Definizione tacito

Il tacito deriva dal tacito latino che, a sua volta, deriva dal verbo tacere ( "tacere" ). Questo aggettivo permette la nomina di qualcuno silenzioso o silenzioso, e ciò che non è percepito o che non è formalmente detto, in modo tale da essere dedotto o assunto .

tacito

Nella grammatica, il soggetto noto come tacito, omesso o implicito, non ha una rappresentazione espressa nella frase, ma è dato per comprendere attraverso determinati elementi di un tipo contestuale . In altre parole, la sua presenza non è necessaria poiché il resto dei componenti e i dati precedentemente forniti al lettore o all'interlocutore sono sufficienti per capire chi sta parlando.

Ci sono momenti in cui ciò che è inteso come tacito può essere sbagliato. In quei casi, è necessario un certo contesto in cui situare le informazioni, al fine di trovare quelle sfumature che, sebbene sottili, hanno il potenziale per alterare considerevolmente il significato.

Cornelius Tacitus o Cornelius Tacitus ( 55-120 ), d'altra parte, era un senatore, console e governatore romano. Tacito si distinse tanto per la sua carriera politica quanto per le sue capacità come oratore e storico.

Marco Claudio Tacito ( 200 - 276 ) era un console imperatore romano che, nonostante le sue stesse affermazioni, non aveva alcuna parentela con Cornelio Tacito . Aveva solo sei mesi al potere fino a quando fu sorpreso dalla morte e gli successe suo fratello Floriano .

Conoscenza tacita

tacito La conoscenza tacita è formata da una serie di consuetudini e aspetti tipici della cultura che generalmente non possono essere spiegati, riconosciuti o trasmessi. Ciò presuppone che gli esseri umani sappiano più di quanto possiamo affermare o condividere. Queste sono nozioni informali, personali o sociali, difficili da tradurre a parole in modo sistematico, da esternare con mezzi convenzionali.

Questo concetto è stato sviluppato da Michael Polanyi, scienziato e filosofo nato nel 1891 nell'attuale Ungheria. Nel suo libro " To know and be ", pubblicato nel 1969, descriveva la tacita conoscenza come un processo e non come un tipo di conoscenza. Nonostante questo, dato il nome della sua teoria, di solito è definito in quest'ultima forma.

Va detto che non esiste un modo universale per definire la conoscenza tacita. Secondo gli studi condotti sulla gestione della conoscenza (un concetto che viene applicato in organizzazioni con lo scopo di trasferire la conoscenza dalla sua origine al luogo in cui verrà utilizzato), la conoscenza tacita può essere formata da:

* esperienze, abilità, abitudini, idee, storia, valori e convinzioni;

* conoscenza di un tipo contestuale o di ecologia, come concetti geografici e fisici che non possiamo misurare o spiegare, caratteristiche caratteristiche del comportamento di altri esseri viventi, eccetera;

* la capacità di comprendere un testo, analizzare e visualizzare idee, risolvere problemi.

Due punti fondamentali per la formazione della conoscenza tacita sono l' immaginazione e l'intuizione, dato che quando lavorano sulla percezione della realtà, generano una serie di deduzioni e strumenti cognitivi specifici per ogni individuo e molto difficili da trasmettere a altri.

La ragione di questa difficoltà nell'esprimere la conoscenza tacita è che viene creata in ciascuna persona, tenendo conto delle loro esigenze, del loro livello intellettuale, delle loro paure, delle loro aspettative. Questo può essere visto soprattutto nell'apprendimento autodidatta: al contrario dell'istruzione tradizionale (che propone un modello rigido, uguale per tutti) che impara da solo ha la libertà assoluta di organizzare i suoi studi, e lo fa basandosi sulla sua intuizione, capire ad ogni passo quei concetti che sono più vicini alla loro cultura e alla loro conoscenza precedente.

Raccomandato
  • definizione popolare: tensione

    tensione

    Il settore del tronco che è sotto la terra e che è collegato alle radici è chiamato un ceppo . L'uso più comune della nozione si riferisce specificamente al tronco della vite e, per estensione, all'intera pianta che ha l' uva come frutto. La vite è un genere che ha diverse specie e appartiene al gruppo familiare delle vitácee . Si t
  • definizione popolare: risocializzazione

    risocializzazione

    La Royal Spanish Academy ( RAE ) non riconosce il concetto di re - socializzazione . Sì, include nel suo dizionario, d'altra parte, la parola socializzazione come il processo e il risultato della socializzazione (la promozione di condizioni che contribuiscono allo sviluppo delle persone). Se prendiamo in considerazione l'inclusione del prefisso, possiamo affermare che la ri-socializzazione consiste nel ri-socializzare .
  • definizione popolare: cibo

    cibo

    Il cibo è ciò che gli esseri viventi mangiano e bevono per la loro sussistenza . Il termine deriva dal latino alimentum e consente di nominare ciascuna delle sostanze solide o liquide che nutrono gli esseri umani , le piante o gli animali. Oltre a tutto questo è importante sapere che il cibo può essere classificato in diversi tipi. Tu
  • definizione popolare: facciata

    facciata

    La facciata è la facciata esterna di un edificio . Il concetto consente di fare riferimento a tutte le pareti esterne dell'edificio, ma, in generale, il termine è usato per riferirsi alla facciata principale o facciata anteriore . Ad esempio: "Il proprietario del teatro ha investito un sacco di soldi per sistemare la facciata" , "I biglietti saranno in vendita nelle biglietterie della facciata posteriore" , "I manifestanti hanno gettato pomodori verso la facciata del comune" .
  • definizione popolare: resquemor

    resquemor

    Resquemor è un termine usato per riferirsi al sentimento causato da una domanda che genera dolore, disagio, dolore o rabbia . Ad esempio: "Le parole del deputato provocavano risentimento tra i vicini" , "Dobbiamo porre fine al conflitto senza resquemores" , "Le notizie hanno causato la resquemorazione nei parenti delle vittime" .
  • definizione popolare: zucca

    zucca

    Lo squash è chiamato la zucca (una pianta che appartiene alla famiglia delle cucurbitacee ) e il suo frutto (che è commestibile e può avere diverse dimensioni, forme e colori). In generale, il concetto si riferisce alla bacca carnosa che può essere consumata in più modi. Sebbene ci siano molti tipi di zucca secondo i diversi generi delle cucurbitacee, si può dire che le zucche sono grandi, hanno un guscio duro e ospitano numerosi semi o tubi . A se