Definizione spezia

Dalle specialità latine, una spezia è un condimento e un condimento di origine vegetale che viene utilizzato per condire o conservare i pasti . Le spezie sono i semi o le cortecce delle piante aromatiche, anche se il termine è spesso usato anche per denominare le foglie di alcune erbe.

spezia

Ad esempio: "Questa carne ha un sapore grande: che tipo di spezie hai messo su?", "Sto andando a comprare alcune spezie per cena stasera, " "Lo zafferano è la mia spezia preferita . "

La maggior parte delle spezie sono originarie dei tropici dell'Asia . Nel corso della storia, le spezie non sono cambiate molto, ma continuano a consumare lo stesso come diversi secoli fa.

In questo senso, è interessante sapere che in passato esisteva quella che veniva chiamata la Route of Spices. In particolare possiamo dire che si trattava di una rotta commerciale che ebbe origine nell'undicesimo secolo, quando i crociati che esercitavano i loro compiti a Gerusalemme, al loro ritorno in Europa si resero conto che avevano bisogno delle spezie che avevano gustato in Oriente per ravvivare il cibo e continuare a gustarne i sapori.

Per questo motivo, a poco a poco, è stato consolidato un itinerario che ha fatto i mercanti via terra per il continente asiatico dove hanno effettuato l'acquisto di tutti i tipi di spezie come noce moscata, chiodi di garofano, pepe, cannella ... Tuttavia, la pericolosità di quella rotta, a causa dell'elevato numero di banditi che facevano la sua apparizione e della mancanza di vegetazione esistente che rendeva difficile alimentare il bestiame che era responsabile del trasporto delle merci, ha portato a quella rotta diventando marittima.

Lo zenzero era un altro prodotto di questo tipo che divenne una merce preziosa in questo percorso di spezie, che aveva come figura importante, ad esempio, Vasco de Gama. Ed è stato colui che ha trovato una via alternativa per raggiungere l'Asia quando il commercio con Costantinopoli si è concluso quando è caduto nelle mani dell'Impero Ottomano.

Grazie alle spezie, alcuni cibi nutrienti che non sono gustosi riescono a migliorare il loro sapore, senza alterare le loro proprietà. Il segreto è usare la giusta quantità di spezie, poiché l'eccesso produce un effetto opposto e fornisce un sapore sgradevole.

Zafferano, rosmarino, cumino, timo, cannella, aneto, paprika, pepe, noce moscata, chiodi di garofano, senape e zenzero sono alcune delle specie più popolari. Se aggiungiamo al gruppo di piante aromatiche, possiamo menzionare basilico, coriandolo, dragoncello, alloro, menta, origano, salvia, rosmarino e timo .

Va notato che, oltre al suo uso in cucina, le spezie sono utilizzate nella medicina tradizionale e naturopatica, così come i guaritori di una volta.

È importante sapere anche che in precedenza la parola spezia era usata con un altro significato. In particolare, questa parola era usata per riferirsi all'insieme di dessert che venivano serviti con il chiaro obiettivo di accompagnare alla perfezione la degustazione dei vari vini.

Raccomandato
  • definizione: varietà

    varietà

    Dalle varietà latine, la varietà è la proprietà di ciò che è vario (diseguale, dissimile, dissimile, non uniforme, eterogeneo). La varietà, quindi, è il raggruppamento di elementi diversi o la dissomiglianza in una certa unità . Ad esempio: "In questo ristorante c'è un'incredibile varietà di cibo" , "Non puoi lamentarti, figliolo: hai una vasta gamma di giochi tra cui scegliere" , "La nostra azienda cerca di offrire la più ampia varietà di opzioni sul mercato" , " Questo negozio vende bei vestiti, ma non ha varietà . " La va
  • definizione: ascendenza

    ascendenza

    La parola araba classica kunyah derivava, in arabo ispanico, da alkúnya . L'evoluzione etimologica del concetto continuò nel nostro linguaggio e così sorse il concetto di lignaggio , che si riferisce al lignaggio, alla prosapia, al lignaggio o alla discendenza di una persona . La nozione è utilizzata soprattutto rispetto ai soggetti appartenenti alla nobiltà o alle famiglie più ricche e tradizionali di una regione . In q
  • definizione: violenza di genere

    violenza di genere

    La violenza è quel comportamento che viene effettuato consapevolmente e deliberatamente per generare un qualche tipo di danno alla vittima. Originario del latino violento , la violenza può cercare di nuocere fisicamente o emotivamente. Il genere , d'altra parte, è un concetto con diversi usi. In questa occasione siamo interessati a mettere in evidenza il suo significato come il gruppo di esseri che condividono determinate caratteristiche. L
  • definizione: cittadino comune

    cittadino comune

    Il Plebeian , che deriva da plebeius (una parola latina), è un aggettivo che si applica a quello o quello che appartiene alla gente comune . La plebe, d'altra parte, è la classe sociale che occupa la zona inferiore nella piramide della società . Il termine era frequente nell'antichità, quando le classi sociali erano ben differenziate e la mobilità tra loro era impossibile. A q
  • definizione: WWW

    WWW

    WWW sono le iniziali che identificano l'espressione inglese World Wide Web , il sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro e accessibili tramite Internet . Attraverso un software noto come browser , gli utenti possono visualizzare vari siti Web (che contengono testo, immagini, video e altri contenuti multimediali) e navigare attraverso di essi attraverso collegamenti ipertestuali
  • definizione: orientamento educativo

    orientamento educativo

    L'orientamento educativo è un insieme di attività rivolte a studenti , genitori e insegnanti , allo scopo di contribuire allo sviluppo dei loro compiti nell'ambito specifico delle scuole. Secondo un'altra definizione, l'orientamento scolastico è la disciplina che studia e promuove le capacità pedagogiche, psicologiche e socioeconomiche dell'essere umano , allo scopo di collegare il loro sviluppo personale allo sviluppo sociale del paese. In