Definizione Jenga

Jenga è il nome di un gioco progettato dalla tanzaniana Leslie Scott . Questa donna, con sede in Inghilterra, ha creato intrattenimento negli anni '70 dopo aver scoperto un passatempo simile in Ghana, chiamandolo Takoradi Bricks .

Jenga

Anni dopo, il prodotto divenne noto come Jenga, un termine che, in lingua swahili, significa "costruire" . Inizialmente, il gioco fu commercializzato attraverso il negozio di Harrod e poi, a metà degli anni '80, arrivò negli Stati Uniti attraverso la Parker Brothers, un marchio Hasbro .

Il successo della sua creazione ha permesso a Scott di fondare la sua compagnia: Oxford Games . Oltre ad essere un marchio registrato, oggi jenga è anche il nome comune usato per alludere a questo passatempo.

Il jenga è giocato con 54 pezzi di legno di 1, 5 x 2, 5 x 7, 5 centimetri . Per iniziare il gioco, una torre di 18 livelli è armato con 3 blocchi per livello . Ogni giocatore, a sua volta, deve rimuovere un pezzo da un livello inferiore e posizionarlo nel settore superiore della costruzione usando solo due dita. Il giocatore che, quando estrae o piazza un blocco, fa crollare la torre, perde .

Il jenga è conosciuto in tutto il mondo. In Argentina, ad esempio, l'autista Gerardo Sofovich ha suonato nel suo programma televisivo davanti a ospiti famosi, raccogliendo milioni di persone davanti alla TV che vibravano con le sfide.

Al momento puoi persino avventurarti nel jenga virtualmente grazie ai giochi digitali . C'è anche la tendenza conosciuta come jenga food, che consiste nell'organizzare il cibo sul piatto come una torre jenga.

Raccomandato
  • definizione: ovocita

    ovocita

    Conoscere l'origine etimologica del termine ovocita ci porta ad analizzare che esso proviene dal greco. In particolare, è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: "oo", che può essere tradotto come "uovo" e "kytos", che è equivalente a "cella". G
  • definizione: padiglione

    padiglione

    Padiglione è un termine che ha la sua origine etimologica nel vecchio paveillon francese. Può essere una tenda o una tenda che ha un aspetto conico grazie all'utilizzo di vari pali e corde. Ad esempio: "Quando ha iniziato a piovere, ci siamo rifugiati nel padiglione del cibo" , "La fiera è formata da diversi padiglioni dove gli artigiani offrono i loro prodotti" , "Vorrei installare un padiglione nel giardino per dormire fuori in le notti più calde . &q
  • definizione: drenaggio

    drenaggio

    Il drenaggio è un termine che deriva dal drenaggio francese e che si riferisce all'azione e all'effetto del drenaggio . Questo verbo, a sua volta, significa assicurare l'uscita di liquidi o l'eccessiva umidità attraverso condutture, tubi o fossati. Per l' ingegneria e la pianificazione urbana, il drenaggio è il sistema di tubazioni interconnesse che consente l'evacuazione dell'acqua piovana o di altri tipi di liquidi . I
  • definizione: adattamento

    adattamento

    Come per molte delle parole in spagnolo, il termine adattamento deriva dal latino. All'interno della lingua di cui sopra, la sua origine risiede nella parola adaptare, che è un verbo composto da due parti. Quindi, in primo luogo c'è l' annuncio prefisso, che significa "verso", e in secondo luogo troviamo il verbo aptare che verrebbe tradotto come "aggiusta" o "equip".
  • definizione: pigiama

    pigiama

    L'origine del termine pigiama è piuttosto complicata, dal momento che una serie di lingue entrano in gioco. Così, il castigliano lo prese dal "pigmeo" inglese e questa lingua fece lo stesso del "paegama" indostano, che divenne pantaloni larghi e larghi indossati dai maomettani.
  • definizione: sulle persone

    sulle persone

    La tratta di esseri umani è un crimine che consiste nel rapimento, trasferimento o ricezione di esseri umani mediante minacce, violenza o altri meccanismi coercitivi (frode, abuso di posizione dominante, ecc.). Considerata schiavitù moderna , la tratta di esseri umani comporta l' acquisto e la vendita di persone , in cui la vittima è soggetta all'autorità di un altro soggetto. Ti