Definizione sfruttamento

Si chiama vantaggio per l' atto e il risultato di sfruttare o sfruttare . Questo verbo (per trarre vantaggio da) si riferisce all'uso utile di qualcosa, ottenendo tutto il possibile dalla sua performance.

uso

Ad esempio: "L'uso delle risorse naturali è essenziale per la crescita della città", "Per migliorare lo stato dell'ambiente, dobbiamo promuovere l'uso dei rifiuti, riutilizzarli", "Prestare attenzione: l'uso di questo corso Può aiutarti a trovare un lavoro . "

L'uso è legato al vantaggio : cioè, per ottenere qualcosa che sia proficuo, benefico o fruttuoso. Se consideriamo il caso dell'uso del suolo, per citare una possibilità, la nozione è legata allo sfruttamento della terra per ottenere cibo o qualcos'altro che sia utile. Un campo in cui non vengono piantate colture o gli animali sono sprecati: l'uso del terreno potrebbe essere ottenuto piantando soia, pomodori o mais, o permettendo ai bovini di pascolare.

In alcuni contesti, l'idea di sfruttamento ha una connotazione negativa, poiché è associata a ottenere il beneficio di una persona, un animale o qualcosa attraverso l'abuso o l'inganno: "Non posso tollerare l'uso di bambini innocenti", "L'uso degli anziani è qualcosa che mi fa arrabbiare", "La gente ha condannato l'uso fatto dalla compagnia dei coloni più umili" .

Tornando all'esempio del campo inutilizzato, è possibile dire che allevare animali per sfruttarli è approfittarne: ciò che milioni di persone considerano un uso necessario delle risorse fornite dalla natura, altri lo considerano un vantaggio per gli esseri innocenti che sono ridotti a oggetti e trattati come schiavi in ​​un modo assolutamente ingiusto.

Il termine " vantaggio" sembra avere nei suoi geni questa dualità tra il giusto, l'ingiusto, il necessario e il capriccioso, una linea sottile che rende molto difficile valutare un'azione e sapere se è "approfittare" o "approfittare di". Forse la ragione di questa ambiguità è dovuta alla difficoltà che sorge anche quando si tratta di distinguere un diritto da un privilegio.

Per le persone atee, non esiste un disegno divino che ci permetta di fare uso della natura per soddisfare i nostri bisogni ; Tuttavia, anche se non esiste un'entità divina che ci dia il resto della specie per sfruttarli e consumarli, l'orgoglio dell'essere umano arriva alla stessa conclusione: abbiamo il diritto di farlo, perché siamo superiori.

Partendo da questa premessa, diciamo che catturare e racchiudere un animale, sollevarlo isolato dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia, impedirgli di muoversi liberamente e adempiere alle sue vere funzioni, ucciderlo e smembrarlo fa parte del nostro diritto di sfruttare le risorse della natura ; Dal punto di vista della nostra vittima, dei suoi genitori, fratelli e amici, sicuramente è almeno un atto di sfruttamento.

In Spagna, infine, lo sviluppo urbano è un concetto legale che è legato a subordinare la proprietà della terra a uno scopo sociale e la partecipazione delle persone ai guadagni di capitale prodotti dall'urbanizzazione di uno spazio pubblico.

Questo concetto è anche noto come diritto allo sviluppo urbano e può essere definito come la quantificazione del diritto di costruire facendo costruire l'edificio stesso, la traduzione dell'espressione latina ius aedificandi, che ha le sue radici nella legge romana. È importante sottolineare che questo non deve essere confuso con il diritto di superficie, poiché questo è l'unico di entrambi che contempla l'immediata costruzione sul terreno, mentre il primo è un semplice strumento della tecnica urbanistica di equa distribuzione di carichi e benefici .

Raccomandato
  • definizione: infrarosso

    infrarosso

    L'infrarosso è un aggettivo usato nel campo della fisica . Il termine si riferisce alla radiazione elettromagnetica la cui lunghezza d'onda è maggiore del rosso (il colore che appare in primo luogo all'interno dello spettro luminoso). Va ricordato che la radiazione elettromagnetica combina campi elettrici e campi magnetici che oscillano e si propagano trasferendo energia .
  • definizione: dimenticanza

    dimenticanza

    L'oblio è la cessazione della memoria che è stata fatta. È un'azione involontaria che suppone di smettere di conservare nella mente le informazioni che erano già state acquisite. In generale, l'oblio è solitamente associato alla mancanza di attenzione o concentrazione e la gravità delle sue conseguenze è molto variabile: non è lo stesso perdere un appuntamento personale piuttosto che dimenticare di chiudere la porta di un edificio con una chiave durante notte. In que
  • definizione: eparina

    eparina

    L'eparina è un polisaccaride che agisce come un anticoagulante , impedendo ai trombi di comparire nei vasi sanguigni. La radice etimologica del termine si trova nella parola greca hêpar , che è tradotto come "fegato" . Va ricordato che i polisaccaridi sono carboidrati (chiamati anche carboidrati o carboidrati ) composti da una vasta catena di monosaccaridi. U
  • definizione: basso

    basso

    Se si cerca per il basso termine nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), troverete più di cinquanta definizioni del concetto. Con origine nella parola latina bassus , il primo significato menzionato si riferisce a quello di bassa altezza . Ad esempio: "Penso che quel ragazzo sia troppo basso per giocare come un perno: non potrebbe riuscire nella pallacanestro professionale in quella posizione" , "Voglio comprare un armadio basso da posizionare nella tromba delle scale" , "Questo è il frutto di un cespuglio basso, che non raggiunge il metro di altezza "
  • definizione: fine

    fine

    La nozione di estremo viene dalla parola latina extrēmus . Il termine permette di riferirsi a una cosa che è nel suo grado più intenso o elevato . Ad esempio: "Abbiamo dovuto sopportare temperature estreme in cima alla montagna " , "La violenza estrema ha conquistato la società" . In
  • definizione: cowboy

    cowboy

    La prima definizione di cowboy che appare nel dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ) si riferisce a ciò che è legato ai pastori dedicati al bestiame . Un cowboy, in questo senso, è colui che si prende cura e guida le mucche. Ad esempio: "Mio nonno, in gioventù, era un cowboy, ma poi è emigrato in città" , "Abbiamo incrociato quattro cowboy da quando abbiamo lasciato la città" , "I Cowboys possono camminare per ore" . In og