Definizione schermo

L'origine etimologica dello schermo non è chiara. Gli esperti ritengono che provenga dallo schermo catalano, che è emerso dalla combinazione di pàmpol e ventalla .

schermo

Nella nostra lingua, il termine ha usi diversi. È usato per dare un nome alla tela su cui un artefatto speciale è responsabile per la proiezione di determinate immagini e il dispositivo che, nel campo dell'informatica e della tecnologia, consente la visualizzazione dei dati.

Ad esempio: "Non vedo nulla: lo schermo è molto sporco", "Voglio sedermi nelle prime file perché, se mi trovassi alle spalle, le persone più alte coprono lo schermo", "Quando mio figlio vede Maradona sullo schermo, inizia a urlare e a cantare " .

Tuttavia, nel mondo cinematografico viene utilizzato anche il termine che stiamo analizzando. Nello specifico, il concetto di schermo è usato per riferirsi alla superficie bianca e alle grandi dimensioni che esistono nelle diverse sale cinematografiche su cui sono proiettati i film.

In questo senso, bisogna sottolineare che l'espressione "grande schermo" è usata per riferirsi al mondo del cinema in generale, mentre quando si parla di un piccolo schermo si parla di cosa sia il mondo della televisione.

Il concetto può essere usato come sinonimo di monitor quando si tratta di computer . Lo schermo, collegato alla scheda video e attraverso alcuni programmi, consente di mostrare i risultati derivati ​​dalle attività di elaborazione eseguite dal computer. L'evoluzione tecnologica ci ha permesso di passare da schermi monocromatici a quelli attuali in grado di visualizzare milioni di colori.

Oggigiorno, la maggior parte dei monitor e dei televisori dei computer hanno uno schermo piatto grazie all'eliminazione dei tubi catodici. Tra gli schermi piatti spiccano gli schermi a cristalli liquidi (LCD) e gli schermi al plasma : "Mio padre mi ha regalato uno schermo LCD per guardare la Coppa del Mondo", "Voglio comprare un grande schermo per godermi il cinema a casa, anche se non Decido tra plasma e LCD " .

Oltre a tutto quanto sopra, è interessante menzionare un'espressione esistente che viene utilizzata nel mondo degli affari e legale. In particolare, ci riferiamo alla locuzione verbale: la società dello schermo. Una terminologia utilizzata per definire tutta l'azienda che apparentemente ha una forma giuridica, ma che in realtà sviluppa azioni di natura illegale.

Per questo motivo, si può affermare che una società di questo tipo è in grado di fungere da copertura per attività illegali, reati e riciclaggio di denaro. E tutto questo viene fatto, ad esempio, attraverso la realizzazione di false fatture.

Questa terminologia è stata particolarmente apprezzata in Spagna in seguito alla scoperta del caso Nóos, in cui è implicato il genero del re Juan Carlos I (Iñaki Urdangarín). E questo è accusato di deviare fondi pubblici attraverso una società come quella menzionata sopra.

Lo schermo, infine, è il foglio che viene installato attorno a una fonte artificiale di luce per dirigere la luce o per evitare che danneggi la visione; lo schermo posizionato davanti a un camino per proteggere il calore eccessivo; e l' essere umano che, fisicamente o metaforicamente, nasconde un altro.

Raccomandato
  • definizione: sala

    sala

    In latino è dove possiamo trovare l'origine etimologica della navata di parole, che è un passo diminutivo. In particolare, deriva dalla parola "pasus". Un corridoio è un ambiente o uno spazio di una costruzione che viene utilizzato come connettore per collegare stanze diverse. È un luogo allungato e stretto , che viene usato di passaggio (cioè non rimane in esso, ma viene usato quando si va in un altro posto all'interno dell'edificio in questione). Ad
  • definizione: PVC

    PVC

    Il PVC è il nome con cui è nota la polivinilcloruro , una plastica che deriva dalla polimerizzazione del cloroetilene monomero (noto anche come cloruro di vinile ). I componenti in PVC derivano dal cloruro di sodio e dal gas naturale o dal petrolio e includono cloro, idrogeno e carbonio. Nel suo stato originale, il PVC è una polvere amorfa e biancastra. L
  • definizione: cristiano

    cristiano

    Gentile , dal latino gentilis , è un aggettivo che si riferisce a qualcuno che mostra cortesia e gentilezza . Ad esempio: "Ho già incontrato il nuovo vicino: è un uomo molto gentile e rispettoso" , "Se vuoi sedurre una donna, devi essere gentile" , "Mi sono stancato di essere gentile e di persone che approfittano della mia buona volontà " , " Il mondo sarebbe un posto migliore se ci fossero più uomini gentili " . La
  • definizione: ammorbidire

    ammorbidire

    Il verbo ammorbidito si riferisce all'azione di fare qualcosa di morbido (flaccido, flaccido, morbido o morbido). Ad esempio: "Per ammorbidire la carne, è meglio colpirla con un impasto o bollirla per un'ora" , "Il nuovo materasso è un po 'duro, ma so che si ammorbidirà con il passare dei giorni" , "La ricetta Indica che la cosa migliore è ammorbidire i ceci in acqua tiepida . &q
  • definizione: impassibile

    impassibile

    La nozione di impassibile , che deriva dalla parola latina impassibélis , si riferisce a chi rimane inalterabile, immutabile o inflessibile . Questo aggettivo è usato per descrivere il soggetto che sembra non avere emozioni o sentimenti . Ad esempio: "Il governo non può rimanere impassibile davanti all'aggravamento della crisi economica e sociale che attraversa il paese" , "La povertà che ho osservato attraversando il territorio nazionale non mi ha lasciato impassibile, così ho deciso di creare un'associazione civile per aiutare il più bisognoso " , " Il deputat
  • definizione: insicurezza

    insicurezza

    Il dizionario della Royal Spanish Academy (RAE) definisce l' insicurezza come mancanza di sicurezza . Questo concetto, derivato dal latino securĭtas , si riferisce a ciò che è privo di pericolo, danno o rischio, o che è vero, fermo e indubitabile. Più esattamente possiamo determinare che questa parola, a partire dalla sua origine etimologica latina, è costituita dall'unione di più parti: il prefisso - in cui è equivalente alla negazione, la parola che può essere tradotta come "separata", il curus che è sinonimo di "Cura" e infine il suffisso - papà che equivale a &qu