Definizione chimera

La nozione di chimera trova la sua origine nella parola della Chimera origine latina che, a sua volta, deriva da un termine greco che significa "animale favoloso" . In questo senso, è un mostro che, secondo la favola, ha espulso le fiamme attraverso la sua bocca, la sua testa era quella di un leone, il busto di capra e la coda di drago.

chimera

Nel campo della mitologia greca, Chimera era un mostro terribile e considerato invincibile, poiché espulse il fuoco dalla sua bocca ed era enorme. Era la figlia di Tifone, che a sua volta è il figlio più giovane di Gea, e di Echidna, che simboleggia la vipera nella mitologia. Questo personaggio è rappresentato con una testa di leone, un busto di capra e la coda di un serpente o, in altre occasioni, con un enorme mostro con due teste (una di leone e l'altra di capra).

La leggenda dice che questa bestia vagava per le regioni dell'Asia Minore, generando terrore tra la gente e gli animali divoratori, finché Bellerofonte (l'eroe greco che era figlio di Poseidone) lo affrontò e riuscì a distruggerlo con un pezzo di piombo che mise in la punta della sua lancia. Va notato che Chimera era una madre con Ortro della Sfinge e il Leone di Nemea .

In un altro piano c'è un termine che deriva da questo chiamato chimerismo e che descrive un disordine dell'ordine genetico in cui due ovuli fecondati da uno spermatozoo durante il rapporto sessuale, dopo due o tre settimane, si uniscono e formano un essere con doppio materiale genetico; ma se ciò che accade è che questi zigoti si uniscano e ognuno generi un individuo di sesso diverso, il risultato è una persona pseudo-ermafrodita, con un genotipo corrispondente a ciascuno dei sessi.

Il nuovo essere vivente avrà una doppia informazione genetica completa. È frequente in questa situazione che le cellule abbiano DNA diverso, come se fossero due individui in un singolo corpo. Si dice che gli individui chimerici avrebbero potuto essere in altre circostanze gemelli dizigoti o addirittura gemelli .

In paleontologia, una chimera è un fossile composto da parti di individui di specie diverse che, al momento della scoperta, i ricercatori ritenevano che fossero i resti di una sola.

Chimera è anche membro dell'ordine Chimaeriformes, un gruppo di pesci cartilaginei che hanno una parentela lontana con gli squali, e un mensile mensile di analisi letteraria fondato nel 1980 .

Il termine in letteratura

Il termine chimera è anche usato come sinonimo di qualcosa di fantasioso o utopico . Ad esempio: "Juan sogna di realizzare la chimera di viaggiare per il mondo in bicicletta" . Si riferisce a ciò che potrebbe essere considerato un'utopia, qualcosa di impossibile da ottenere ma che la gente sogna e crede che prima o poi raggiungerà. Il significato di chiamare questi sogni quimeros risiede nel fatto che sono idee che possono esistere solo nella nostra immaginazione termocefálica (di teste calde, sognatori).

Per quanto riguarda la letteratura, il termine è ricorrente in molte opere. Il poeta Luis Cernuda, ad esempio, ha pubblicato un'opera intitolata "Desolación de la chimera", in cui si potrebbe dire che fa il punto su tutto ciò che è scritto e vissuto prima, dove quei sogni giovanili sembrano perdere il loro splendore, dove la tristezza afferra le fantasie e le fa svanire lentamente. In questo lavoro Cernuda può dire addio alla sua giovinezza e abbracciare più saldamente l'angoscia, protagonista della sua poesia negli ultimi anni.

Anche nel realismo magico, la chimera occupa un posto importante, essendo il sinonimo perfetto di speranza quando non ha troppe domande da far valere . È la caratteristica fondamentale di certi personaggi volatili, sognatori, desiderosi di mangiare il mondo e convinti che lo raggiungeranno.

Nella poesia classica il termine è anche usato per riferirsi a quegli amori impossibili, belle donne che non possono mai essere conquistate, vite incredibili che non si avvereranno mai, ecc. Forse in questo uso il termine potrebbe essere correlato all'infanzia, con quei sogni che crescevano nella mente di un bambino e che divennero quasi ossessioni, e che quando raggiungono l'adulto prevalgono, diventando i principali protagonisti della loro esistenza.

Raccomandato
  • definizione: vaguada

    vaguada

    La prima cosa che dobbiamo sottolineare è l'origine etimologica del termine vaguada che ora ci occupa per arrivare prima della scoperta del suo significato. In questo caso, va sottolineato che deriva dal latino, da "vacuus" che può essere tradotto come "vuoto" e che viene, a sua volta, dal verbo "vacare", che è sinonimo di "essere vuoto". È
  • definizione: atto riflesso

    atto riflesso

    Un'azione riflessa è un movimento involontario che una persona fa in risposta a un determinato stimolo. Questi movimenti sono controllati dall'arco riflesso : una serie di strutture che fungono da intermediari tra il recettore sensoriale e l'effettore. È necessario differenziare, quindi, tra l' azione riflessa ( un'azione involontaria e stereotipata) e l'arco riflesso (le strutture che guidano le prestazioni dell'atto riflesso).
  • definizione: privilegio

    privilegio

    Privilegio possiamo dire che è un termine che, etimologicamente parlando, viene dal latino. "Privilegium" è, in particolare, la parola latina da cui emana, ed è formata dalla somma di tre componenti chiari: "privus", che è sinonimo di "privato"; "Legalis", che equivale a "relativo alla legge", e infine il suffisso "-ium", che può essere tradotto come "indicativo di relazione". Il
  • definizione: bicipite

    bicipite

    Il termine bicipite si riferisce, nel suo senso più generale, a qualcosa che ha due estremità o due teste . Il concetto è spesso usato nel campo dell'anatomia per nominare una coppia muscolare che, alla sua estremità superiore, ha due inserti o settori . Il muscolo bicipite brachiale si trova nel braccio, coprendo i muscoli anteriori brachiale e coracobranico. Ne
  • definizione: quintale

    quintale

    Per conoscere il significato del termine quintale, è necessario che, in primo luogo, sappiamo quale sia l'origine etimologica del termine. In questo senso, dobbiamo dire che è un po 'complicato, poiché deriva dall'arabo spagnolo "quintar", che a sua volta emana dalla "qantira" siriana. M
  • definizione: colorante

    colorante

    La tintura è l' atto e la conseguenza della tintura . Il termine, in base al contesto, può essere usato come sinonimo di colorazione o tintura . Ad esempio: "Tra mezz'ora il colorante sarà pronto" , "Mi piace la tintura rossa che hai usato" , "In diversi paesi la tintura ascellare è diventata di moda" . Il