Definizione consumo

Per consumo è noto il risultato del consumo (verbo che viene utilizzato quando si utilizza un bene o un servizio, o quando si cerca un sinonimo di spesa). È possibile, ad esempio, consumare cibo o altri prodotti di breve durata o durata. Ad esempio: "Il consumo eccessivo di sale ha conseguenze negative sulla salute", "Il medico raccomandava il consumo di frutta e verdura per abbassare il livello di colesterolo" .

consumo

Va notato che l'atto del consumo può anche essere riferito a un dispendio energetico : "Questa stufa è a basso consumo, quindi ti assicuro che sarà felice quando riceverai la tua prossima bolletta dell'elettricità", "mi è stata data un'aria condizionata ma consumata un sacco di energia e sto pensando di restituirlo . "

Il consumo, d'altra parte, può essere collegato all'assunzione di droghe : "È molto comune vedere i giovani fumare marijuana in questa piazza, anche quando il loro consumo è punibile dalla legge", "Le autorità devono fare qualcosa per combattere il consumo alcool eccessivo nei bar della città " .

Dal contesto economico, il consumo consiste nella fase finale del ciclo economico poiché si verifica quando il prodotto o il servizio genera un qualche tipo di profitto o utilità per l'individuo (cioè, il consumatore finale). I prodotti possono essere distrutti o trasformati nell'atto di consumo.

Un altro dato da tenere presente è che è possibile distinguere tra consumo privato (il valore degli acquisti di prodotti e appalto di servizi da parte di famiglie e società private) e il consumo pubblico (acquisti e spese statali ).

Il consumo fa parte di un circolo economico: l'essere umano produce per consumare e consumare per continuare a produrre. Il problema risiede, tuttavia, nel fatto che molte persone non producono, ma consumano ; per questo, è necessario che facciamo parte di un sistema che ci normalizza e ci dà un ruolo, che dobbiamo assumere per mantenere il pianeta in funzione. Se coltivassimo frutta e verdura per il nostro cibo e avessimo il compito di trasformare l'energia solare in una risorsa per illuminare e riscaldare le nostre case, saremmo più vicini alla comprensione del concetto di libertà, anche quando continuavamo a guardare la televisione e ad usare i telefoni cellulari.

È noto come consumismo, infine, al consumo non necessario o esagerato, che include l'uso di beni e servizi che non sono essenziali. I consumatori sono spesso vittime di campagne pubblicitarie, che li incoraggiano a comprare attraverso tecniche di manipolazione costantemente studiate e perfezionate per trasmettere la necessità di avere un determinato prodotto, anche quando questo non è vero. È molto difficile stare di fronte al mondo attuale e assicurare dai tetti "Io non sono un consumista", in questa epoca in cui la maggior parte di noi dipende da Internet e dall'infinita lista di dispositivi che ci permettono di navigare nei loro mari di tendenze forzato e tempo libero in pacchetti di byte.

Molte volte il termine consumista è usato come sinonimo di acquirente compulsivo, anche se ci sono alcune differenze, sia nelle ragioni che nelle conseguenze. In linea di principio, alcuni ritengono che l'acquirente compulsivo presenti una patologia mentale e che cerchi di riempire una sorta di "vuoto emotivo" attraverso gli acquisti, mentre il consumismo è uno stile di vita di una persona con un carattere debole, che non è permesso essere se stessa e rifugiarsi nel ruolo che la società gli impone di occupare. È molto probabile che un compratore compulsivo metta a repentaglio la sua economia lasciandosi trasportare dall'esigenza imperativa di acquistare un prodotto che non conosceva prima della transazione e quando l'ha incontrato sarebbe diventato un elemento indispensabile per la sua stessa esistenza. I consumatori, d'altra parte, sono solitamente caratterizzati da lavoro e risparmio per soddisfare i loro gusti. Va notato che, tuttavia, nessuno di essi raggiunge la piena soddisfazione.

Raccomandato
  • definizione popolare: nome comune

    nome comune

    I nomi sono quelle parole che, in una frase, possono fungere da soggetto . Questi sono nomi che si riferiscono ad un essere o ad un oggetto. Comune , d'altra parte, è ciò che è comune o che non è proprietà esclusiva di qualcuno. L'idea del nome comune , quindi, si riferisce ai termini che possono essere usati per nominare qualsiasi membro di una certa classe o specie , senza tener conto delle sue particolarità o specificità. Per c
  • definizione popolare: ciclo cellulare

    ciclo cellulare

    Il ciclo cellulare è l'insieme di fasi sviluppate tra due divisioni cellulari che vengono eseguite consecutivamente. Il processo inizia nel momento in cui una nuova cellula sorge, che discende da un'altra che è stata divisa, e termina quando quella cellula conduce alla successiva divisione e dà origine a un'altra coppia, che sono considerate sue figlie. I
  • definizione popolare: opposizione

    opposizione

    L'opposizione è l' azione e l'effetto di opposizione o opposizione (proponendo una ragione contro ciò che un'altra persona dice, mettendo qualcosa contro un'altra cosa per impedirne l'effetto, mettendo qualcosa di fronte a qualcos'altro, contraddicendo un disegno). Il concetto di opposizione è molto comune nel campo della politica . È
  • definizione popolare: verdure

    verdure

    I legumi sono semi o frutti che crescono in baccelli . Il termine, che deriva dalla parola latina legūmen , è anche usato per indicare il frutto che producono le leguminose . Esistono diversi tipi di verdure: alcune misurano pochi millimetri e altre hanno una dimensione di cinquanta centimetri. Anche le forme sono molto varie.
  • definizione popolare: vegetariano

    vegetariano

    La parola latina végétarien è arrivata alla nostra lingua come vegetariana . È un aggettivo che si riferisce a quello legato al vegetarismo oa uno che è esperto in questa dottrina alimentare. Il vegetarismo consiste nel non mangiare carne di qualsiasi tipo (mucca, maiale, pollo, pesce, ecc.): Quindi, limita il cibo agli alimenti di origine vegetale. Gli
  • definizione popolare: cruenta

    cruenta

    L' aggettivo insanguinato , che deriva dalla parola latina cruentus , è usato per descrivere ciò che è sanguinante o feroce . Ad esempio: "Questa sanguinosa guerra ha già causato migliaia di vittime" , "Un sanguinoso scontro tra la polizia e una banda di criminali si è concluso con tre morti e cinque feriti" , "I narcos sono immersi in una sanguinosa battaglia per il dominio territoriale della zona " . Una