Definizione coevo

Coetaneo, dal latino coaetano, è un aggettivo che permette di nominare due cose o esseri viventi della stessa età o contemporanei . Ad esempio: "Entrambi i pensatori erano contemporanei ma vivevano a migliaia di chilometri di distanza", "Juan è un contemporaneo di Mariano, ma sembra molto più vecchio", "I ricercatori credono che i fossili trovati siano coevi" .

coevo

Si può capire che le cose che sono contemporanee condividono la condizione di avere la stessa età o coincidere nello stesso tempo . Due uomini che hanno 43 anni con compagni poiché entrambi hanno identica età. D'altra parte, un gruppo di animali estinti milioni di anni fa ma vissuti nella stessa epoca storica, possono essere considerati contemporanei.

Gli individui contemporanei formano quella che è conosciuta come la fascia di età . Tenendo conto della differenza fatta sopra (sulla condivisione dell'età o dell'età), è possibile distinguere tra una generazione (persone che condividono un'età) e tra individui che sono contemporanei (condividono un tempo).

Tutti gli uomini e le donne che sono nati nel 1982 fanno parte della stessa generazione. In alcuni casi, i sociologi chiamano le generazioni in base a determinate caratteristiche comuni rilevate nelle persone (come Generation X ). Va notato, tuttavia, che la nozione di generazione è generalmente più ampia della limitazione alle persone nate nello stesso anno.

Wolfgang Amadeus Mozart ( 1756 - 1791 ) e Ludwig van Beethoven ( 1770 - 1827 ), per parte loro, non condividevano l'età ( Beethoven nacque quattordici anni dopo Mozart ), ma erano contemporanei (anche se Beethoven morì trentasei anni dopo Mozart ).

Grandi scrittori contemporanei

Prendendo il significato di contemporaneo che permette di nominare due o più esseri che hanno vissuto nello stesso tempo, vediamo alcuni dei più grandi scrittori del primo Ottocento.

coevo Charles Dickens

Nato a Portsmouth nel 1812, visse i suoi primi anni a Londra e nel Kent, siti le cui descrizioni sono molto frequenti nel suo lavoro. Durante la sua infanzia fu costretto a lasciare i suoi studi per iniziare il lavoro, a causa della detenzione di suo padre. Nel suo romanzo semi-autobiografico " David Copperfield ", pubblicato nel 1850, Dickens condivide i suoi sentimenti riguardo alla sua formazione come scrittore autodidatta. Tra le sue opere più importanti ricordiamo " Storia di due città ", " A Christmas Carol ", " Great hope " e " Oliver Twist ".

Edgar Allan Poe

Edgar Allan Poe è nato nel 1809 a Boston, negli Stati Uniti. È considerato uno dei maestri indiscussi del racconto mondiale e un pioniere in questo campo tra i suoi concittadini. Oltre alla narrativa e alla poesia, ha lavorato come giornalista e critico. Alcuni dei suoi lavori più importanti sono " El Cuervo ", " La caduta della casa di Usher ", " Il gatto nero ", " I crimini di Morgue street ".

Hans Christian Andersen

Questo scrittore danese, nato nel 1805, è uno dei più famosi scrittori di storie per bambini della storia . Ha più di 150 opere nella sua paternità, molte delle quali sono una parte inamovibile della letteratura del più giovane, e rimangono nella sua memoria per tutta la sua vita. Alcuni di loro sono l'inconfondibile " The Snow Queen ", " The Ugly Duckling ", " The Red Shoes " e " The Emperor's New Clothes ".

Mark Twain

Mark Twain è nato negli Stati Uniti nel 1835 ed era noto non solo come scrittore, ma anche come comico e oratore. Era un personaggio molto carismatico, che sapeva come ottenere la simpatia di grandi personaggi del mondo dell'arte, della politica e della regalità, e fu elogiato per il suo particolare spirito. Le sue opere sono conosciute da chiunque abbia avuto un approccio minimo alla letteratura; tra questi troviamo " Il principe e il mendicante ", " Le avventure di Tom Sawyer " e " Le avventure di Huckleberry Finn ".

Raccomandato
  • definizione popolare: memoria

    memoria

    La memoria (parola che deriva dalla memoria latina) è una facoltà che consente all'essere umano di conservare e ricordare eventi passati . La parola ci permette anche di nominare la memoria che viene fatta o la notifica che viene data di qualcosa che è già accaduto, e l'esposizione di fatti, dati o motivazioni che si riferiscono a un problema specifico. D&
  • definizione popolare: limiti matematici

    limiti matematici

    Il termine che stiamo per analizzare ora è interessante per sottolineare che è formato dall'unione di due parole che hanno la loro origine etimologica nelle lingue antiche. Quindi, i limiti vengono dalla parola latina limes , che è il genitivo di limitis che può essere tradotto come bordo o bordo di qualcosa. Da
  • definizione popolare: sintonizzare

    sintonizzare

    L'accordatura è la caratteristica di ciò che è sintonico (cioè sintonizzato ). L'azione di sintonia , d'altra parte, si riferisce all'adattamento di una frequenza o all'armonizzazione o coincidenza di un'idea con un'altra. L' uguaglianza che viene registrata tra un dispositivo che emette un segnale e un'apparecchiatura che lo riceve viene chiamata tuning. In
  • definizione popolare: attrito

    attrito

    La prima cosa che deve essere fatta prima di entrare pienamente nella definizione del significato del termine attrito è determinare la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo dire che deriva dal latino, in particolare da "ruptiare", che a sua volta deriva dal verbo "rumpere", che può essere tradotto "come fare pezzi" o "spezzare".
  • definizione popolare: fondamentalismo

    fondamentalismo

    Il concetto di fondamentalismo viene dal fondamentalismo inglese. La nozione, nel suo senso più ampio, si riferisce al fanatismo con una pratica o una dottrina , con un atteggiamento intransigente nei confronti di coloro che non condividono la convinzione o la convinzione. In generale, il fondamentalismo è associato a un movimento religioso basato sull'interpretazione letterale di un testo fondamentale o sacro .
  • definizione popolare: ritenzione

    ritenzione

    La ritenzione , dal retentio latino, è l' azione e l'effetto di trattenere (mantenere qualcosa, impedendogli di muoversi o di uscire, interrompendo il suo corso normale). In biologia , la nozione di conservazione si riferisce alla difficoltà fisiologica di eliminare i liquidi dall'organismo .