Definizione glifosato

Il glifosato è un erbicida a uso prolungato che, secondo vari studi, potrebbe essere cancerogeno per l' uomo . Ecco perché il suo uso è spesso motivo di dibattito e controversie in diverse aree.

glifosato

Questa sostanza, chiamata N-fosfonometilglicina secondo la nomenclatura dell'Unione Internazionale di Chimica pura e applicata (il cui acronimo è IUPAC ), è specificamente l' ingrediente attivo di diversi erbicidi. Funziona inibendo un enzima che ha un ruolo chiave nello sviluppo e nella sussistenza delle piante.

Il glifosato può essere iniettato in steli o tronchi o applicato alle foglie. Inibendo l'enzima e influenzando la sintesi degli aminoacidi, la crescita della pianta viene interrotta e il campione finisce per morire dopo l'appassimento.

La commercializzazione del glifosato iniziò nel 1970, quando la società Monsanto iniziò a vendere l'erbicida Roundup . Da allora, oltre 8.600 milioni di chilogrammi di glifosato sono stati diffusi nei campi di tutto il mondo, secondo i dati di Greenpeace . Attualmente, più di un centinaio di erbicidi contengono glifosato.

L' Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) descrisse il glifosato come "probabilmente cancerogeno" per le persone. Gli agricoltori e le loro famiglie, quindi, potrebbero essere a rischio. Ma il glifosato colpisce anche il resto della popolazione e l'ambiente, dal momento che la sostanza entra nel terreno e raggiunge l'acqua, essendo presente in molti alimenti.

Nonostante gli avvertimenti dell'OMS, Monsanto sostiene che il glifosato ha un "basso rischio" per la salute poiché l'enzima che inibisce non è presente nell'uomo o negli animali. Dichiara inoltre che ci sono indagini che lo definiscono un prodotto "praticamente non tossico" .

Raccomandato
  • definizione popolare: demenza

    demenza

    Questo termine deriva da una parola latina correlata a disturbi emotivi; Serve a riferirsi a un disordine nelle funzioni razionali e comunicative. Il suo uso più comune è nel campo della salute psichica ed è usato per parlare di un disallineamento della ragione , che è colloquialmente noto come follia . Ne
  • definizione popolare: Kaffir

    Kaffir

    Per conoscere il significato del termine kafre che ora ci occupa, è necessario, in primo luogo, scoprire la sua origine etimologica. In questo caso possiamo determinare che è una parola che deriva dall'arabo. Deriva esattamente dalla parola "kafir", che può essere tradotto come "pagano". I
  • definizione popolare: quadro teatrale

    quadro teatrale

    La nozione di immagine teatrale è usata con riferimento alle parti brevi in cui un'opera può essere divisa. Il concetto teatrale di solito si riferisce a quelle scene che si svolgono senza cambiare l'insieme; la sua fine è caratterizzata dal fatto che lo stadio è vuoto per un momento e perché indica che il corso dell'azione viene interrotto, temporaneamente o nello spazio. Le
  • definizione popolare: valutazione

    valutazione

    Il concetto di valutazione si riferisce all'azione e alla conseguenza della valutazione , un verbo la cui etimologia risale al francese évalore e che consente di indicare, valutare, stabilire, apprezzare o calcolare l'importanza di una certa cosa o problema . Secondo quanto espresso dal Maccario , è un atto in cui un giudizio deve essere fatto intorno a un insieme di informazioni e una decisione deve essere presa in base ai risultati presentati da uno studente.
  • definizione popolare: molestia

    molestia

    Quando una persona molesta , perseguita o infastidisce un altro, sta subendo qualche tipo di molestia . Il verbo harass si riferisce ad un'azione o comportamento che comporta la generazione di disagio o disaccordo nell'altro. Ad esempio: "Non tollererò molestie: domani presenterò le mie dimissioni" , "Il cantante è uscito dalla porta di servizio per evitare le molestie nei confronti dei giornalisti" , "Le molestie nei confronti dei vicini sono molto fastidiose" . L
  • definizione popolare: scherzo

    scherzo

    Uno scherzo è un detto o un avvenimento divertente . Può essere un'espressione spontanea o un breve detto o una storia che contiene qualcosa che genera risate nei suoi destinatari. Lo scherzo può essere orale, scritto o grafico. Ad esempio: "Il nonno mi ha detto uno scherzo molto divertente" , "Mi prendono sempre in giro perché non capisco le battute" , "Raúl è divertito dalle battute verdi" . L