Definizione gene dominante

La sequenza del DNA che garantisce la trasmissione dei tratti e delle caratteristiche ereditarie della radice è conosciuta come un gene . Questa struttura preserva l' eredità che uomini e donne (o, in mancanza, maschi e femmine) trasmettono ai loro discendenti .

Gene dominante

Il gene dominante è uno che è presente in un fenotipo e appare due volte (quando è composto da una copia corrispondente a ciascuno dei genitori, che è chiamata una combinazione omozigotica ) o in una dose semplice (chiamata eterozigosi ).

La dominazione genetica, quindi, è associata al legame tra diversi alleli di un gene specifico situato fisicamente in un luogo specifico ( locus ) di un cromosoma. Gli organismi diploidi (gruppo in cui gli animali sono contemplati così come le piante ) sono quelli che hanno due gruppi di cromosomi, rispettivamente ereditati dai genitori. Ciò significa che presentano due alleli precisamente in ciascun locus. Quando entrambi gli alleli del luogo sono uguali, parliamo di omozigoti, mentre se sono diversi, il concetto usato è eterozigote.

Il genotipo è l'organizzazione genetica dell'organismo, che influenza i tratti fisici e comportamentali. L'interazione tra i due alleli di un gene eterozigote può essere dominante o recessiva .

Il gene recessivo è uno che, in una coppia allelica, non può manifestarsi in presenza del gene dominante. Affinché questo gene sia osservato nel fenotipo, l'organismo deve raccoglierne due copie (cioè una ricevuta dal padre e l'altra, di origine materna).

Dominanza o recessività

La relazione di dominanza o recessività è relativa, poiché ci possono essere più di due varianti di un gene (un allele può essere recessivo rispetto al secondo allele ma dominante prima di un terzo ), dipende sempre dal tipo di unione che viene fatta.

In ogni caso, possiamo dire che il gene recessivo non può manifestarsi se il suo partner è un gene dominante, solo se si unisce a un altro gene recessivo. Questo significa che se all'interno di una coppia c'è un allele dominante , deciderà sempre sul recessivo . Ad esempio: nel colore degli occhi possiamo assegnare la lettera N (dominante) al nero en (recessiva) al celeste. Se dall'unione il cromosoma che si forma è NN o Nn, l'individuo nascerà con gli occhi neri e solo se l'unione risulterà in nn, avrà occhi celesti.

Nel caso degli esseri umani, si dice che siamo diploidi, il che significa che abbiamo informazioni genetiche di un doppio tipo, in cui una metà è una copia di uno dei genitori e la seconda metà dell'altro, sebbene non siano identici . E qui possiamo chiarire che per un gene dominante da trasmettere e manifestare, è sufficiente che un genitore abbia questo, mentre un gene recessivo deve essere ereditato da entrambi i genitori .

A questo punto torniamo all'esempio del colore degli occhi, e dobbiamo dire che è possibile ereditarlo solo se nelle informazioni genetiche di entrambi i genitori esiste un gene recessivo e si manifesta al momento del legame cromosomico. Vale la pena ricordare che anche se non abbiamo gli occhi chiari, possiamo essere portatori del gene degli occhi chiari .

Vale la pena ricordare che ci sono molte malattie che possono essere ereditate geneticamente, alcune delle quali sono: malattia di Wilson, emocromatosi e sferocitosi ereditaria. Per svilupparli è necessario che si formi l'unione che li rende possibili, in alcuni casi sono formati da un gene dominante e in altri recessivi; Tuttavia, vale la pena ricordare che se una persona soffre di una malattia ereditaria, anche se i suoi figli non la manifestano, saranno portatrici di essa.

Raccomandato
  • definizione: anacoreta

    anacoreta

    Una parola greca arrivò al latino medievale come anachoreta , che in seguito divenne, nella nostra lingua , il termine anchorite . Questa parola può essere determinata che è il risultato della somma di diverse componenti chiaramente definite: -Il prefisso "ana-", che può essere tradotto come "su". -I
  • definizione: blog

    blog

    Un blog è un sito Web con un blog o un formato di agenda personale . I contenuti vengono solitamente aggiornati di frequente e visualizzati in ordine cronologico (dal più recente al più recente). I lettori, d'altra parte, hanno solitamente la possibilità di commentare ciò che è stato pubblicato. I bl
  • definizione: estradizione

    estradizione

    L'estradizione deriva da un termine latino composto che può essere tradotto come "azione della resa" . È il processo che spinge un'autorità statale a inviare un soggetto a un'altra nazione, consentendo alle autorità di questo secondo stato di sviluppare un processo giudiziario contro l'individuo in questione o consentire alla persona di pagare in questo territorio una sanzione già stabilita. Ciò
  • definizione: piano inclinato

    piano inclinato

    È noto come piatto per una superficie liscia, priva di rilievi e rilievi ; un oggetto che ha solo due dimensioni e che contiene infiniti punti e linee; una rappresentazione schematica e in scala di un territorio o di una costruzione; o la posizione da cui qualcuno analizza una cosa o situazione. Inclinato , d'altra parte, è una parola che deriva dal verbo inclinare (il che significa allontanare qualcosa dalla sua posizione perpendicolare all'orizzonte).
  • definizione: spirale

    spirale

    Il primo passo da compiere per scoprire il significato del termine spirale è determinare la sua origine etimologica. Nel fare ciò, ci imbattiamo nel fatto che proviene dal latino, in particolare da "spiralis", che può essere tradotto come "elicoidalmente". Questa è una parola composta dalle seguenti parti: "spira", che è sinonimo di "cavatappi" e il suffisso "-al". Una
  • definizione: formazione

    formazione

    Andiamo in latino perché è lì che troveremo l'origine etimologica della parola che ora analizzeremo in profondità. Possiamo chiaramente stabilire che è composto dal prefisso inde- che indica che qualcosa o qualcuno è "da lì"; la parola centrale trahere che è sinonimo di "trascina o tira"; e infine il suffisso -miento che equivale a "strumento, risultato o mezzi". La for