Definizione Plantae del Regno

Reino, dal latino regnum, è un termine con diversi usi e significati. Può essere la regione governata da una monarchia (dove la posizione più importante è esercitata da un re ) o il contesto specifico di un'attività. Nel campo della biologia, un regno è una delle suddivisioni che consente la distribuzione degli esseri viventi secondo le loro caratteristiche in comune.

Pianta del Regno

La nozione di regno delle plantae è parte del campo della biologia. Plantae è un taxon che rientra nella categoria tassonomica del regno. Il significato più esteso di questa categoria coincide con l'oggetto di interesse della botanica .

I regni plantae possono includere piante, alghe, funghi e cianobatteri . Tuttavia, la classificazione più comune contiene alghe, funghi e cianobatteri in altri regni, quindi il taxon plantae includerebbe solo le piante.

Pertanto, si può affermare che il regno del plantae comprende tutti quegli organismi di tipo pluricellulare, che hanno cellule eucariotiche e pareti cellulari organizzate secondo certi gradi di specializzazione funzionale.

I membri del regno plantae ricevono energia dai raggi solari, che assorbono attraverso la clorofilla dei cloroplasti delle loro cellule . Attraverso la fotosintesi trasformano l'H2O e la CO2 in zuccheri che usano come fonte di energia per la loro sussistenza. Questi esseri viventi hanno anche la capacità di nutrirsi ( sono autotrofi ) grazie ai minerali, all'acqua e alle sostanze che raccolgono dal suolo e dall'aria.

Sebbene le piante non abbiano mobilità, riescono a esplorare l'ambiente circostante attraverso organi come le radici, che permettono loro di assorbire vari nutrienti per sviluppare proteine e altre molecole .

Le diverse classi e la loro riproduzione

Ci sono circa 400 mila specie incluse in questo Regno sparse in tutto il mondo, eccetto le calotte polari, le regioni più fredde del pianeta dove la vita vegetale non è possibile.

Gli organismi del Regno di Plantae non possono muoversi perché hanno le loro radici attaccate alla terra; tuttavia, per la procreazione, i loro semi di spore si spostano per stabilirsi altrove. Le spore sono composte da cellule uniche che tutte le verdure hanno e che sono separate dall'organismo materno per moltiplicarsi ; Nel caso di piante superiori (alcuni alberi, piante da fiore), la moltiplicazione viene eseguita da semi che spesso si muovono attraverso il vento o altri organismi viventi lontano da dove il loro genitore deve diventare un nuovo individuo della specie

Vale la pena ricordare che all'interno di questo regno, possiamo trovare quattro gruppi fondamentali : muschi (briofiti), felci (pteridofite), conifere (gimnosperme) e piante da fiore (angiosperme).

Tra le bifore le piante più vecchie non hanno vasi o tubi per il trasporto di minerali e altre sostanze da vivere, per questo motivo le sue dimensioni sono piuttosto piccole rispetto ad altre piante.

Pteridofite, gimnosperme e angiosperme, d'altra parte, hanno due tipi di tessuti vascolari : uno per trasferire l'acqua da terra a ciascuna regione del corpo, chiamato xilema, e un altro per distribuire il cibo che è stato prodotto dalla fotosintesi, che si chiama floema .

Per quanto riguarda il tipo di riproduzione, come abbiamo già detto, è diverso tra loro. Le felci lo fanno attraverso spore, conifere e piante da fiore dai semi ; i primi hanno i semi nudi, come nel caso dei pini (ananas) e altri sono coperti da un frutto (ciliegie).

Va detto che la varietà di piante esistenti è molto ampia. Molti di loro sono stati scoperti e classificati, altri. ne è stato anche osservato un numero molto elevato, ma gli scienziati non sono d'accordo su come dovrebbero essere classificati e, in un terzo gruppo, ci sono tutte quelle piante che sono ancora assolutamente sconosciute ; Vale la pena aggiungere che si ritiene che ce ne siano molti.

Raccomandato
  • definizione: sventura

    sventura

    Una disgrazia è un evento che provoca sofferenza o tristezza . Il concetto si riferisce anche alla situazione sofferta da chi sta attraversando un momento doloroso . Ad esempio: "Il presidente spagnolo simpatizza per la disgrazia subita dal popolo haitiano" , "La chiusura della compagnia è stata una disgrazia per centinaia di vicini" , "La sfortuna era presente in famiglia quando, in un incidente, sono morti i due figli della coppia .
  • definizione: difficoltà

    difficoltà

    La parola difficoltà deriva dal termine latino " difficile" . Il concetto si riferisce al problema, alla rottura o alla situazione che si presenta quando una persona cerca di ottenere qualcosa. Le difficoltà, quindi, sono gli svantaggi o gli ostacoli che devono essere superati per raggiungere un determinato obiettivo.
  • definizione: duna

    duna

    Una parola germanica ( dūno ) che è successo agli olandesi ( duin ) è l'antecedente etimologico della duna . Questo termine è usato per indicare una collina formata da sabbia che si muove e si accumula a causa dell'azione del vento . Le dune sono frequenti su spiagge e deserti . Il concetto, secondo il dizionario della Royal Spanish Academy ( RAE ), è sinonimo di duna . L&#
  • definizione: bellezza

    bellezza

    La bellezza è associata alla bellezza . È un apprezzamento soggettivo: ciò che è bello per una persona, potrebbe non essere per un'altra. Tuttavia, è noto come canone di bellezza per certe caratteristiche che la società in generale considera attraenti, desiderabili e belle. La concezione della bellezza può variare tra culture diverse e cambiare nel corso degli anni. La be
  • definizione: insonnia

    insonnia

    La nozione di insonnia , che ha la sua origine etimologica nella parola latina insomnium , si riferisce ai problemi di addormentarsi quando è il momento di dormire . Il concetto si riferisce anche alla veglia (lo stato di chi è sveglio o sveglio). L'idea di insonnia, quindi, si riferisce alla difficoltà di addormentarsi o all'assenza di sonno . Q
  • definizione: prolessi

    prolessi

    La prolassi è un concetto che deriva dalla lingua greca. Il termine è usato nel campo della retorica , della filosofia e del cinema per riferirsi all'anticipazione di alcune questioni. La prolassi può essere la risorsa della narrazione usata per anticipare una dichiarazione o per mettere in pausa il presente narrativo e narrare un evento che si svolge nel futuro . A