Definizione modello

L'etimologia del modello ci porta alla parola italiana macchietta . Il primo significato del termine menzionato dalla Royal Spanish Academy ( RAE ) nel suo dizionario allude al modello che rappresenta un edificio, un veicolo, un oggetto o una città su scala ridotta .

modello

È, quindi, un montaggio che mira a mostrare il volume, la funzionalità o le proprietà in generale di ciò che simboleggia. Molte volte il modello costituisce il passaggio precedente all'avvio di un'innovazione o di uno sviluppo.

I modelli possono avere molteplici scopi. Di solito sono creati per mostrare, su piccola scala, cosa si intende fare nel mondo reale. Con un modello di costruzione, per citare un caso, si facilita la visualizzazione delle qualità che il lavoro avrà una volta completato.

I modelli giocosi, nel frattempo, sono un hobby . Il designer (il soggetto che crea i modelli) lo trova divertente per creare questi oggetti, mentre ci sono persone che amano raccoglierli.

La fabbricazione di un modello richiede pazienza, pulizia e buone capacità motorie. È anche consigliabile avere determinate abilità per l'assemblaggio e la decorazione dei pezzi .

Nel campo della musica, una demo è una registrazione sviluppata come test. Conosciuto in inglese come demo, questo tipo di modello mira a mostrare o diffondere il talento dell'artista basandosi su uno o più temi.

Il modello, infine, è il modello di un libro che verrà pubblicato a breve. Questo modello viene utilizzato come supporto per la definizione delle caratteristiche dell'opera in questione.

Raccomandato
  • definizione popolare: invenzione

    invenzione

    Dall'inventum latino, il termine invenzione si riferisce alla cosa inventata o all'azione e all'effetto dell'invenzione (trovare o scoprire qualcosa di nuovo o sconosciuto). La persona che dedica il proprio tempo a queste scoperte è conosciuta come inventore. Le invenzioni possono essere basate su idee precedenti o oggetti esistenti.
  • definizione popolare: rabbia

    rabbia

    Il concetto di rabbia può essere usato con riferimento a rabbia , alterazione o rabbia . Ad esempio: "Prendere in giro il giovane ha scatenato la rabbia del vecchio, che ha iniziato a urlare e insultarlo" , "Nel vedere la sua auto distrutta, l'uomo si è infuriato" , "Il cantante ha scatenato la rabbia su un giornalista che gli ha fatto una domanda sul suo divorzio .
  • definizione popolare: nuvoloso

    nuvoloso

    Turbio è un concetto che deriva dalla parola latina turbĭdus . È un aggettivo che può essere usato per descrivere qualcosa che non esibisce trasparenza, purezza o chiarezza . Ad esempio: "Meglio non bere l'acqua dal rubinetto: diventa torbida" , "Sono stato gettato un liquido torbido da quella finestra" , "Penso che mio cugino sia coinvolto in un torbido affare" . Il
  • definizione popolare: classico

    classico

    Il termine latino classĭcus venne in castigliano come un classico , un aggettivo che ha significati diversi. Il primo significato menzionato dal dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) allude al periodo temporaneo in cui un popolo, una cultura o un'espressione artistica raggiungono il massimo grado di sviluppo .
  • definizione popolare: cattolico

    cattolico

    Il termine greco katholikós , che arrivò al tardo latino come catholĭcus e poi a castigliano come cattolico , può essere tradotto come "universale" . Questo aggettivo , che allude a ciò che è comune o comprende tutto , è stato usato dalla Chiesa di Roma per riferirsi a se stesso. Ecco perché la nozione di cattolico è usata con riferimento alla religione cristiana che ha come leader il Papa di Roma . I crist
  • definizione popolare: faccia

    faccia

    Il concetto di volto è usato con riferimento alla parte anteriore della testa di un essere umano e di alcuni animali. La faccia, quindi, si estende dal mento alla fronte. Ad esempio: "Il criminale che ha aggredito la banca ha nascosto il viso con un fazzoletto" , "Mio nipote si è bruciato la faccia con una candela" , "Chi è quella giovane donna? L