Definizione cofattore

Un cofattore è un fattore che, unendosi con un altro o con altri, favorisce lo sviluppo di qualcosa. Va ricordato che un fattore è un elemento la cui azione viene eseguita in congiunzione con gli altri.

cofattore

Nel campo specifico della biochimica, la molecola che è essenziale per il funzionamento di un enzima è chiamata cofattore. Questi sono componenti termostabili che hanno una massa molecolare ridotta e non sono proteine.

Unendo una struttura proteica nota come apoenzima, il cofattore consente la creazione di un complesso chiamato holoenzyme .

In aggiunta a quanto sopra, non possiamo ignorare che i cofattori sono fondamentalmente di due tipi:
-I ioni metallici, che possono svolgere tre diverse funzioni. Da un lato, possono agire come un gruppo di collegamento, il che significa che danno origine a ciò che è noto come un complesso di coordinamento poiché riuniscono sia l'enzima che il substrato. In secondo luogo, possono agire come il principale centro catalitico. E, in terzo luogo, possono essere responsabili del funzionamento come agente stabilizzante di quella che è la conformazione della proteina enzimatica. La proteina è, naturalmente, da presentare nella sua forma cataliticamente attiva.
-Le molecole organiche. Rispondono anche al nome dei coenzimi e, di solito, sono vitamine. In particolare, possiamo stabilire che alcuni dei coenzimi più rilevanti sono FADH2, NADH o NADPH.

Tra gli enzimi sopra menzionati, che sono un tipo speciale di proteine, possiamo evidenziare una serie di aspetti interessanti come questi:
- Sono specifici, cioè possono discriminare le molecole per ottenere una maggiore efficienza in quelle che sono le trasformazioni chimiche che avvengono.
-Uno sono nel citosol, altri negli organelli e ci sono anche quelli che si trovano nelle membrane del plasma, per esempio.
-Si possono mostrare attivi fino a quando ci sono una serie di condizioni per quanto riguarda la temperatura o il PH.
- Tra i più rilevanti sono idrolitici, ossigenasi, ossido riduttasi, fosfatasi e polimerasi.

Quando un cofattore è una molecola organica che fa parte di un enzima, è chiamato coenzima . Questi cofattori, che di solito sono vitamine, agiscono sulle reazioni che catalizzano gli enzimi.

Gli ioni metallici, come cofattori, intervengono in diversi processi come gruppi di ponti, centri catalitici primari o agenti stabilizzanti. Un metalloenzima è un enzima che ha bisogno di uno ione metallico come cofattore per il suo funzionamento.

Si può dire che i cofattori integrano gli enzimi. In ogni enzima il cofattore deve apparire nella quantità esatta per consentire la catalisi di una reazione biochimica. Va notato che la catalisi si riferisce ad un aumento della velocità della reazione senza alterazione del risultato finale. Gli enzimi che sono integrati dai cofattori sono considerati catalizzatori biochimici .

È anche importante ricordare che, mentre gli enzimi non sono modificati nella reazione chimica, i coenzimi (cofattori) subiscono cambiamenti nel processo, accettando o cedendo elettroni .

Raccomandato
  • definizione: hacendoso

    hacendoso

    L' aggettivo industrioso viene utilizzato per qualificare l'individuo che sviluppa compiti domestici con diligenza e buona predisposizione . Può anche essere qualcuno disposto a fare favori o fornire un servizio tempestivamente ed efficacemente . Ad esempio: "Ho sposato un uomo molto industrioso, quindi condividiamo sempre gli obblighi a casa " , "Secondo gli psicologi, le persone laboriose si sentono piene " , "Ho bisogno di assumere un dipendente responsabile e industrioso per aiutarmi a la compagnia .
  • definizione: epilessia

    epilessia

    Dal termine latino epilessia , che a sua volta deriva da un concetto greco, l' epilessia è una malattia da malattia cronica che si caratterizza per apparire improvvisamente e generare movimenti convulsi , portando la persona a perdere conoscenza . Ad esempio: "Mio nipote soffre di epilessia ed è sotto trattamento" , "L'autista si è scontrato quando ha sofferto di una crisi epilettica nella sua auto" , "Quando una persona sperimenta un attacco di epilessia, devi cercare di evitare di ferire la testa ". L
  • definizione: afferente

    afferente

    L' aggettivo afferente ha la sua origine etimologica nella parola latina affrens . Nel senso più ampio, questo qualificatore si applica a ciò che si muove o porta qualcosa . La nozione viene solitamente utilizzata nel campo della biologia e dell'anatomia . Un afferente è una formazione la cui funzione è quella di trasmettere sostanze o energia da un settore del corpo a un altro più rilevante in questo contesto. Per
  • definizione: presagio

    presagio

    L'etimologia di Augusto ci porta alla lingua latina: augurium . Un augury è un segno o un sintomo di qualcosa di futuro. Il concetto è anche usato per nominare una previsione , una previsione o una previsione . Ad esempio: "La presenza di questi uccelli è di buon auspicio: suppongo che dovremmo essere vicini alla costa" , "L'augurio di un mese complicato per l'economia locale non è stato soddisfatto poiché non ci sono stati disordini importanti" , "L'arrivo di due nuove compagnie nella regione sono di buon auspicio " . Gli
  • definizione: domanda trabocchetto

    domanda trabocchetto

    La domanda che viene svolta con l'obiettivo di ricevere determinate informazioni è nota come una domanda . Quando chiede, la persona cerca di ottenere una risposta che gli permetta di soddisfare il suo dubbio. Capcioso , dal latino captiusus , è un aggettivo che si riferisce a qualcosa che è fallace o che cerca di confondere o ingannare. U
  • definizione: Pasqua

    Pasqua

    Il concetto di Pasqua ha un lungo viaggio etimologico: dall'ebraico è passato alla lingua greca, e da lì al latino fino a diventare Pasqua . È la denominazione di una festa che ha avuto origine ebraica e che, al momento, è la celebrazione più importante del cattolicesimo . Durante la Pasqua, che segna la fine della Settimana Santa , si celebra la risurrezione di Gesù Cristo . La d