Definizione presente

Con origine nella parola latina praesens, presente è un concetto con molteplici usi e significati. È un aggettivo che permette di riferirsi al tempo che trascorre al momento attuale o a quello in cui una persona si trova quando dice qualcosa. Per citare alcuni esempi: "Non puoi sempre pensare al passato: devi vivere nel presente", "L'attore ha attraversato diversi momenti complicati, ma ora gode di un regalo felice e pieno con la sua famiglia", "Il presente La squadra è molto povera e anche il futuro sembra complicato . "

presente

Un individuo che è presente, invece, è qualcuno che è di fronte a qualcuno o che è andato con lui nello stesso posto: "Volevo dirgli che domani non sarò presente in classe da quando devo andare dal dottore", "Marcos era presente quando il delinquente è entrato nella sua casa ", " non sarò presente al tuo compleanno: devo viaggiare un giorno prima per motivi di lavoro " .

In altri contesti, la parola presente può funzionare come sinonimo di un dono o dono che viene offerto a una persona come segno di affetto o riconoscimento: "Ti ho comprato un piccolo regalo", "Dovrò pensare a un regalo: non riesco a raggiungere il matrimonio del mio amico senza un regalo ", " Guarda il regalo che il mio capo mi ha dato per il mio impegno con la compagnia " .

Il tempo presente

Per la grammatica, presente è il nome che identifica il tempo che corrisponde a qualcosa che accade o a una cosa che viene descritta simultaneamente quando viene evocata. I verbi possono essere coniugati al tempo presente secondo la persona grammaticale: "Pepe ama gli hamburger" e "I bambini giocano nella piazza" sono frasi in cui il verbo è coniugato nel tempo presente.

Ci sono diversi usi di esso, che sono noti come:
* Attuale presente (un'azione che si verifica nello stesso momento in cui viene menzionata, può essere breve o durare un certo tempo, ad esempio: "L'ordine è arrivato oggi");
* Presente abitudine (un'azione che si sviluppa successivamente con una certa periodicità ma che non è continua, ad esempio: "Il martedì vado in terapia".);
* Presenza gnomica o atemporale (eventi che avvengono al di fuori di un certo tempo, frase esplicita, verità o conoscenza, ad esempio: "Gli esseri umani non possono volare");
* Storico presente (azioni accadute in passato ma che quando menzionate nel presente acquisiscono una vicinanza al momento attuale, ad esempio: "Fiódor Mijáilovich Dostoyevski nacque a Mosca l'11 novembre 1821);
* Presentare con valore futuro (azioni che avverranno in futuro in modo sicuro, solitamente utilizzate per citare piani futuri, ad es .: "Non sarò martedì perché vado in montagna");
* Presente imperativo (usato per ordinare qualcosa da qualcuno, ad esempio: "Chiudi la finestra!")

A prima vista, l'uso di questo tempo verbale è semplice, non c'è modo di commettere errori; tuttavia, in pratica non è così. Infatti, nei laboratori di creazione letteraria uno degli errori più comuni è l'uso improprio dei tempi verbali o la combinazione di essi non raccomandata.

Ad esempio, è normale che in certe storie scritte nel presente, le preghiere del passato improvvisamente sfuggano; anche se a volte può essere una licenza che l'autore stesso ha preso, il più delle volte è dovuto a una mancanza di concentrazione o rigidità durante la composizione del testo .

È essenziale, quindi, che come autori acquisiamo una nozione più ampia di tempi verbali e coniugazioni ogni giorno per offrire una letteratura pulita e corretta.

Raccomandato
  • definizione: ceramiche

    ceramiche

    Per poter dettare l'origine etimologica della parola che ora ci occupa, è necessario tornare indietro nel tempo. Ed è emanato dall'arabo, e più specificamente persino dalle parole al-fahhar che possono essere tradotte come "ceramiche". La ceramica è il nome dell'arte che consiste nell'elaborazione di vasi di terracotta . Ri
  • definizione: gonfiore

    gonfiore

    La conseguenza del gonfiore si chiama gonfiore . Il verbo blochar , d'altra parte, allude ad aumentare il volume di qualcosa dall'incorporazione di un fluido, aria o altro elemento. Ad esempio: "Il lattosio mi fa gonfiare lo stomaco" , "Non ho avuto un grande disagio durante la gravidanza, anche se ho sofferto di gonfiore dei piedi" , "Il colpo ha causato un gonfiore alla gamba che è durato diversi giorni" .
  • definizione: abuso

    abuso

    L'abuso è l' azione e l'effetto dell'abuso . Questo verbo suppone di usare male o eccessivamente, ingiustamente, indebitamente o indebitamente qualcosa o qualcuno, secondo il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) . La nozione di abuso può essere applicata in diversi modi per formare concetti diversi.
  • definizione: afa

    afa

    La radice etimologica dell'imbarazzo si trova nella parola latina vulturnus , che può essere tradotta come "vento dell'est" . Ecco perché il primo significato del termine menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario allude a un'aria calda e scomoda che si sente durante la stagione estiva.
  • definizione: deliberato

    deliberato

    Alevosía è una nozione che, nel campo del diritto , è usata con riferimento a ciò che un individuo fa per assicurare la realizzazione di un crimine contro un altro soggetto senza che vi sia un rischio per esso. È, quindi, una circostanza che aggrava la responsabilità della persona che commette il crimine. Il t
  • definizione: teoria dei sistemi

    teoria dei sistemi

    La teoria dei sistemi (nota anche come teoria dei sistemi generali , abbreviata con l'acronimo TGS ) consiste in un approccio multidisciplinare che si concentra sulle caratteristiche comuni di varie entità. Il biologo di origine austriaca Ludwig von Bertalanffy ( 1901 - 1972 ), secondo gli storici, è stato responsabile dell'introduzione di questo concetto a metà del XX secolo . S