Definizione elettrone

Prima di entrare completamente a definire la parola elettrone è molto importante che ne stabiliamo l'origine etimologica. In particolare, possiamo stabilire che deriva dal termine greco elektron che significa "ambra".

elettrone

La più leggera particella essenziale che compone un atomo e ha la più bassa carica possibile in relazione all'elettricità negativa è conosciuta come un elettrone . È un elemento subatomico che si trova intorno al nucleo dell'atomo, formato da neutroni e protoni .

Gli elettroni sono responsabili della creazione delle attrazioni esistenti tra gli atomi e producono, attraverso i loro movimenti, la corrente elettrica nella maggior parte dei metalli. Furono avvertiti dal fisico britannico Joseph John Thomson ( 1856 - 1906 ), sebbene la loro esistenza fosse già stata postulata dallo scienziato George Johnstone Stoney ( 1826 - 1911 ).

Quest'ultimo, un fisico e matematico di origine irlandese nato a Oakley Park nel 1826, è considerato colui che ha coniato il termine elettrone. Oltre a questo fatto è passato alla storia per essere uno degli scienziati più importanti grazie al suo lavoro sulla struttura della materia e sul numero di Avogadro che gli è valso l'ottenimento del prestigioso premio Nobel.

La massa dell'elettrone è circa milleottocento volte più piccola della massa del protone. Sebbene gli elettroni siano di solito parte degli atomi, ci sono elettroni che formano raggi nel vuoto o che si muovono indipendentemente attraverso la materia. Se gli elettroni si muovono all'esterno dell'atomo, possono generare corrente elettrica.

La carica statica, d'altra parte, sorge quando gli atomi di un corpo hanno una quantità di elettroni più piccola o più grande di quella necessaria per bilanciare le cariche positive del loro nucleo. Se l'atomo ha meno elettroni, il corpo ha una carica positiva; se ne hai meno, la carica sarà negativa.

Il movimento degli elettroni ci consente di avere corrente elettrica nelle nostre case. I televisori a tubo che emettono raggi catodici si basano, invece, su un fascio di elettroni che viene reindirizzato da un campo magnetico fino a raggiungere lo schermo fluorescente. Anche i semiconduttori, i microscopi elettronici, i transistor e le saldatrici utilizzano elettroni.

Anche se il concetto di cui ci stiamo occupando sembra essere solo un pilastro fondamentale della scienza, dobbiamo essere chiari che non è così, dal momento che è una parte fondamentale della nostra vita quotidiana. Ed è proprio, come abbiamo detto, grazie agli elettroni abbiamo, per esempio, la possibilità di godere della televisione.

In particolare, queste particelle essenziali sono uno degli assi centrali attorno a cui ruota il tubo catodico che è quello nel televisore che è responsabile di procedere, attraverso i campi magnetici, per colpire lo schermo fluorescente che ci dà le immagini delle notizie, film o serie che stiamo guardando.

Molto in relazione alla televisione sopra menzionata dobbiamo menzionare che il termine che abbiamo a che fare ha ottenuto un ruolo da protagonista in un programma per bambini sul piccolo schermo trasmesso negli anni '80 e '90 in Spagna. Era "The Crystal Ball" dove alcuni personaggi chiamati electroduendes, che erano esperti in elettronica, intrattenevano i piccoli con le loro avventure "catodiche".

Raccomandato
  • definizione: estroverso

    estroverso

    Extrovert è un aggettivo che permette di riferirsi alla persona che viene data all'extraversion (il movimento della mente che esce da se stesso attraverso i sensi). Un estroverso ha la tendenza a socializzare facilmente ed eccellere nelle riunioni, per cercare di essere al centro dell'attenzione.
  • definizione: occhio

    occhio

    La parola latina ocŭlus deriva negli occhi , il concetto che nomina l' organo che consente la visione negli animali e nell'essere umano . Il termine, comunque, ha altri significati. Come un organo, l'occhio può rilevare la luminosità e convertire le sue variazioni in un impulso nervoso interpretato dal cervello. A
  • definizione: preistoria

    preistoria

    La preistoria è il periodo della vita umana prima dei documenti scritti . Questo periodo è noto per vestigia come strumenti, costruzioni, pitture rupestri o ossa. Il termine è anche usato per nominare lo studio di quel periodo e il lavoro che si occupa del tempo. La preistoria , quindi, va dall'apparizione del primo essere umano all'invenzione della scrittura (attorno al 3000 aC). I
  • definizione: formazione

    formazione

    In latino è dove possiamo chiarire che si trova l'origine etimologica del termine addestramento. In particolare, questo è il risultato della somma di tre componenti latini come l' annuncio prefisso - che può essere tradotto come "verso", la parola destrezza che è sinonimo di "destra" e infine il suffisso uguale a "risultato di un'azione" ". La
  • definizione: fieno

    fieno

    Il termine fieno deriva dalla parola latina fenum . Il concetto si riferisce a una pianta che fa parte del gruppo di erbe , caratterizzato da sottili canne e foglie strette. Quando è incluso nel gruppo di erbe, il fieno è anche una pianta di angiosperma monocotiledone . Ciò significa che i loro carpelli formano un'ovaia che contiene gli ovuli e che il loro embrione ha un singolo cotiledone (prima foglia). I
  • definizione: beffa

    beffa

    Il termine inglese hoax non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), sebbene il suo utilizzo sia frequente nella nostra lingua. La Fondazione dello Spagnolo Urgente - Fundéu BBVA suggerisce comunque di sostituirlo con bufala , inganno o infedeltà . Una bufala, in breve, è una notizia falsa che viene diffusa per qualche scopo. È