Definizione ambiguo

L' aggettivo ambiguo, che ha la sua radice etimologica nella parola latina ambigŭus, è usato per descrivere ciò che non ha un singolo significato o significato, che può essere interpretato in modi diversi o che genera confusione .

ambiguo

Ad esempio: "Il discorso del candidato ufficiale era ambiguo: gli analisti si aspettavano definizioni più definitive", "Penso che la risoluzione giudiziaria sia alquanto ambigua", "Non capisco perché tu debba sempre essere così ambiguo; Ti sto solo chiedendo se sei dalla mia parte o dalla tua . "

Se ci concentriamo sulla linguistica, l'ambiguità è ciò che dà luogo a interpretazioni multiple e, quindi, può causare confusione o domande. Questa ambiguità può sorgere da aspetti semantici, dalla sintassi o da altri fattori.

Una frase ambigua è questa: "Ricardo ha visto Daniel ubriaco e non sapeva cosa dire" . Questa frase potrebbe riferirsi a Daniele ubriaco quando Ricardo lo ha trovato, o che l'ubriacone era Ricardo stesso, poiché l'aggettivo ha il giusto genere e numero sia per il soggetto (Ricardo) che per l'oggetto (Daniel), e non c'è abbastanza contesto per sapere quale delle due modifiche.

L'omonimia, che implica l'esistenza di parole con la stessa forma e un diverso significato, può anche portare all'ambiguità. "Non c'è cura in questo posto" è una frase ambigua: puoi alludere a ciò in un luogo particolare non c'è un prete (anche se questo può sorprendere il mittente o il suo interlocutore), o in quel luogo non c'è soluzione a un problema determinata.

È importante sottolineare che l'ambiguità può essere usata coscienziosamente per confondere l'interlocutore o per non rivelare certe informazioni in una conversazione. In questo caso ci troviamo di fronte a un uso positivo e vantaggioso del linguaggio ambiguo, sebbene non sia sempre soddisfacente per chi lo riceve.

Se ci inseriamo nel contesto di una conferenza sul lancio di un dispositivo elettronico rivoluzionario, ad esempio, è normale che l'azienda che la presenta non renda pubbliche tutte le sue caratteristiche, sia per il desiderio di attendere i consumatori stessi scoprire una volta che ce l'hanno tra le mani o ridurre le possibilità che i concorrenti rubino le loro idee. Di fronte a una domanda relativa alle specifiche tecniche del prodotto, i rappresentanti delle aziende possono fare appello all'ambiguità per proteggere le proprie informazioni senza essere scortese.

Ad esempio, se la domanda fosse "Ho notato che la tua nuova console può manipolare centinaia di fotografie in tempo reale; Questo parla delle capacità di compressione e decompressione del dispositivo? ", La risposta ambigua potrebbe essere " Come sapete, stiamo affrontando un nuovo passo nel progresso tecnologico, ed è per questo che non dovresti essere sorpreso dal fatto che il nostro dispositivo abbia prestazioni eccezionale, sia nella manipolazione delle immagini che in tutte le altre aree . "

Ovviamente, un linguaggio ambiguo può anche essere fastidioso o addirittura improduttivo, se la mancanza di informazioni non è necessaria e causa problemi di comunicazione in un gruppo di lavoro. In determinati ambienti, come la medicina o l'informatica, in cui l'accuratezza è essenziale per la sicurezza e le buone prestazioni, l'ambiguità deve essere assolutamente evitata nel perseguimento di un linguaggio chiaro e diretto.

Chi non è definito attraverso le loro espressioni o azioni, è anche qualificato come ambiguo. Se viene chiesto ad un ambiguo giornalista quale squadra vincerà il prossimo torneo di calcio spagnolo, potrà rispondere: "Il Barcellona è molto buono, ma il Real Madrid ha una grande squadra e l'Atlético de Madrid sta attraversando un periodo eccellente" .

Raccomandato
  • definizione: estroverso

    estroverso

    Extrovert è un aggettivo che permette di riferirsi alla persona che viene data all'extraversion (il movimento della mente che esce da se stesso attraverso i sensi). Un estroverso ha la tendenza a socializzare facilmente ed eccellere nelle riunioni, per cercare di essere al centro dell'attenzione.
  • definizione: occhio

    occhio

    La parola latina ocŭlus deriva negli occhi , il concetto che nomina l' organo che consente la visione negli animali e nell'essere umano . Il termine, comunque, ha altri significati. Come un organo, l'occhio può rilevare la luminosità e convertire le sue variazioni in un impulso nervoso interpretato dal cervello. A
  • definizione: preistoria

    preistoria

    La preistoria è il periodo della vita umana prima dei documenti scritti . Questo periodo è noto per vestigia come strumenti, costruzioni, pitture rupestri o ossa. Il termine è anche usato per nominare lo studio di quel periodo e il lavoro che si occupa del tempo. La preistoria , quindi, va dall'apparizione del primo essere umano all'invenzione della scrittura (attorno al 3000 aC). I
  • definizione: formazione

    formazione

    In latino è dove possiamo chiarire che si trova l'origine etimologica del termine addestramento. In particolare, questo è il risultato della somma di tre componenti latini come l' annuncio prefisso - che può essere tradotto come "verso", la parola destrezza che è sinonimo di "destra" e infine il suffisso uguale a "risultato di un'azione" ". La
  • definizione: fieno

    fieno

    Il termine fieno deriva dalla parola latina fenum . Il concetto si riferisce a una pianta che fa parte del gruppo di erbe , caratterizzato da sottili canne e foglie strette. Quando è incluso nel gruppo di erbe, il fieno è anche una pianta di angiosperma monocotiledone . Ciò significa che i loro carpelli formano un'ovaia che contiene gli ovuli e che il loro embrione ha un singolo cotiledone (prima foglia). I
  • definizione: beffa

    beffa

    Il termine inglese hoax non fa parte del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), sebbene il suo utilizzo sia frequente nella nostra lingua. La Fondazione dello Spagnolo Urgente - Fundéu BBVA suggerisce comunque di sostituirlo con bufala , inganno o infedeltà . Una bufala, in breve, è una notizia falsa che viene diffusa per qualche scopo. È