Definizione conciso

Conciso, dal latino conciso, è qualcosa che ha concisione . Questo termine (concisione), d'altra parte, è legato all'economia dei mezzi e alla brevità del tempo per esprimere un concetto con precisione e accuratezza.

conciso

Per esempio: "Il giudice ha chiesto all'accusato di essere conciso e di limitarsi a rispondere a quello che gli veniva chiesto", "Lo scrittore è stato applaudito dopo un breve discorso in cui non ha lasciato nessun limite ", "Gómez, be più conciso con le tue risposte, per favore " .

Il conciso, quindi, è solitamente associato al linguaggio e all'espressione . Non c'è una certa quantità di parole pronunciate per riferirsi alla concisione, poiché certe spiegazioni richiedono un ulteriore sviluppo. D'altra parte, la sintonia varia a seconda del contesto.

Se una persona chiede un altro a che ora è, una risposta concisa sarebbe: "Sono le cinque e mezza" . D'altra parte, se il soggetto risponde: "Quando hai iniziato con la tua domanda erano 17 ore, 31 minuti e 4 secondi, ma in questo momento sono già 17 ore, 31 minuti e 15 secondi", ci troveremo di fronte a una risposta imprecisa.

È possibile associare l'essenziale all'essenziale per generare significato . Tutto ciò che è superfluo o accessorio, quindi, sfugge alla concisione. Un cane può essere definito come un "animale a quattro zampe che abbaia" o come " un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, è quadrupede e comunica attraverso l'abbaiare" . Entrambe le espressioni ci permettono di capire che stiamo parlando di un cane, ma il primo è più conciso. Se l'espressione è "animale a quattro zampe", è più concisa, ma può generare confusione, dal momento che un gatto, una mucca o un cavallo sono anche animali a quattro zampe .

Cosa è conciso in letteratura

Nel campo delle lettere esiste un concetto noto come economia linguistica, sebbene alcuni letterati preferiscano il risparmio linguistico . Questa nozione è usata per riferirsi a quei testi di natura concisa, dove molto si dice con poche parole.

conciso Secondo la teoria del risparmio linguistico, ogni affermazione deve cercare di offrire quante più informazioni utilizzando il minor numero possibile di parole, sulla base di ciò che è presente nel contesto, che contribuirebbe a raggiungere un pieno significato del messaggio.

Nel "Decalogo del buon narratore" creato da Horacio Quiroga si esprimono le massime dell'economia linguistica. Quiroga, uno dei più grandi narratori della storia, ha affermato che l'autore non dovrebbe abusare del lettore. Ogni storia deve essere il prodotto di un lavoro dettagliato, e deve, quindi, essere un romanzo purgato di spazzatura . Quindi, Quiroga ha espresso l'importanza di essere concisi al momento di scrivere una storia.

L'esempio più chiaro di risparmio linguistico, e che appare nel Guinness dei primati, è una parola di origine yagana: "mamihlapinatapai". Secondo la definizione data da René Haurón, questa parola significa niente di più o niente di meno che "guardare un'altra persona negli occhi, con il desiderio e la speranza che ci restituirà uno sguardo che ci invita a compiere insieme un'azione che stiamo entrambi aspettando, ma nessuno di noi osa iniziare. "

Gli Yaganes erano un gruppo di indigeni che abitavano la Tierra de Fuego circa 6.000 anni fa. Erano nomadi che si muovevano in canoa lungo l'estuario e si nutrivano di ciò che raccoglievano dal mare. Per quanto riguarda la sua lingua, è stato caratterizzato mettendo in pratica il concetto di risparmio linguistico con grande perfezione : lunghe parole che hanno unito idee diverse. Anche se oggi non sappiamo molto su questa popolazione, potresti dire che non hai mai sofferto di un mamihlapinatapai?

Raccomandato
  • definizione: sala

    sala

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della navata di parole, che è un passo diminutivo. In particolare, deriva dalla parola "pasus". Un corridoio è un ambiente o uno spazio di una costruzione che viene utilizzato come connettore per collegare stanze diverse. È un luogo allungato e stretto , che viene usato di passaggio (cioè non rimane in esso, ma viene usato quando si va in un altro posto all'interno dell'edificio in questione). Ad
  • definizione: PVC

    PVC

    Il PVC è il nome con cui è nota la polivinilcloruro , una plastica che deriva dalla polimerizzazione del cloroetilene monomero (noto anche come cloruro di vinile ). I componenti in PVC derivano dal cloruro di sodio e dal gas naturale o dal petrolio e includono cloro, idrogeno e carbonio. Nel suo stato originale, il PVC è una polvere amorfa e biancastra. L
  • definizione: cristiano

    cristiano

    Gentile , dal latino gentilis , è un aggettivo che si riferisce a qualcuno che mostra cortesia e gentilezza . Ad esempio: "Ho già incontrato il nuovo vicino: è un uomo molto gentile e rispettoso" , "Se vuoi sedurre una donna, devi essere gentile" , "Mi sono stancato di essere gentile e di persone che approfittano della mia buona volontà " , " Il mondo sarebbe un posto migliore se ci fossero più uomini gentili " . La
  • definizione: ammorbidire

    ammorbidire

    Il verbo ammorbidito si riferisce all'azione di fare qualcosa di morbido (flaccido, flaccido, morbido o morbido). Ad esempio: "Per ammorbidire la carne, è meglio colpirla con un impasto o bollirla per un'ora" , "Il nuovo materasso è un po 'duro, ma so che si ammorbidirà con il passare dei giorni" , "La ricetta Indica che la cosa migliore è ammorbidire i ceci in acqua tiepida . &q
  • definizione: impassibile

    impassibile

    La nozione di impassibile , che deriva dalla parola latina impassibélis , si riferisce a chi rimane inalterabile, immutabile o inflessibile . Questo aggettivo è usato per descrivere il soggetto che sembra non avere emozioni o sentimenti . Ad esempio: "Il governo non può rimanere impassibile davanti all'aggravamento della crisi economica e sociale che attraversa il paese" , "La povertà che ho osservato attraversando il territorio nazionale non mi ha lasciato impassibile, così ho deciso di creare un'associazione civile per aiutare il più bisognoso " , " Il deputat
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu