Definizione ipermetropia

L'ipermetropia è un disturbo della vista che porta una persona a percepire gli elementi vicini in modo confuso, poiché la loro immagine si forma dietro la retina. Pertanto, chi soffre di ipermetropia vede male da vicino .

ipermetropia

Quando qualcuno con lungimiranza cerca di distinguere qualcosa che è vicino ai loro occhi, lo percepiscono come sfocato . Ciò è dovuto a un problema con l'approccio: l'immagine che dovrebbe concentrarsi sulla retina, è focalizzata dietro questa membrana.

Le cause di questo difetto sono varie. Potrebbe essere dovuto a un potere ottico della cornea o dell'obiettivo inferiore al normale o perché l'occhio del soggetto è più corto del solito.

L'iperopia colpisce una grande parte dei bambini quando nascono a causa della mancanza di sviluppo del sistema visivo. In questo caso parliamo di ipermetropia fisiologica . Quando il bambino cresce, il difetto viene corretto. Tuttavia, quando la carenza viene mantenuta nel tempo, l'ipermetropia può anche causare altre alterazioni.

La difficoltà di concentrarsi sugli oggetti vicini è un sintomo di ipermetropia. In ogni caso, i giovani possono compensare naturalmente l'iperopia basata sull'alloggio: l'obiettivo cresce grazie alla contrazione dei muscoli che lo circondano e aumenta così la sua potenza. Lo sforzo di alloggio finisce per provocare affaticamento visivo, prurito agli occhi e persino mal di testa.

Il trattamento della lungimiranza comprende l'uso di occhiali ( occhiali ) o lenti a contatto . È inoltre possibile ricorrere a diverse tecniche chirurgiche, come la chirurgia laser .

Raccomandato
  • definizione: vegan

    vegan

    Un vegano è un soggetto che non mangia prodotti alimentari di origine animale . Come i vegetariani , i vegani non mangiano carne di alcun tipo (maiale, manzo, agnello, pesce, pollo, ecc.) Ma, a differenza degli ovolacteogari, non consumano neanche uova, latticini o miele . Il veganismo, quindi, fa parte del vegetarianismo, che è un insieme più ampio. U
  • definizione: cambi

    cambi

    L'uso più comune del termine valuta è legato a una valuta straniera . Il suo significato, quindi, dipende dalla posizione dell'altoparlante. In Argentina , Cile e Uruguay , per citare tre casi, il dollaro è una valuta. Negli Stati Uniti , d'altra parte, non lo è, dal momento che è la sua valuta nazionale. Ciò
  • definizione: pantera

    pantera

    Dalla panthera latina, sebbene con un'origine più remota nella lingua greca, la pantera è un termine usato per indicare diversi tipi di grandi felini . In generale, il concetto permette di riferirsi alla pantera nera , una variante del leopardo o del giaguaro. In ogni caso, ci sono molte confusioni sulla nozione.
  • definizione: parole derivate

    parole derivate

    Le parole sono quegli elementi di un'espressione che hanno una certa funzionalità e che possono essere riconosciuti dall'accentuazione e dalle pause. La combinazione di parole diverse ti consente di creare frasi . Tra i vari processi che consentono la creazione di una parola, c'è la derivazione .
  • definizione: rilevanza

    rilevanza

    In latino È qui che si trova l'origine etimologica del termine che analizzeremo ora. In particolare, dobbiamo affermare che esso deriva dalla parola pertinentia , che è composta da due parti chiaramente differenziate: il prefisso per -, che può essere tradotto come "completamente", e il verbo tenere , che è sinonimo di "sostenere". Pe
  • definizione: rimbalzo

    rimbalzo

    Le parole omonime sono scritte in modo diverso e hanno significati diversi, ma la loro pronuncia è identica o simile. Ciò genera spesso confusione, soprattutto al momento della scrittura. In questo contesto, è importante conoscere la definizione del verbo rimbalzo (con iniziale B ) per evitare errori con il voto (a partire da V ). B