Definizione sfruttamento

Si chiama vantaggio per l' atto e il risultato di sfruttare o sfruttare . Questo verbo (per trarre vantaggio da) si riferisce all'uso utile di qualcosa, ottenendo tutto il possibile dalla sua performance.

uso

Ad esempio: "L'uso delle risorse naturali è essenziale per la crescita della città", "Per migliorare lo stato dell'ambiente, dobbiamo promuovere l'uso dei rifiuti, riutilizzarli", "Prestare attenzione: l'uso di questo corso Può aiutarti a trovare un lavoro . "

L'uso è legato al vantaggio : cioè, per ottenere qualcosa che sia proficuo, benefico o fruttuoso. Se consideriamo il caso dell'uso del suolo, per citare una possibilità, la nozione è legata allo sfruttamento della terra per ottenere cibo o qualcos'altro che sia utile. Un campo in cui non vengono piantate colture o gli animali sono sprecati: l'uso del terreno potrebbe essere ottenuto piantando soia, pomodori o mais, o permettendo ai bovini di pascolare.

In alcuni contesti, l'idea di sfruttamento ha una connotazione negativa, poiché è associata a ottenere il beneficio di una persona, un animale o qualcosa attraverso l'abuso o l'inganno: "Non posso tollerare l'uso di bambini innocenti", "L'uso degli anziani è qualcosa che mi fa arrabbiare", "La gente ha condannato l'uso fatto dalla compagnia dei coloni più umili" .

Tornando all'esempio del campo inutilizzato, è possibile dire che allevare animali per sfruttarli è approfittarne: ciò che milioni di persone considerano un uso necessario delle risorse fornite dalla natura, altri lo considerano un vantaggio per gli esseri innocenti che sono ridotti a oggetti e trattati come schiavi in ​​un modo assolutamente ingiusto.

Il termine " vantaggio" sembra avere nei suoi geni questa dualità tra il giusto, l'ingiusto, il necessario e il capriccioso, una linea sottile che rende molto difficile valutare un'azione e sapere se è "approfittare" o "approfittare di". Forse la ragione di questa ambiguità è dovuta alla difficoltà che sorge anche quando si tratta di distinguere un diritto da un privilegio.

Per le persone atee, non esiste un disegno divino che ci permetta di fare uso della natura per soddisfare i nostri bisogni ; Tuttavia, anche se non esiste un'entità divina che ci dia il resto della specie per sfruttarli e consumarli, l'orgoglio dell'essere umano arriva alla stessa conclusione: abbiamo il diritto di farlo, perché siamo superiori.

Partendo da questa premessa, diciamo che catturare e racchiudere un animale, sollevarlo isolato dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia, impedirgli di muoversi liberamente e adempiere alle sue vere funzioni, ucciderlo e smembrarlo fa parte del nostro diritto di sfruttare le risorse della natura ; Dal punto di vista della nostra vittima, dei suoi genitori, fratelli e amici, sicuramente è almeno un atto di sfruttamento.

In Spagna, infine, lo sviluppo urbano è un concetto legale che è legato a subordinare la proprietà della terra a uno scopo sociale e la partecipazione delle persone ai guadagni di capitale prodotti dall'urbanizzazione di uno spazio pubblico.

Questo concetto è anche noto come diritto allo sviluppo urbano e può essere definito come la quantificazione del diritto di costruire facendo costruire l'edificio stesso, la traduzione dell'espressione latina ius aedificandi, che ha le sue radici nella legge romana. È importante sottolineare che questo non deve essere confuso con il diritto di superficie, poiché questo è l'unico di entrambi che contempla l'immediata costruzione sul terreno, mentre il primo è un semplice strumento della tecnica urbanistica di equa distribuzione di carichi e benefici .

Raccomandato
  • definizione popolare: duttilità

    duttilità

    La duttilità è la qualità della duttile . Questo aggettivo può riferirsi a qualcosa di accomodante , condiscendente, facilmente deformabile, che ammette grandi deformazioni meccaniche o che meccanicamente può essere esteso con fili o fili. È noto come duttilità alla proprietà di quei materiali che, sotto l'azione di una forza , possono deformarsi senza rompersi. Questi
  • definizione popolare: modifica

    modifica

    Dal latino modificatĭo , la modifica è l' azione e l'effetto della modifica . Questo verbo , la cui origine etimologica ci rimanda al modificarsi latino, si riferisce a cambiare o trasformare qualcosa , dando un nuovo modo di esistenza a una sostanza materiale o limitando qualcosa a un certo stato in un modo che lo distingue da altre cose.
  • definizione popolare: sole

    sole

    Il Sole , quella fonte di luce ed energia che splende in alto nel cielo, ci dona calore e abbronza la nostra pelle, ha la particolarità di essere la stella luminosa più vicina alla Terra . È stato formato, secondo gli esperti, circa 4, 5 miliardi di anni fa e si distingue come asse centrale del nostro sistema planetario, poiché la Terra e altri corpi celesti orbitano attorno ad esso. L&
  • definizione popolare: orologio biologico

    orologio biologico

    Un orologio è un dispositivo che ti consente di misurare il tempo . Biologico , d'altra parte, è ciò che è legato alla biologia (la scienza che studia le caratteristiche e le proprietà degli organismi viventi). L'orologio biologico è chiamato meccanismo interno di un essere vivente che ti permette di avere un orientamento temporaneo . Non
  • definizione popolare: crittografia

    crittografia

    L'aggettivo cifra si riferisce a quello la cui scrittura è sviluppata con figure : cioè, con segni che sono usati per la rappresentazione di numeri o che possono essere capiti solo quando la chiave corrispondente è nota. La crittografia è un metodo comune in crittografia (la tecnica di scrivere messaggi di codice ). Ci
  • definizione popolare: recensione storica

    recensione storica

    La narrazione breve e compiacente che fa un esame di un lavoro scientifico o artistico è chiamata recensione . Queste note riassumono e descrivono le principali caratteristiche di qualcosa, consentendo al lettore di espandere la propria conoscenza al riguardo. Il termine recensione ha la sua origine etimologica in latino.