Definizione pentimento

Il pentimento è il rimpianto che una persona prova per qualcosa che ha fatto, detto o non fatto. Chi si pente cambia la propria opinione o cessa di essere coerente con un certo impegno.

Per la religione, il pentimento è molto più che allontanarsi dal peccato e non ricominciarlo, poiché implica un vero cambiamento nella mente di colui che ha sbagliato. La Bibbia crede che il pentimento si traduca in un cambiamento nel comportamento, un'autentica conversione a Dio che ha una stretta relazione con la salvezza.

La connessione tra salvezza e pentimento può essere vista, ad esempio, nel libro degli Atti; In diversi passaggi della Bibbia si esprime che il pentimento consiste nel cambiare la propria opinione nei confronti di Gesù, per riconoscerlo come il figlio autentico di Dio, il Signore e Cristo. Infatti, per la religione cristiana questa attitudine e fede possono essere considerate due facce della stessa medaglia.

Per ottenere la salvezza è necessario credere in Gesù Cristo come il Salvatore inviato sulla terra da Dio; attraversare le fasi del dubbio sulla loro identità o il loro potere, o la mancanza di conoscenza della loro grandezza, li costringe a passare attraverso un vero pentimento per cambiare la propria mentalità e smettere di rigettare Cristo. È importante capire che non deve e non può essere un atto motivato dall'interesse di vincere la salvezza, ma deve essere concesso da Dio.

Il pentimento può anche essere parte della legge . In alcune legislazioni, quando una persona esprime il suo rammarico per aver partecipato a un atto criminale davanti al giudice o alla corte, ottiene una riduzione nella sua punizione. Si ritiene che il pentito fornisca collaborazione con la giustizia e, pertanto, venga riconosciuto con una diminuzione della pena .

Nell'arte, infine, il pentimento è una correzione o un emendamento che può essere visto nel disegno o nella composizione di un dipinto. L'artista, invece di eliminare ed eliminare l'errore, lo lascia in modo che il processo di sviluppo del dipinto in questione possa essere conosciuto.

Raccomandato
  • definizione: audace

    audace

    L'audacia è senza paura , audacia o incoscienza che riflette il comportamento di una persona . Il soggetto che agisce con audacia riceve la qualifica di audace . Ad esempio: "Quando è scoppiato l'incendio, il ragazzo ha avuto l'audacia di camminare per la casa per salvare il suo gatto" , "Dire qualcosa del genere al proprietario dell'azienda è una vera audacia" , "Con la sua caratteristica audacia, l'attaccante sbilanciato la partita quando si entra nella seconda metà " . Il
  • definizione: impugnatura

    impugnatura

    La prima cosa che dobbiamo sapere sul termine manico che ci occupa è la sua origine etimologica. In questo caso possiamo affermare che è una parola che deriva dal latino e che è il risultato della somma di due componenti chiaramente specificati: -Il nome "ansa", che può essere tradotto come "asa". -I
  • definizione: vettori colineari

    vettori colineari

    Un vettore è, nel campo della fisica , una grandezza che viene definita attraverso il suo punto di applicazione, la sua direzione, il suo significato e la sua quantità. A seconda delle loro caratteristiche e del contesto in cui operano, possono essere differenziati diversi tipi di vettori, come vettori complanari , vettori non complanari , vettori opposti , vettori risultanti , vettori unitari e vettori concorrenti , tra gli altri.
  • definizione: parapsicologia

    parapsicologia

    La prima cosa che deve essere fatta prima di entrare pienamente nella definizione di parapsicologia è determinare la sua origine etimologica. In questo senso, dobbiamo dire che è una parola che deriva dal greco, poiché è il risultato della somma di tre componenti di quel linguaggio: • "Para", che equivale a "accanto a". • &q
  • definizione: bidimensionale

    bidimensionale

    L'aggettivo bidimensionale è usato per descrivere ciò che ha due dimensioni ( 2D ). Un corpo che proietta avanti e indietro, ad esempio, ha due dimensioni. D'altra parte, se ha anche profondità, è un oggetto con tre dimensioni ( 3D ) e riceve la qualifica di tridimensionale . In generale, le dimensioni sono definite dal numero minimo di coordinate necessarie per la specifica di qualsiasi punto in esso. In
  • definizione: dominanza

    dominanza

    Per l' etologia , il dominio è il possesso di un alto status sociale all'interno di un gruppo di animali che esibisce un'organizzazione sociale gerarchica . Questa gerarchia viene solitamente raggiunta e sostenuta attraverso l' aggressione degli individui dominanti verso quelli inferiori.