Definizione demografia

La demografia è l'analisi delle comunità umane basata sulle statistiche . Il concetto deriva da una parola greca composta che può essere tradotta come "descrizione delle persone" . Questa disciplina studia la dimensione, la stratificazione e lo sviluppo di una collettività, da una prospettiva quantitativa .

demografia

Per la demografia, la popolazione è un gruppo di persone collegate da collegamenti riproduttivi che possono essere identificati da particolarità culturali, sociali, geografiche, politiche o di altro tipo. La popolazione, quindi, ha una continuità nel tempo, sebbene non sia eterna.

Da questa definizione, possiamo capire che la demografia è la scienza sociale che è responsabile dell'analisi dei processi che determinano la creazione, il mantenimento e l'eventuale scomparsa delle popolazioni. Concetti quali la fertilità, la mobilità e la mortalità sono fondamentali per la demografia, poiché determinano la struttura di ciascuna popolazione.

Lo statista e sociologo arabo Ibn Khaldun ( 1332 - 1406 ) è considerato il pioniere nel campo della demografia. È stato lui a iniziare a raccogliere informazioni statistiche per studiare le popolazioni e generare nuovi dati da queste statistiche. Anche il britannico John Graunt ( 1620 - 1674 ) e Thomas Malthus ( 1766 - 1834 ) diedero un grande contributo allo sviluppo della demografia.

I tassi di nascita e di mortalità e i movimenti della popolazione fanno parte degli studi di base della demografia, il cui lavoro è molto importante per lo sviluppo delle politiche statali . Dai dati demografici, ad esempio, è possibile sapere quali sono i principali problemi di salute pubblica o quali regioni di un paese sono retrocesse economicamente.

All'interno di questa scienza sociale ci sono diversi rami, rispondono ai seguenti nomi: demografia generale (indagare le teorie che esistono intorno alla demografia e metodologie di ricerca utilizzate), demografia geografica (controllare la mobilità delle popolazioni: migrazioni, nuovi insediamenti, ecc.), demografia storica (studi sulle questioni relative alla fertilità, tasso di mortalità e migrazioni che si verificano all'interno di un gruppo), fertilità (che è responsabile per analizzare i tassi di natalità e il matrimonio e la fertilità della popolazione ) e mortalità (studia il tasso di mortalità di un gruppo in generale e le cause e l'età delle morti in particolare, cercando di mettere in relazione le diverse variabili).

Per effettuare gli studi demografici , vengono effettuati vari censimenti con l'obiettivo di estrarre informazioni rilevanti sullo stato della popolazione studiata: numero di abitazioni occupate, numero di persone che vivono in ciascuna, malattie, decessi che si sono verificati in l'ultimo anno in ogni famiglia, le migrazioni, ecc.

I risultati di queste analisi non solo consentiranno di conoscere l'attuale dimensione della popolazione, ma anche i rischi a cui sono esposti e possono aiutare a trovare soluzioni o prevenire conseguenze letali come parassiti, carestie o incidenti.

Metodi di studio della demografia

Esistono due tipi di metodi di studio all'interno di questa scienza sociale:

* Metodo composito : si tratta di combinare diverse tecniche di studio che consentono di arrivare a una conclusione approssimativa delle condizioni in cui si trova la popolazione studiata. Una di queste tecniche può essere, ad esempio, l'iscrizione scolastica. I ricercatori possono avere una nozione approssimativa dei cambiamenti che la popolazione ha subito da un anno all'altro nel settore del gruppo che è in età scolare, in questo modo potrebbero conoscere la quantità di abitanti minori lì e controllare le migrazioni che hanno ha sofferto la popolazione nell'ultimo anno di giovani in età scolare.

* Metodi statistici : sono i più accurati perché sono fatti dalla raccolta di dati specifici, raccolti dai censimenti. Tramite le teorie statistiche, è possibile mettere in relazione i cambiamenti indicati nei risultati dei censimenti e ottenere informazioni sulle condizioni in cui si trova la popolazione al momento di effettuare tale analisi.

Raccomandato
  • definizione popolare: ricettivo

    ricettivo

    Ricettivo è un aggettivo legato all'idea di ricevere (prendere qualcosa, assumerlo). Con origine nella parola latina receptum , quella o quella ricettiva è in grado di ricevere qualcosa . Ad esempio: "Sono un uomo molto ricettivo, sono sempre aperto ad ascoltare idee e suggerimenti" , "Il presidente ha sorpreso di essere ricettivo nei confronti dei politici dell'opposizione" , "Consiglio di non parlare con il capo: non è affatto ricettivo" . L
  • definizione popolare: clip

    clip

    Pinza è un termine che deriva dalla lingua francese ( pince ) ed è usato per nominare lo strumento che, grazie al suo design, permette di tenere o tenere una cosa tra le sue estremità . Il funzionamento del morsetto obbedisce alla logica delle leve semplici : quando si esercita la forza sulle impugnature dello strumento, le sue punte si chiudono, riuscendo a catturare qualcosa e, di questa forma, a spostarlo, a ruotarlo, ecc. L
  • definizione popolare: corte

    corte

    Il taglio è l' azione e l'effetto del taglio . Questo verbo si riferisce alla divisione di qualcosa con uno strumento da taglio o dando una certa forma con forbici o strumenti. Ad esempio: "Procederò a tagliare la pizza: per favore prepara i tuoi piatti" , "Il taglio dell'albero non era molto preciso e ha finito per danneggiare rami che erano sani" , "Ti piace il mio nuovo taglio di capelli?&
  • definizione popolare: limite di una funzione

    limite di una funzione

    La parola che ci occupa in primo luogo, limite, possiamo dire che è una parola che viene, dal punto di vista etimologico, dal latino. In particolare, emana dal sostantivo "limes", che può essere tradotto come "bordo o bordo". La nozione di limite ha molteplici significati. Può essere una linea che separa due territori, da una fine a cui arriva un certo tempo o da una restrizione o limitazione. P
  • definizione popolare: selfie

    selfie

    Selfie è un termine inglese che viene usato come sinonimo di autoritratto o autoritratto . È una pratica che ha più di un secolo, ma che ha guadagnato una grande popolarità nel XXI secolo grazie alle nuove tecnologie e ai social network. Un selfie consiste nel fare una foto di se stessi . La persona, in questo modo, allunga il braccio e spara verso il suo viso o il suo corpo. Un
  • definizione popolare: oppressione

    oppressione

    Oppressione è un termine che deriva dalla parola latina oppressĭo . Riguarda le azioni e le conseguenze dell'oppressione . Questo verbo, d'altra parte, si riferisce alla pressione o alla sottomissione di un essere umano o di una comunità . Ad esempio: "Dobbiamo venire insieme per combattere l'oppressione e recuperare la libertà" , "Sono stato vittima dell'oppressione dei miei genitori per vent'anni" , "Il nostro paese non tollererà che un'altra nazione intenda sottoporlo all'oppressione" . L&#