Definizione atto di commercio

Per facilitare la comprensione dell'atto del commercio, è necessario rivedere alcuni concetti. In linea di principio, la nozione di atto può riferirsi a un'azione o a una celebrazione. Il commercio, d'altra parte, è legato all'attività che le persone svolgono per ottenere determinati beni che non possono produrre da soli; per questo è necessario interagire con i rispettivi produttori e raggiungere un accordo (scambio di merci con denaro).

Atto commerciale

Infine, un operatore commerciale è una persona che ha la capacità di agire da mediatore tra diversi produttori ; quella mediazione è la sua professione e assume in essa la responsabilità generata dalla relazione con ciascuno dei suoi clienti . In questa attività, il commerciante riceve un certo profitto.

Detto questo possiamo definire come un atto di commercio, qualcosa che appartiene al campo legale che si riferisce all'acquisizione che viene fatta, attraverso la realizzazione di un pagamento, un prodotto o diritti su di esso, con l'obiettivo di ottenere un profitto successivo. Questo guadagno può derivare dallo stesso stato che il prodotto aveva al momento dell'acquisto o da una trasformazione che ne modificava il valore.

L'uso legale del concetto di atto di commercio è applicato alle cose mobili, cioè quelle che possono essere mobilitate senza che la loro struttura cambi; la sua controparte, gli edifici, sono edifici o terreni.

L'atto del commercio, in breve, è l' atto giuridico che distingue tra casi che rientrano nel campo di applicazione del diritto commerciale e quelli del ramo civile, ma vi sono atti misti (con un doppio carattere ).

La regolamentazione degli atti commerciali dipende dalle normative vigenti in ciascun paese . Queste regole sono responsabili della determinazione della portata, della capacità e della competenza di tali atti, secondo le procedure che ad essi corrispondono.

Diversi eventi commerciali

È possibile stabilire molte classificazioni all'interno delle attività commerciali, sono basate su vari criteri, che possono essere:

* Pubblico o privato : se si prendono in considerazione le persone coinvolte nell'atto. Se è effettuato avendo un controllo diretto dello Stato, sarà pubblico; in caso contrario, sarà privato, il che non significa che lo Stato non veglierà i diritti di ciascuna delle parti, ma che non è interessato a tale operazione;

* Fluviale, terrestre, marittimo o aereo : secondo i mezzi che il commerciante utilizza per trasportare il prodotto e il tipo di comunicazione esistente tra le parti;

* All'ingrosso o al dettaglio : a seconda del volume del prodotto. Ad esempio: il commerciante che ha un'azienda alimentare acquista in grandi quantità da un fornitore (all'ingrosso) e poi vende in piccole quantità a privati ​​(al dettaglio);

* Contanti o credito : se viene presa in considerazione la forma di pagamento con cui viene effettuato lo scambio. Se l'acquirente paga con denaro o assegno, si dice che paga in contanti (il pagamento viene effettuato immediatamente) e se lo fa con carta di credito o vaglia cambiario sarà a credito (il pagamento sarà effettuato alla fine del mese);

* Legale o illegale : secondo il grado di osservanza delle attuali leggi del commercio. Se non vengono rispettati, si dice che siano illegali e se lo faranno, sarà un atto commerciale lecito;

* Importazione o esportazione : rispetto al luogo di origine del prodotto, sia dal territorio nazionale che dall'estero;

* Gratuito o monopolistico : se si considera il numero di offerenti presenti sul mercato. Se c'è un solo fornitore, ci troveremo di fronte a un atto di monopolio; Se ci sono molti commercianti che offrono lo stesso prodotto e competono sul mercato, si dice che sia un atto commerciale gratuito.

È importante che i partecipanti a un atto commerciale abbiano piena capacità di esercitare tale commercio; si può sapere se la legge è presa in considerazione e la sua osservanza nello scambio. Inoltre, a seconda dell'elemento in cui viene commercializzato, devono essere presi in considerazione i requisiti caratteristici di tale settore.

Raccomandato
  • definizione popolare: ramo

    ramo

    Branch è il processo e il risultato della ramificazione . Questo verbo può riferirsi a una domanda specifica (quando i rami di una pianta o di un albero emergono o crescono ) o qualcosa di simbolico (un tema o un fatto che è diviso in diverse unità o che si diffonde in luoghi diversi). Per capire quali sono le ramificazioni, quindi, dobbiamo capire il concetto di ramo . I
  • definizione popolare: essere umano

    essere umano

    L'essere umano è definito come uomo, un animale appartenente alla famiglia dell'homo sapiens . Sebbene sia comune definirci a livello generico come uomini , questo termine può causare qualche confusione poiché si riferisce anche al sesso maschile. Gli storici dicono che, in epoca preistorica , l' homo genere era composto da diverse specie. T
  • definizione popolare: inondazione

    inondazione

    L'allagamento è chiamato il diluvio di un corso d'acqua che lo fa raggiungere un flusso molto più alto del solito. Per questo motivo, il letto potrebbe non essere nemmeno in grado di contenere acqua , una caratteristica che si traduce in un'alluvione . L'alluvione, che è anche nota come via d'acqua , può avere origini diverse. La
  • definizione popolare: ronzio uccello

    ronzio uccello

    Un colibrì è un uccello appartenente al gruppo familiare del troquido . È così che conosciamo quegli uccelli caratterizzati dalle loro dimensioni ridotte e dalla loro capacità di sospendersi nell'aria grazie al rapido movimento delle loro ali , che emette un tipico ronzio. I colibrì (o colibrì , come accolto anche dalla Reale Accademia Spagnola ), quindi, sono sospesi nell'aria per accedere al nettare dei fiori , che si prestano grazie al suo picco allungato. Per q
  • definizione popolare: assemblea costituente

    assemblea costituente

    L'assemblea , con origine nella parola francese assemblare , è un'istituzione creata dall'appello di un certo numero di individui che si incontrano per discutere di alcuni problemi e prendere una decisione su di essi. Costituente , da parte sua, è un termine usato per nominare la persona o l'oggetto (fisico o simbolico) che crea, compone o determina qualcosa.
  • definizione popolare: censura

    censura

    La censura è la correzione o la disapprovazione di qualcosa. Il termine, che deriva dalla censura latina, è usato per nominare il giudizio e l' opinione che si fa su un'opera. Ad esempio: "Lo scrittore ha denunciato la censura da parte dell'editore che ha rifiutato di pubblicare il suo testo sulla vita del presidente" , "I giornalisti hanno il dovere morale di combattere la censura in tutte le sue forme" , "La censura pubblica è sentito attraverso fischi e grida contro il giocatore . &