Definizione stordito

L' aggettivo stordito è legato al verbo stordire : alterare, alterare, confondere o confondere. Colui che è stordito, quindi, soffre di stordimento (un temporaneo disturbo dei sensi o l'abilità di ragionare).

stordito

Ad esempio: "Il colpo alla testa mi ha lasciato un po 'stordito", "Penso che il presidente sia stordito: dovrebbe analizzare la situazione con calma e prendere decisioni più intelligenti", "Il giovane è stato trovato da un agente mentre camminava stordito per le strade dal centro . "

Si dice che un soggetto è stordito quando, dopo aver subito un impatto sulla sua testa, soffre di uno stato di confusione che gli impedisce di vedere, ascoltare, parlare o pensare normalmente. Lesioni alla testa possono causare una commozione cerebrale perché il colpo colpisce i neuroni.

Un incidente d'auto, un colpo nel telaio di uno sport o una caduta da un'altezza considerevole possono far stordire una persona. A volte, il quadro si inverte spontaneamente in breve tempo, mentre in altri casi è necessaria l'assistenza medica.

Lo stupore che le persone solitamente provano dopo un impatto provoca vertigini: oltre a non essere in grado di percepire chiaramente gli stimoli sensoriali che li circondano, credono che perderanno l' equilibrio e collasseranno in qualsiasi momento. Quando un professionista della salute si avvicina a un paziente con una foto di questo tipo, di solito fa una serie di domande per valutare la situazione e sapere come procedere.

A seconda della gravità del caso e della stabilità del paziente, il medico può chiederti di essere collocato in posizioni e posizioni diverse, chiedendo ad ogni passaggio se riscontri qualche miglioramento; Ad esempio, può dirti di sederti e sdraiarti, e poi chiedere se la sensazione di vertigini scompare o diminuisce e smetti di sentirti intorpidito.

Si dice anche che qualcuno è stordito quando agisce in modo sconsiderato : cioè, quando non riflette sulle sue azioni . Un eccesso di informazioni, la necessità di risolvere qualcosa in fretta o pressioni esterne possono far rimanere intontito un individuo: "Aspetta un attimo, sono sbalordito: fammi vedere i bilanci degli ultimi semestri e poi ti do la mia opinione", " Non penso che sia conveniente precipitare Osvaldo, lo vedo stordito dalle notizie " .

In questo senso meno letterale, lo stordimento è legato allo stress, ed è per questo che è necessario trovare la ragione per tale sensazione per risolvere il problema alla radice. Se una persona sta attraversando una fase molto difficile, piena di pressioni e richieste che non gli permettono di pensare chiaramente, è normale per lui perdere la percezione delle proprie facoltà e entrare in uno stato in cui tutto sembra impossibile da risolvere .

Sentirsi storditi di fronte a una situazione complicata non è sinonimo di mancanza delle capacità necessarie per superarlo, ma non essere in grado di concentrarsi per capire come farlo. Lo stordimento acustico, dopo tutto, si verifica quando l'orecchio riceve un eccesso di rumore o suoni difficili da distinguere, specialmente con un'intensità che supera i decibel che l'orecchio è in grado di sopportare.

Disturbi d'ansia generalizzati causano diversi sintomi, tra cui confusione, vertigini, mal di testa e intorpidimento mentale. Mentre ci sono persone che passano attraverso questa sensazione in momenti specifici, ce ne sono altre che devono sopportarlo per diverse ore. Lo stordimento mentale non consente lo sviluppo di attività quotidiane, anche le meno complesse, come fare la lista della spesa. La soluzione finale è eliminare ciò che causa l' ansia ; Metodi intermedi per ridurre il disagio includono esercizi di rilassamento, meditazione e respirazione.

Raccomandato
  • definizione: afflizione

    afflizione

    Il termine latino afflictĭo è venuto nella nostra lingua come afflizione . Disagio o sofferenza è il significato di quella parola latina, che è stata formata dalla somma di diverse componenti come queste: -Il prefisso "ad-", che può essere tradotto come "verso". -Il nome "flictus", che è sinonimo di "golpe". -Il
  • definizione: furfante

    furfante

    L'etimologia di un cattivo ci porta a villanus , un termine latino. Questa parola, a sua volta, proviene da villa , che può essere intesa come "casa di campagna" . Quindi, il primo significato del dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) afferma che il cattivo è chi viveva in un villaggio e apparteneva allo stato piatto , a differenza degli hidalgos o dei nobili.
  • definizione: tettonica

    tettonica

    La tettonica è la divisione della geologia che studia la struttura della crosta terrestre . Come aggettivo, sia nel maschile ( tettonico ) che nel femminile ( tettonico ), la nozione si riferisce a ciò che è legato a questa struttura oa quello relativo alle costruzioni architettoniche. Come specialità geologica, la tettonica analizza le strutture che si formano dal processo che causa deformazioni nella crosta. Le
  • definizione: prosperità

    prosperità

    La prosperità , dalla prosperitas latina, è il successo in ciò che è intrapreso, buona fortuna in ciò che accade o nel corso favorevole delle cose. Ad esempio: "Dò per la prosperità di questa giovane coppia che decide di iniziare una nuova strada" , "Sembra un affare sicuro, ma nulla garantisce prosperità" , "Questo paese dovrebbe godere di prosperità, ma i suoi leader l'hanno lasciato in rovina ". La pros
  • definizione: globalizzazione

    globalizzazione

    La globalizzazione è un fenomeno moderno che può essere analizzato da diversi punti di vista. Il termine deriva dalla globalizzazione inglese, in cui il globale è globale . Pertanto, ci sono quelli che credono che il concetto più appropriato in spagnolo sarebbe la globalizzazione , derivato dalla parola francese mondializzazione . A
  • definizione: filetto

    filetto

    Il concetto di filo , che deriva dalla parola latina filum , fa riferimento a un filo sottile e allungato di un materiale tessile. I fili sono usati per cucire : unire due o più pezzi, fissare un indumento che lo rammenda. L'abbigliamento è solitamente realizzato dall'unione di fili poiché le fibre tessili sono spesso composte da questi fili. I