello, comandante, capitano, tenente, sottufficiale, sergente, brigata, caporale o soldato, tra molti altri esempi.

In questa linea, potremmo anche chiarire l'esistenza di quella che è nota come la gerarchia dell'equipaggio che è quella che determina la posizione e il potere delle diverse persone che navigano su una data nave. Tra di loro avremmo incontrato i marinai o gli ufficiali, tra gli altri.

Anche il governo di uno stato ha un'organizzazione gerarchica, sebbene sia sfumata dall'obbligo di rispettare le varie norme e procedure costituzionali. In una repubblica presidenzialista, il presidente è colui che ordina i ministri; questi, a loro volta, possono inviare i segretari.

Nel mondo animale, la gerarchia viene di solito stabilita attraverso la forza e l'aggressività. Gli animali più forti riescono a stabilire un ordine di dominio su altri individui della stessa specie, che accettano questa gerarchia di relazioni.

La gerarchia, infine, è usata come sinonimo di valore nel linguaggio quotidiano: "Tutte le squadre hanno bisogno di giocatori di quella gerarchia", "Un pittore di questa gerarchia non può esibire ogni tre o quattro anni" .

Raccomandato
  • definizione: opportunità

    opportunità

    Opportunità , da opportunita ' latine, si riferisce alla convenienza di un contesto e alla confluenza di uno spazio e di un appropriato periodo temporale per ottenere un profitto o realizzare un obiettivo . Le opportunità, quindi, sono gli istanti o i termini che sono propizi a compiere un'azione.
  • definizione: densità

    densità

    La densità , dal latino densĭtas , è la caratteristica caratteristica del denso . Questo aggettivo , a sua volta, si riferisce a qualcosa che ha una grande quantità di massa rispetto al suo volume ; che è denso o solido; che ha un livello importante di contenuto o è molto profondo in una dimensione ridotta; o che è indefinito e poco chiaro. Nel c
  • definizione: erigere

    erigere

    Erect è un verbo che ha la sua origine etimologica nella parola latina erigĕre . Il termine può riferirsi a stabilire, costruire o stabilire qualcosa . Ad esempio: "Il governo nazionale vuole erigere un monumento in omaggio alle vittime del terrorismo" , "Stiamo raccogliendo fondi per erigere una nuova parrocchia nel quartiere" , "I vicini hanno deciso di erigere una torre di avvistamento per controllare l'accesso alla città ". Se
  • definizione: diritto costituzionale

    diritto costituzionale

    La branca della legge incaricata di analizzare e controllare le leggi fondamentali che governano lo Stato è nota come legge costituzionale. Il suo oggetto di studio è la forma di governo e la regolamentazione dei poteri pubblici, sia nei loro rapporti con i cittadini che tra i loro vari corpi. Più concretamente, possiamo ancora determinare che il diritto costituzionale è responsabile della conduzione dello studio di quella che è la teoria dei diritti umani, il potere, la Costituzione e infine lo Stato. Il
  • definizione: eloquente

    eloquente

    Dalla parola latina elŏquens , l' aggettivo eloquente è usato per descrivere ciò che conta con l' eloquenza o ciò che si esprime con detta caratteristica. Per sapere a cosa si riferisce la nozione di eloquente, è essenziale conoscere il significato dell'eloquenza. Questa è la cosiddetta capacità di scrivere o parlare in modo tale che il destinatario sia mosso o convinto di qualcosa . Una p
  • definizione: promozione della salute

    promozione della salute

    La promozione è una parola con origine nel promotão latino che descrive l' atto e le conseguenze della promozione . Questo verbo può essere usato per dare un nome all'impulso che può essere dato a un oggetto o procedura , per prendere l'iniziativa per concretizzare qualcosa, per migliorare le condizioni o per lo sviluppo di azioni per aumentare la consapevolezza di un determinato problema o aumentare le vendite. Pe