Definizione clorofilla

Il termine clorofilla deriva dal francese clorofilo, anche se le sue radici etimologiche si trovano in due parole della lingua greca: chlórós (che si riferisce al colore verde giallastro) e phyllon (traducibile come "foglia" ). L'etimologia della clorofilla, quindi, parla di foglie giallo-verdastre .

clorofilla

La clorofilla, in particolare, è un pigmento che può essere trovato nelle piante verdi e in alcuni batteri e alghe . È una biomolecola essenziale per lo sviluppo della fotosintesi, che è il processo effettuato da alcuni organismi per convertire la luce solare in energia.

La scoperta della clorofilla ebbe luogo nel 1817, quando gli scienziati francesi Joseph Bienaimé Caventou e Pierre-Joseph Pelletier riuscirono a isolare il pigmento . Pelletier, infatti, ha fatto appello all'uso di solventi per isolare per la prima volta altre sostanze come il chinino e la caffeina .

La clorofilla si trova negli organelli noti come plastidi di cellule eucariotiche di piante e alghe e nelle membrane delle sacche chiamate thylakoidi, presenti nei batteri e in altri organismi. Ogni molecola di clorofilla ha una catena di fitolo (che consente alla clorofilla di rimanere integrata nella membrana fotosintetica) e un anello di porfirina (che sviluppa l'assorbimento della luce).

Il colore verde della clorofilla è dovuto al fatto che riflette la parte dello spettro visibile della luce che corrisponde a quella tonalità. Il pigmento trasferisce anche questo colore ai tessuti e agli organismi che lo contengono.

Come molti altri prodotti della natura, la clorofilla ha dimostrato di essere molto utile per la nostra salute . È importante sottolineare che la medicina non approva direttamente le proprietà che spiegheremo di seguito, ma che si basano sull'esperienza di coloro che l'hanno provato e raccomandato.

Uno dei nomi che la clorofilla riceve nel linguaggio quotidiano è " il sangue delle piante ", in particolare perché ha una struttura molecolare simile a quella del nostro sangue; La differenza tra i due è che il primo è composto principalmente di magnesio, mentre il secondo è composto da ferro.

I fautori della clorofilla affermano che si tratta di una " sostanza miracolosa " e basano la loro tesi sui risultati di vari studi di natura scientifica secondo cui ci aiuta a mantenere la salute promuovendo il buono stato e il funzionamento dei nostri organi.

In primo luogo, possiamo dire che il suo consumo serve a disintossicare e ossigenare l'organismo, agendo direttamente sul sangue per aumentarne la produzione. Un maggior volume di nuovo sangue ha un effetto sull'ossigeno trasferito in modo più efficiente alle cellule, che avvantaggia direttamente la salute degli organi più importanti.

La clorofilla può aiutare a prevenire gli effetti negativi delle radiazioni ed eliminare anche i metalli pesanti e altri rifiuti dal nostro corpo . Questo effetto disintossicante è completato dalla sua azione detergente nel colon, grazie alla quale aumenta la presenza di flora batterica nell'intestino e riduce le possibilità di cancro.

D'altra parte, è anche possibile mantenere forte il sistema immunitario mediante un consumo regolare di clorofilla, poiché un gran numero di batteri e virus non può proliferare nell'ossigeno e la clorofilla partecipa all'ossigenazione del corpo.

I problemi digestivi sono tra i più comuni e la clorofilla ha anche una soluzione in questo contesto. Non solo protegge l'integrità del colon, ma promuove anche il corretto funzionamento della cistifellea, dello stomaco e del fegato, e aiuta la decomposizione delle pietre a favorire l'eliminazione di acido eccessivo.

Raccomandato
  • definizione popolare: fascio

    fascio

    Il concetto di raggio deriva dal latino biga , un termine che era usato per riferirsi al trasporto di un paio di cavalli. La trave, con 'v', consente di identificare il pezzo curvo (che può essere sia in ferro che in legno), presente nelle vecchie vetture con lo scopo di permettere il collegamento tra fronte e retro.
  • definizione popolare: decoder

    decoder

    Il concetto di decodificatore , che può anche essere definito un decodificatore , allude a ciò che decodifica (o decodifica). D'altra parte, il verbo decodificare fa riferimento all'applicazione inversa delle regole di un codice a un messaggio che è codificato per ottenere la sua forma originale. L
  • definizione popolare: distorsione

    distorsione

    La distorsione della parola del tardo latino è venuta nella nostra lingua come distorsione . Il concetto ha diversi significati: il primo menzionato nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a una svolta . Una distorsione, in questo senso, può riferirsi a una distorsione , una lussazione o un altro tipo di lesione fisica legata a un tratto improvviso, violento o forzato.
  • definizione popolare: rifiutare

    rifiutare

    Rifiutare è un verbo che deriva dalla parola latina refusare . Il termine si riferisce al rifiuto di accettare, accettare o ammettere qualcosa . Per esempio: "Mi rifiuterò di testimoniare fino all'arrivo del mio avvocato" , "Bruno ha fatto una proposta a Gustavo che era impossibile rifiutare" , "Il governo sta cercando scuse per poter rifiutare le nuove affiliazioni" .
  • definizione popolare: argilla

    argilla

    Prima di procedere alla conoscenza del significato del termine argilla, dobbiamo intraprendere l'istituzione della sua origine etimologica. In questo caso, dobbiamo determinare che deriva dal latino, esattamente, della parola "argilla", che può essere tradotto come "argilla da vasaio".
  • definizione popolare: centromero

    centromero

    Il centromero è l' area più stretta dei cromosomi , la cui posizione è caratteristica in ciascuna delle coppie. Va ricordato che un cromosoma è una struttura cellulare che ospita l'acido desossiribonucleico ( DNA ). I cromosomi hanno due braccia , distanziati dal centromero; uno di loro è chiamato q ed è lungo, mentre quello corto è chiamato p . Secon