Definizione tacito

Il tacito deriva dal tacito latino che, a sua volta, deriva dal verbo tacere ( "tacere" ). Questo aggettivo permette la nomina di qualcuno silenzioso o silenzioso, e ciò che non è percepito o che non è formalmente detto, in modo tale da essere dedotto o assunto .

tacito

Nella grammatica, il soggetto noto come tacito, omesso o implicito, non ha una rappresentazione espressa nella frase, ma è dato per comprendere attraverso determinati elementi di un tipo contestuale . In altre parole, la sua presenza non è necessaria poiché il resto dei componenti e i dati precedentemente forniti al lettore o all'interlocutore sono sufficienti per capire chi sta parlando.

Ci sono momenti in cui ciò che è inteso come tacito può essere sbagliato. In quei casi, è necessario un certo contesto in cui situare le informazioni, al fine di trovare quelle sfumature che, sebbene sottili, hanno il potenziale per alterare considerevolmente il significato.

Cornelius Tacitus o Cornelius Tacitus ( 55-120 ), d'altra parte, era un senatore, console e governatore romano. Tacito si distinse tanto per la sua carriera politica quanto per le sue capacità come oratore e storico.

Marco Claudio Tacito ( 200 - 276 ) era un console imperatore romano che, nonostante le sue stesse affermazioni, non aveva alcuna parentela con Cornelio Tacito . Aveva solo sei mesi al potere fino a quando fu sorpreso dalla morte e gli successe suo fratello Floriano .

Conoscenza tacita

tacito La conoscenza tacita è formata da una serie di consuetudini e aspetti tipici della cultura che generalmente non possono essere spiegati, riconosciuti o trasmessi. Ciò presuppone che gli esseri umani sappiano più di quanto possiamo affermare o condividere. Queste sono nozioni informali, personali o sociali, difficili da tradurre a parole in modo sistematico, da esternare con mezzi convenzionali.

Questo concetto è stato sviluppato da Michael Polanyi, scienziato e filosofo nato nel 1891 nell'attuale Ungheria. Nel suo libro " To know and be ", pubblicato nel 1969, descriveva la tacita conoscenza come un processo e non come un tipo di conoscenza. Nonostante questo, dato il nome della sua teoria, di solito è definito in quest'ultima forma.

Va detto che non esiste un modo universale per definire la conoscenza tacita. Secondo gli studi condotti sulla gestione della conoscenza (un concetto che viene applicato in organizzazioni con lo scopo di trasferire la conoscenza dalla sua origine al luogo in cui verrà utilizzato), la conoscenza tacita può essere formata da:

* esperienze, abilità, abitudini, idee, storia, valori e convinzioni;

* conoscenza di un tipo contestuale o di ecologia, come concetti geografici e fisici che non possiamo misurare o spiegare, caratteristiche caratteristiche del comportamento di altri esseri viventi, eccetera;

* la capacità di comprendere un testo, analizzare e visualizzare idee, risolvere problemi.

Due punti fondamentali per la formazione della conoscenza tacita sono l' immaginazione e l'intuizione, dato che quando lavorano sulla percezione della realtà, generano una serie di deduzioni e strumenti cognitivi specifici per ogni individuo e molto difficili da trasmettere a altri.

La ragione di questa difficoltà nell'esprimere la conoscenza tacita è che viene creata in ciascuna persona, tenendo conto delle loro esigenze, del loro livello intellettuale, delle loro paure, delle loro aspettative. Questo può essere visto soprattutto nell'apprendimento autodidatta: al contrario dell'istruzione tradizionale (che propone un modello rigido, uguale per tutti) che impara da solo ha la libertà assoluta di organizzare i suoi studi, e lo fa basandosi sulla sua intuizione, capire ad ogni passo quei concetti che sono più vicini alla loro cultura e alla loro conoscenza precedente.

Raccomandato
  • definizione: tasso di cambio

    tasso di cambio

    Quando si parla del tasso di cambio (un'espressione che è anche menzionata come il tasso di cambio ), si fa generalmente riferimento all'associazione di cambio che può essere stabilita tra due valute di nazioni diverse. Questi dati ti permettono di sapere quanta parte di una moneta X può essere ottenuta offrendo una valuta Y. I
  • definizione: telnet

    telnet

    Telnet è l'acronimo di Telecommunication Network . È il nome di un protocollo di rete utilizzato per accedere a un computer e gestirlo da remoto. Il termine consente inoltre di denominare il programma per computer implementato dal client. L'accesso a un altro computer avviene in modalità terminale (senza alcun tipo di interfaccia grafica) e consente di risolvere i guasti da remoto, in modo che il tecnico possa affrontare il problema senza essere fisicamente vicino all'apparecchiatura in questione. T
  • definizione: ginecologia

    ginecologia

    La ginecologia è la specialità della medicina dedicata alla cura del sistema riproduttivo femminile . I ginecologi , quindi, sono gli specialisti che si occupano di problemi relativi all'utero , alla vagina e alle ovaie . Il medico greco Soranus , della scuola metodista, è considerato l'autore del primo trattato di ginecologia. L
  • definizione: stravagante

    stravagante

    Stravagante , dal latino extravägans , è ciò che viene detto o fatto al di fuori del modo comune di recitare . Pertanto, è strano , insolito o peculiare . Ad esempio: "È un artista stravagante, che sorprende sempre nelle sue presentazioni" , "Non mi piace vestire in modo stravagante" , "Il presidente pensa che Jorge sarebbe un buon candidato, ma si preoccupa della sua attività stravagante" . Il t
  • definizione: apice

    apice

    L' apice del termine latino arrivò al Castigliano come apice . Il primo significato menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce alla punta, al vertice, al picco o alla fine di una cosa . Il concetto è spesso usato nel campo della botanica per nominare la punta di un frutto o una foglia .
  • definizione: democrazia

    democrazia

    Il concetto noto in spagnolo come democrazia ha le sue basi nell'antico greco ed è formato dalla combinazione delle parole demo (che si traduce come "persone" ) e kratós (che può essere inteso come "potere" e "governo" ). La nozione cominciò ad essere usata nel 5 ° secolo aC , ad Atene . All