Definizione telecinesi

La prima cosa che faremo per essere in grado di svelare il significato del termine che ora ci occupa è determinare la sua origine etimologica. In questo senso, dobbiamo dire che deriva dal greco, poiché è il risultato della somma di due componenti di quel linguaggio: "tele", che può essere tradotto come "lontano" e "kinesis", che è sinonimo di "movimento".

telecinesi

La telecinesi si riferisce al fenomeno degli oggetti in movimento con il potere della mente ; cioè senza toccarli e senza fare appello a una causa fisica. Poiché la scienza non ha mai dimostrato che questo fenomeno possa verificarsi, la telecinesi viene solitamente trattata nel contesto del paranormale e delle pseudoscienze .

Coloro che affermano che la telecinesi esiste, sostengono che una persona può fare uso del suo apparato psichico per influenzare il mondo fisico . È possibile, secondo questa posizione, che il cervello generi un'energia capace di muovere oggetti. Alcuni addirittura attribuiscono la telecinesi alla presunta energia che i morti possono generare attraverso i loro spiriti, fantasmi o altre entità.

In senso più ampio, la psicocinesi è chiamata la capacità mentale che consente di generare un'influenza sulla materia senza la presenza di un motivo meccanico. La telecinesi, citata anche come telecinesi, fa parte di queste abilità mai dimostrate a livello scientifico.

La telecinesi di solito appare nei libri e nei film. Uno dei personaggi più famosi con poteri telecinetici è Carrie White, il protagonista del primo romanzo scritto dall'americano Stephen King . La telecinesi potrebbe essere usata anche dalla piccola Matilda Wormwood, un personaggio creato da Roald Dahl in un libro pubblicato nel 1988 . Entrambe le opere hanno avuto adattamenti cinematografici di successo.

Quelle citate non sono le uniche figure di finzione che sono state caratterizzate dall'avere quel potere di telecinesi. Così, per esempio, c'è Prue Halliwell, che è una delle tre sorelle protagoniste della serie televisiva "Charmed". Shannen Doherty è stato responsabile di dare vita alla primogenita di tre sorelle strega, ognuna delle quali aveva un potere specifico. Il suo era proprio quello di spostare le cose con il potere della sua mente, con gesti delle sue mani o direttamente con un semplice sguardo.

Proprio in quella iconica serie televisiva si parla anche di ciò che è noto come la telecinesi orbitale. Sotto un termine così singolare si stabilisce il potere di una quarta sorella che appare sulla scena, Paige Matthews (Rose McGowan). Concretamente consiste nel fatto che può muovere oggetti con la mente e, allo stesso tempo, trasportarli in un altro luogo attraverso l'azione di orbita.

Tra le persone della vita reale che affermano di avere capacità telecinetiche è Uri Geller, un mentalista israeliano che afferma di essere in grado di piegare i cucchiai con la sua mente nonostante il fatto che molti lo accusino di essere un truffatore. In Spagna, questo mentalista o illusionista ha ottenuto un grande successo nel decennio degli anni '70 come risultato delle sue dimostrazioni con la telecinesi nel programma televisivo "Directísimo", presentato da José María Íñigo.

Raccomandato
  • definizione: diritto

    diritto

    La parola latina inversus derivava dagli invenuti francesi, che arrivavano alla nostra lingua come un dritto . Questo termine è usato soprattutto con riferimento a medaglie, gettoni e monete per nominare la faccia o il lato più rilevanti per il disegno che portano . Il dritto è solitamente il volto che esibisce il volto di una personalità, un monumento storico, la rappresentazione di un evento trascendentale o un'allegoria . Il
  • definizione: tatuaggio

    tatuaggio

    Il tatuaggio ha la sua origine etimologica nella parola francese tatouage . Il concetto si riferisce all'atto e al risultato del tatuaggio : lasciando inciso un disegno o un segno sulla pelle attraverso l'uso di determinati aghi o punzoni con inchiostro. Ad esempio: "Quando ero un bambino volevo tatuarmi un braccio, ma non mi sono mai sentito così" , "Juan ha un tatuaggio da Superman sul petto" , "Il criminale è stato riconosciuto dai tatuaggi sul suo volto" .
  • definizione: probabile

    probabile

    Verosimil è ciò che ha l' aspetto del vero , che è credibile per l'osservatore. Ciò non implica che sia una situazione reale, ma che sia trasmessa in un contesto specifico, rispettando una serie di regole e mantenendo un livello accettabile di coerenza tra i diversi elementi che la costituiscono. Ad
  • definizione: punto e seguito

    punto e seguito

    Tra i molteplici significati del termine punto , appare il suo uso come segno di scrittura. In questo caso, i punti sono essenziali per sviluppare il punteggio di un testo. I punti permettono di indicare la fine di una dichiarazione o di fare un'abbreviazione . In alcune nazioni, vengono anche usati per distinguere tra l'intera parte e gli elementi frazionari di un numero (nello stesso modo in cui, in altri paesi , viene utilizzata la virgola )
  • definizione: inattivo

    inattivo

    L' aggettivo inattivo è usato per descrivere quello o quello che manca di attività . L'idea di attività, a sua volta, allude al movimento o all'azione. Ad esempio: "A causa del grave infortunio che ha dovuto subire questa mattina, il giocatore argentino sarebbe inattivo per quattro mesi" , "L'ufficio governativo ha riferito che, a causa di attività di manutenzione dei suoi server, il suo sito web rimarrà inattivo fino a quando Martedì prossimo " , " La società era inattiva da diversi anni fino all'arrivo di un gruppo di investimento e la sua messa in
  • definizione: principale

    principale

    Il principale , con origine nella parola latina principālis , è quello o che gode del primo posto per importanza o stima . La cosa principale, quindi, viene prima ed è preferibile ad altre opzioni. Ad esempio: "La cosa principale in questo momento è pagare il debito per evitare l'asta" , "La mia preoccupazione principale è la salute, il resto è secondario" , "Marcelo López è il candidato principale per avere successo con l'allenatore licenziato" . A caus