Definizione bere

La sostanza che si può bere si chiama bevanda . Questa azione (bere) si riferisce all'assunzione di un liquido . Acqua, soda, vino, caffè e birra sono alcune delle bevande più popolari.

bere

Ad esempio: "Ordinerò pollo alla griglia e, come bevanda, un bicchiere di vino Malbec", "Stanotte darò una festa a casa mia: gli uomini dovrebbero portare cibo e donne, bere", "La mia bevanda il preferito è il succo d'arancia . "

Lo scopo più importante della bevanda è di dissetare . In questo senso, le bevande appropriate sono acqua o succhi naturali . Tuttavia, le persone scelgono spesso le bevande in base al loro gusto e in che modo queste sono combinate con i cibi che li accompagnano. In questo contesto, le bevande analcoliche ( bevande analcoliche ), i vini e le birre sono predominanti.

È anche comune che le bevande vengano consumate nell'ambito di eventi sociali. Bere un cocktail in un night club o in una discoteca, brindare con champagne a una festa di compleanno o festeggiare il nuovo anno con il sidro sono azioni molto comuni.

Quando si parla di "the drink", di solito si riferisce al set di bevande alcoliche . Il termine è persino usato da solo per riferirsi al consumo e all'abuso di questo specifico tipo di bevande: "Scusami, ma in questo posto non è permesso bere", "Mio nonno ha perso il lavoro e la casa a causa del bere" "Prigioniero del dolore, il giovane si è dato da bere" .

Va notato che le bevande alcoliche sono quelle che contengono alcol etilico . Possono essere fatti attraverso un processo di fermentazione (come birra o vino ) o attraverso la distillazione ( liquore, cognac ).

Quando arriva il caldo, è molto importante non dimenticare di consumare la giusta quantità di liquidi durante il giorno. Ciò non significa che durante l'inverno o l'autunno è giusto evitare le bevande, ma poiché il corpo non elimina così tanto liquido, le conseguenze sono meno gravi. Mentre molte persone semplicemente godono dell'acqua fredda, altre preferiscono bevande preparate e in questo contesto troviamo decine di ricette.

Il Mojito è una delle bevande più popolari in tutto il mondo e di solito viene consumato durante la primavera e l'estate come antipasto. Si stima che la sua creazione sia avvenuta in un ristorante di Cuba chiamato La Bodeguita del Medio, nel periodo in cui era in vigore la legge americana sull'asciutto . La preparazione comprende zucchero di canna, foglie di menta, pezzi di lime, ghiaccio tritato, rum e acqua minerale frizzante.

Un'altra bevanda molto consumata per calmare il caldo è il daikiri alla banana, una perfetta combinazione di effetti rinfrescanti e nutrienti. In questo caso, gli ingredienti necessari per fare la ricetta sono il rum bianco, il maraschino (un liquore fatto con la ciliegia chiamata marasca, con miele, mandorle e zucchero), il succo di limone, una prugna, zucchero e cubetti di ghiaccio. ghiaccio, che deve essere mescolato e schiacciato fino ad ottenere un risultato omogeneo.

L'acqua di Valencia è un'altra delle preferite, ed è considerata una buona fonte di vitamina C, poiché uno dei suoi ingredienti principali è il succo d' arancia, che deve essere miscelato con champagne, vodka, gin e zucchero. È importante utilizzare arance fresche e strizzarle appena prima della preparazione. Per ottenere i migliori risultati si consiglia di servire questa bevanda fredda . La ricetta è stata conferita a Constante Gil, che lo ha sviluppato per la prima volta nel 1959 al Café Madrid di Valencia. Anche se oggi gode di molta popolarità, per oltre dieci anni è stato consumato solo dai clienti di quel bar.

Raccomandato
  • definizione: ASCII

    ASCII

    ASCII è l' acronimo che corrisponde all'espressione inglese American Standard Code for Information Interchange . Detta frase può essere tradotta come codice standard americano per lo scambio di informazioni . È un modello di codifica che viene utilizzato nel campo della tecnologia dell'informazione. L
  • definizione: senza fili

    senza fili

    Il wireless è una parola in inglese che può essere tradotta come "wireless" o "wireless" . Il suo uso, quindi, potrebbe essere collegato a qualsiasi tipo di comunicazione che non richiede un mezzo di propagazione fisica. Tuttavia, la nozione di wireless è utilizzata principalmente per denominare le comunicazioni wireless nell'ambito delle tecnologie informatiche. I
  • definizione: intrigo

    intrigo

    La nozione di intrigo allude a un atto eseguito con astuzia e cautela , in modo tale che il suo sviluppo o le sue vere intenzioni siano nascoste. Il concetto può anche essere usato in riferimento ad un mistero o ad un dilemma irrisolto . Ad esempio: "Nei progressi della serie si alza l'intrigo che sarà sviluppato in tutti i capitoli" , "L'aspetto di centinaia di pinguini morti sulle spiagge meridionali è motivo di intrighi tra gli scienziati" , "Le dichiarazioni del pugile ha generato intrighi sul suo futuro . &
  • definizione: austerità

    austerità

    Fino al latino dovremmo tornare indietro per trovare l'origine etimologica della parola austerità. In particolare, dobbiamo dire che è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: l'aggettivo "austerus", che è sinonimo di "grezzo o difficile", e il suffisso "-itas", che può essere tradotto come "qualità" . Aus
  • definizione: eone

    eone

    La parola greca aiṓn venne in latino come eone , che nella nostra lingua deriva nell'eone . Il termine ha diversi usi a seconda del contesto. Nel linguaggio colloquiale , un eone è un periodo temporale molto lungo, sebbene impreciso . Ad esempio: "Eoni fa non ho mangiato questo piatto" , "Sento che sono passati eoni da quando ho parlato per l'ultima volta con Marta" , "Pensavo di essere stato bloccato per eoni, ma in realtà la prigionia non durava più di due ore" . Per
  • definizione: specchio

    specchio

    Il concetto di specchio , che deriva dal termine latino specŭlum , allude a una superficie che riflette ciò che è prima. Di solito è una lastra di vetro che è incorniciata e appesa a un muro. La riflessione è chiamata il cambiamento della direzione di un'onda , prodotta quando, quando incontra una superficie che separa due supporti mutevoli, ritorna al suo luogo di origine. Nel