Definizione fuoco

La parola latina focus, che può essere tradotta come "falò" o "casa", è venuta in spagnolo come punto centrale . Questo concetto ha diversi usi: il primo menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a una lampada elettrica la cui luce è diretta verso un certo punto.

fuoco

I riflettori, quindi, possono essere strumenti ottici che proiettano la luce in un'area specifica. Ci sono riflettori nei teatri, negli studi cinematografici e televisivi, negli stadi e in molti altri luoghi.

In un senso più ampio, un riflettore o un apparato da cui provengono i raggi di luce o di calore è chiamato messa a fuoco. Secondo la regione, il termine è usato con maggiore specificità.

In alcuni paesi, una lampada a incandescenza è chiamata messa a fuoco. Questi elementi sono anche chiamati lampade, lampadine, lampadine o lampadine .

I fari di automobili e altri veicoli, d'altra parte, possono essere citati come riflettori in diverse nazioni . In altri luoghi, queste luci sono chiamate fari .

Se ci concentriamo sul campo dell'ottica, l'idea di messa a fuoco fa menzione del punto di convergenza dei raggi di luce . Un'immagine è a fuoco quando la luce dei punti converge correttamente; invece, un'immagine non è a fuoco quando la luce non è correttamente convergente.

Focus, infine, può essere il luogo immaginario o reale in cui qualcosa è concentrato e da dove si diffonde. Espressioni come "focus" e "focus" sono anche usate in modo simbolico per quanto riguarda la concentrazione di interesse . Ad esempio: "Con lo sviluppo della Coppa del mondo di calcio, la Russia sarà al centro dell'attenzione degli appassionati di sport", "La nuova legge fiscale mira a concentrarsi sulle piccole imprese", "I nutrizionisti mettono l'accento sul consumo di frutta e verdura fresca . "

Raccomandato
  • definizione: presenza

    presenza

    Scoprire l'origine etimologica del termine presenza significa dover lasciare, simbolicamente parlando, anche il latino. Ed è derivato dalla parola "presentia", che significa "qualità dell'essere di fronte" e che è composta da tre parti differenti: • Il prefisso "pre", che può essere tradotto come "prima". • Il
  • definizione: interdisciplinare

    interdisciplinare

    Il primo passo che faremo è determinare l'origine etimologica della parola che ci interessa. In tal modo, scopriremo che esso proviene dal latino, poiché è composto da diverse componenti lessicali di quel linguaggio: il prefisso "inter-", che è sinonimo di "tra"; il termine disciplina, che può essere tradotto come "disciplina"; e infine il suffisso "-ario", che viene ad indicare appartenenza o provenienza. L&#
  • definizione: asta

    asta

    Vara è un termine che deriva dalla lingua latina e che si riferisce a un bastone , un bastone , un ramo o un lungo bastone . Ad esempio: "Vai a prendere dei bastoncini in modo che possiamo accendere il fuoco" , "Circondato dai lupi, il giovane ha preso un bastone con l'intenzione di allontanarli" , "Con l'aiuto di un bastone, la donna è riuscita a raggiungere la borsa" .
  • definizione: turno

    turno

    La svolta è il processo e il risultato della svolta , un verbo che può essere utilizzato per dare nomi a diverse azioni: cambiare posizione, modificare il corso o applicare una procedura chimica in fotografia per modificare un'immagine. Vediamo spesso che la nozione di rotazione è usata in riferimento all'alterazione del comportamento o del pensiero abituale di una persona . S
  • definizione: montacarichi

    montacarichi

    Il verbo izar , la cui radice etimologica è nella parola francese hisser , si riferisce all'azione di sollevare qualcosa tirando la corda da cui è appesa . Le bandiere e le vele di una barca, per esempio, sono issate. Una bandiera è un simbolo che viene visualizzato per scopi diversi. Affinché una bandiera possa volare su un albero, è necessario sollevarla: tira una corda in modo che salga per raggiungere il settore più alto. L
  • definizione: Abasto

    Abasto

    Si chiama fornitura alla fornitura o alla dispensa alimentare . Il concetto è collegato al verbo abastar , che si riferisce a fornire quegli elementi che sono necessari per la sussistenza. Le forniture sono anche generi alimentari o forniture . Per estensione, in alcuni paesi è chiamata fornitura al negozio dedicato alla vendita di prodotti alimentari.