Definizione omeostasi

La prima cosa da fare è stabilire l'origine etimologica del termine omeostasi. In questo caso, possiamo determinare che è una parola che emana dal greco e si apprezza che è composta da due parole greche chiaramente definite: homo, che può essere tradotto come "simile" e stasi, che serve come sinonimo di "stabilità" e di "stato".

omeostasi

L'omeostasi è l' insieme dei fenomeni di autoregolazione che portano al mantenimento della costanza nelle proprietà e nella composizione dell'ambiente interno di un organismo. Il concetto è stato sviluppato dal fisiologo americano Walter Bradford Cannon ( 1871 - 1945 ).

Walter Cannon è un fisiologo americano che cosa ha fatto quando ha sollevato il termine in questione è stato quello di sviluppare o concentrarsi concretamente su un concetto che anni fa era stato stabilito nel campo della scienza. Ci riferiamo in particolare all'idea di ambiente interno che nella seconda metà del diciannovesimo secolo aveva esposto Claude Bernard.

Quest'ultimo era un biologo e medico francese che è attualmente considerato il vero padre della fisiologia e il fondatore di quella che sarebbe la medicina sperimentale.

Questo termine trascende la biologia per riferirsi alle caratteristiche di qualsiasi sistema, aperto o chiuso, che gli consenta di regolare l'ambiente interno per mantenere una condizione stabile. La stabilità è resa possibile da diversi meccanismi di autoregolazione e varie regolazioni dinamiche.

L'omeostasi è uno dei principi fondamentali della fisiologia, poiché un fallimento in questa funzione può causare un malfunzionamento di diversi organi.

L' omeostasi biologica, quindi, consiste in un equilibrio dinamico che si ottiene grazie a continui cambiamenti per mantenere il risultato del tutto. Questo processo comporta il controllo dei valori energetici considerati normali: nel caso in cui un valore sia fuori dalla norma, vengono attivati ​​diversi meccanismi per compensarlo.

L'omeostasi dell'organismo dipende dall'ambiente interno (con la produzione e l'eliminazione di alcune sostanze, ad esempio attraverso l'urina) e dall'ambiente esterno (la relazione tra l'essere vivente e l'ambiente).

L'omeostasi psicologica, d'altra parte, è data dall'equilibrio tra i bisogni e la loro soddisfazione. Quando i bisogni non sono soddisfatti, si verifica uno squilibrio interno. Il soggetto cerca di raggiungere l' equilibrio attraverso comportamenti che gli permettono di soddisfare tali bisogni.

Tuttavia, non possiamo ignorare ciò che è noto come omeostasi cibernetica. Un concetto che viene usato per riferirsi alla capacità di certi sistemi cibernetici di mantenere, in uno stato di equilibrio dinamico o stazionario, una serie di variabili. Ciò li porta a modificare determinati parametri in relazione alla loro struttura interna.

L'origine di questo termine e questa "versione" dell'omeostasi si trovano in particolare nel ventesimo secolo. E nel bel mezzo di ciò avvenne quando il medico inglese William Ross Ashby progettò un dispositivo elettronico noto come omeostato, che si autoregolava attraverso il feedback.

Raccomandato
  • definizione: grande

    grande

    Grande è un termine che deriva dalla parola latina grandis . È un aggettivo che, nel primo significato menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario, si riferisce a ciò che eccede in grandezza, rilevanza, ecc. a ciò che è normale o comune . Supponiamo che, in una certa città , un edificio medio abbia cinque piani o piani. Se u
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu
  • definizione: cassero

    cassero

    Il termine latino castra , che può essere tradotto come "campo" , venne in arabo classico e poi in arabo ispanico prima di apparire nella nostra lingua come fortezza . Secondo il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), una fortezza è una struttura fortificata o la dimora di un principe .
  • definizione: psicologia clinica

    psicologia clinica

    Per capire il significato della psicologia clinica è importante stabilire innanzitutto l'origine etimologica delle due parole che danno forma al termine. Così, la prima parola, psicologia, emana dal greco dove possiamo vedere che è costituita dall'unione di due parti chiaramente delimitate: la psiche , che è sinonimo di "anima", e lodge , che può essere tradotto come "studio di". D&#
  • definizione: torpido

    torpido

    Aletargado è quello o quello che sperimenta un letargo . Questo concetto (letargia), nel frattempo, si riferisce al riposo , alla mancanza di attività , intorpidimento , sonnolenza o intorpidimento . Ad esempio: "La squadra tedesca sembrava letargica, lenta e senza esplosione" , "Il nuovo film del famoso cineasta annoiato a causa del suo ritmo letargico" , "L'attività economica è stata letargica: il governo è preoccupato per il possibile aumento dei licenziamenti" . La
  • definizione: chili

    chili

    Molte volte le confusioni sorgono quando si intende nominare i frutti delle piante che appartengono al genere Capsicum . Secondo la regione, possiamo trovare riferimenti a chili , pepe , peperoncino o morrón : in tutti i casi, l'idea si riferisce allo stesso frutto. Nel caso specifico del termine chili , viene dalla lingua taíno , parlata dai coloni precolombiani nel continente americano.