Definizione routine

Dalla routine francese, una routine è un'abitudine o un'abitudine acquisita ripetendo lo stesso compito o attività molte volte. La routine implica una pratica che, nel tempo, si sviluppa quasi automaticamente, senza la necessità di implicare un ragionamento.

routine

Ad esempio: "Non voglio lavorare in un ufficio : odio la routine", "Per mia madre, la routine le dona sicurezza e tranquillità", "La verità è che sono annoiato dalla routine", "Passeremo il fine settimana la spiaggia per rompere con la routine e recuperare la passione " .

La vita di tutti i giorni è solitamente fatta di routine, specialmente in relazione al posto di lavoro; alzarsi alle 7 di mattina, prendere una tazza di caffè, viaggiare in treno e avere un altro caffè in ufficio è una routine condivisa da milioni di persone.

La routine è solitamente associata al noioso o noioso, motivo per cui le vacanze appaiono come il momento scelto per abbandonare la routine e intraprendere attività che, a causa degli obblighi lavorativi o accademici del resto dell'anno, non possono essere eseguite.

D'altra parte, va notato che la routine è un meccanismo che fornisce sicurezza (riduce al minimo gli eventi imprevisti) e consente di risparmiare tempo (evitando attività insolite). Certo, se lo porti all'estremo, questo ha un prezzo; Non è una coincidenza che il più alto tasso di depressione, stress e suicidio avvenga nelle città, l'obiettivo indiscusso della sfortunata razza di topi .

Sebbene sia un nome che denota un certo disprezzo per una specie animale (come è usanza dell'essere umano) l'espressione " razza di ratti" si riferisce a un'attività sfrenata che non ha un chiaro obiettivo, a quel costante movimento di vita in le grandi città, che tengono gli abitanti sempre occupati e ansiosi di credere che non saranno in grado di adempiere a tutti i loro obblighi, e senza abbastanza tempo libero per fermarsi a riflettere sulle loro vite e sui loro obiettivi.

Il concetto nel calcolo

routine Una routine (nota anche come funzione o subroutine, tra gli altri nomi) è una sequenza invariabile di istruzioni che fa parte di un programma e può essere utilizzata più e più volte. In questo senso, la routine viene presentata come un subalgoritmo all'interno dell'algoritmo principale (il programma), che consente la risoluzione di un compito specifico.

A seconda del tipo di linguaggio, le routine offrono un numero variabile di possibilità, che inevitabilmente influenzano la logica utilizzata dagli sviluppatori durante la loro creazione. Due esempi comuni di funzionalità che non sono disponibili in tutti i casi sono il tipo inline e riferimenti come parametri .

Il primo si riferisce a un tipo di funzione che ordina al compilatore di inserire il suo codice in tutti i siti da cui è chiamato, espandendo così la lunghezza di dette sezioni in fase di esecuzione, ma garantendo, a sua volta, una maggiore conforto durante il processo di programmazione. È importante notare che una funzione in linea è diversa da una macro, sia in termini di età che di prestazioni, la prima essendo più moderna e flessibile rispetto alla seconda.

Le funzioni possono o non possono accettare parametri, cioè valori su cui lavorare; Questi di solito non sono casuali, ma corrispondono ai dati del programma stesso, come la posizione di un oggetto o di uno stato che si desidera passare. Questa informazione, tuttavia, è solo una copia dell'originale, usata semplicemente come guida; I linguaggi che accettano l'uso di riferimenti come parametri, d'altra parte, danno la possibilità di influenzare le variabili esterne, che è molto utile, purché non siano oggetti molto pesanti.

Raccomandato
  • definizione: biodegradabile

    biodegradabile

    Per comprendere appieno il termine biodegradabile, la prima cosa da fare è conoscere la sua origine etimologica. In questo caso, possiamo stabilire che è una parola formata dalla somma di più componenti: -Il nome greco "bios", che può essere tradotto come "vita". -Il prefisso latino "de-", che viene utilizzato per indicare la distanza o la direzione. -I
  • definizione: aquila

    aquila

    La parola latina qui è venuta allo spagnolo come un'aquila . Sebbene il concetto abbia diversi usi, il più comune è legato all'uccello predatore appartenente alla famiglia degli accipitridi . Le aquile sono caratterizzate dalla velocità che raggiungono quando volano, i loro muscoli di grande forza e visione eccellente. Ha
  • definizione: ope

    ope

    Il termine opa può essere compreso in modi diversi a seconda del contesto. In alcuni paesi sudamericani, il concetto è usato per indicare un individuo che manca di intelligenza o che ha difficoltà a comprendere le cose . Ad esempio: "Juan è un opa, non voglio passare le vacanze con lui" , "Sei opa o non mi senti? Ti
  • definizione: anaerobio

    anaerobio

    Dobbiamo prima di tutto stabilire che l'anaerobico è un neologismo che è stato modellato nella seconda metà del diciannovesimo secolo nel mondo della microbiologia e della biochimica. È il risultato della somma di tre componenti chiaramente differenziate: -Il prefisso "an-", che viene utilizzato per indicare la negazione. -I
  • definizione: Vianda

    Vianda

    Prima di addentrarci pienamente nella definizione del significato del termine via, dobbiamo conoscere la sua origine etimologica. In questo senso, possiamo sottolineare che deriva dal francese, più precisamente da "viande", che può essere tradotto come "cibo e sostentamento". Tuttavia, non possiamo ignorare che questo termine a sua volta deriva dal latino volgare, da "vivanda", che emanava dal verbo "vivere" ("vivere").
  • definizione: umidità

    umidità

    La parola umidità , con la sua origine nella parola latina humidĭtas , permette di evidenziare la condizione di umidità (cioè, fa parte della natura dell'acqua o che mostra di essere impregnata con esso o un altro liquido). L'umidità, quindi, può far menzione dell'acqua che si è attaccata a un oggetto o che è vaporizzata e combinata con l' aria . Ad ese